Virginia Raggi: “Musei e siti archeologici dovrebbero essere gratuiti”


Nel corso del suo intervento all’Italian Youth Forum, la sindaca di Roma Virginia Raggi ha dichiarato che i musei dovrebbero essere gratuiti. 

La sindaca di Roma Virginia Raggi ha partecipato ieri all’Italian Youth Forum, che si è svolto interamente online, dell’Associazione Italiana Giovani per l’Unesco

Rispondendo alla proposta di un ingresso gratuito nei luoghi statali della cultura per gli under 35 nei prossimi due anni, la sindaca ha dichiarato: "A mio avviso i luoghi della cultura come i musei e i siti archeologici dovrebbero essere gratuiti“. E ha proseguito: ”La cultura è una parte importantissima del nostro modo di essere e mettere una barriera all’ingresso ne impedisce la fruizione come luoghi quotidiani. Non bisogna programmare di andare al museo, dovrebbe essere la continuazione di una normale passeggiata". 

È nata da questo assunto la scelta di Roma Capitale di inventare la MIC card, la carta che consente ai residenti di Roma permanenti e temporanei di visitare tutti i musei civici del Comune di Roma a 5 euro per tutto l’anno. E a proposito ha concluso: “Vogliamo incentivare la frequentazione dei musei e dei siti come si può fare in una passeggiata per strada e in un parco. È assurdo come gli abitanti di una città la conoscano meno dei turisti. Questo è un pilastro non negoziabile, sposo la vostra proposta e spero si possa andare oltre”. 

Virginia Raggi: “Musei e siti archeologici dovrebbero essere gratuiti”
Virginia Raggi: “Musei e siti archeologici dovrebbero essere gratuiti”


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma