Venezia, ecco di nuovo le gondole, ma senza turisti tornano al servizio antico: traghettano i veneziani sul Canal Grande


Da oggi riprende il servizio pubblico dei traghetti da parada, le grandi gondole che trasportano da una sponda all’altra del Canal Grande.

In questo periodo di limitazione negli spostamenti e di divieto di andare da una regione all’altra, a seguito delle misure restrittive per emergenza sanitaria Covid-19, la città della laguna è percorsa unicamente dagli stessi veneziani. Nessun turista infatti può visitare per il momento una delle più belle città d’Italia e del mondo, lasciandosi trasportare sui canali dalle tipiche imbarcazioni per ammirarne le bellezze e per provare una delle più caratteristiche esperienze se si giunge, almeno per la prima volta, a Venezia. 

Da oggi, 18 maggio, riprende il servizio pubblico dei traghetti da parada, speciali gondole di dimensioni più grandi rispetto a quelle che solitamente vengono utilizzate per un giro romantico in coppia e che navigano sul Canal Grande, ma adesso trasportano solamente i veneti. 

In passato il passaggio da una sponda all’altra del Canal Grande poteva avvenire solo mediante un mezzo galleggiante e, secondo le testimonianze dei cronisti, qualsiasi transito acqueo tra isola e isola o tra isola e terraferma veniva denominato “traghetto”, sia per indicare il servizio di trasporto e il luogo d’inizio e di fine traghettamento, nonché l’imbarcazione destinata a compiere il trasporto di persone o cose su un definito percorso. E già in antichità i barcaioli si erano organizzati in fraglie, dotandosi di specifici statuti, dando vita al trasporto pubblico urbano

Sono tornati attivi dal 18 maggio i traghetti da parada di Santa Sofia (dal lunedi al sabato 8,30–13,30 / domenica e festivi 9-12) e di San Tomà (dal lunedì al venerdì 8–13 / sabato, domenica e festivi 9-12): potranno salire a bordo al massimo sei persone, mantenendo tra loro la distanza di un metro ed è obbligatorio l’uso di guanti e mascherine. I traghetti Dogana, S.M. del Giglio e Carbon sono attualmente sospesi. 

Per i residenti e i possessori di tessera IMOB l’attraversamento del Canal Grande sui traghetti da parada avrà un costo di 0,70 euro, mentre per altri passeggeri avrà il costo di due euro.

“Oggi finalmente riaprono i due traghetti di Santa Sofia, in zona pescheria a Rialto, e di San Tomà” ha commentato il consigliere delegato alla Tutela delle Tradizioni, Giovanni Giusto. “Stiamo predisponendo i dispositivi necessari per garantire la distanza prevista dalla normativa sia nell’attesa dell’imbarcazione, sia nelle operazioni di salita e sbarco. È una buona notizia, un segnale della voglia di tutti di ripartire per poter tornare al più presto alla normalità, senza mai abbassare però la guardia per poter sconfiggere definitivamente il virus”.

Ph.Credit

Venezia, ecco di nuovo le gondole, ma senza turisti tornano al servizio antico: traghettano i veneziani sul Canal Grande
Venezia, ecco di nuovo le gondole, ma senza turisti tornano al servizio antico: traghettano i veneziani sul Canal Grande


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER