Art Night ci porta a Napoli, tra Baia e il Madre


La puntata di Art Night di questa sera è dedicata interamente a Napoli. Si parte con un documentario su Baia, la città sommersa, per proseguire con il Museo Madre situato nell’ottocentesco Palazzo Donnaregina.

Questa sera, venerdì 4 febbraio, andrà in onda su Rai5 alle ore 21.15 una nuova puntata di Art Night, programma condotto da Neri Marcorè, di Silvia De Felice e di Emanuela Avallone, Massimo Favia, Alessandro Rossi, con la regia di Andrea Montemaggiori. La puntata sarà interamente dedicata a Napoli, città che nella sua cultura e nella sua arte ha unito bellezza e dolore.

Si parte con Baia. La città sommersa, documentario scritto e diretto da Marcello Adamo con la collaborazione ai testi di Andrea Branchi, prodotto da GA&A Productions e Filmare Entertainment in collaborazione con RAI CULTURA, realizzato grazie alla sinergia con l’Istituto Centrale per il Restauro, il Parco archeologico dei Campi Flegrei e il CNR. Un viaggio alla scoperta di Baia, attraverso un esclusivo accesso alla campagna di restauri subacquei.

Dalla cooperazione tra enti e istituti nasce l’ambizioso progetto della campagna di restauro permanente, della quale il documentario racconta alcune fasi. Le riprese subacquee documentano l’intervento del team multidisciplinare di tecnici, scienziati e ricercatori ai quali è affidato il compito di preservare attraverso tecniche pionieristiche i reperti custoditi in fondo al mare. Si tratta di un lavoro unico al mondo, al quale sono rivolte le attenzioni della comunità scientifica internazionale oltre a quelle di milioni di appassionati. Attraverso l’uso della computer grafica, il documentario offre un’immagine viva e vitale di Baia, della quale scopriamo le ville e l’affaccio sul mare che ne facevano un rifugio dall’austera e frenetica vita della capitale per gli imperatori e i romani facoltosi. Le continue scoperte compiute dagli archeologi testimoniano che sono ancora molti i tesori archeologici da trovare e tutelare, anche in considerazione del fatto che solo una piccola parte dell’area archeologica è stata studiata.

La serata prosegue con Madre, di Luigi Pingitore; una produzione No Spoon Film in collaborazione con Rai Cultura.

Nel cuore di Napoli, i tre piani dell’ottocentesco Palazzo Donnaregina ospitano il Museo Madre: 7.200 metri quadrati di spazi espositivi, con installazioni site-specific, opere della collezione permanente e installazioni temporanee. Raccontare il museo Madre significa raccontare quattro dimensioni intrinsecamente connesse. La prima riguarda il museo come dimensione architettonica, con i suoi corridoi, la terrazza panoramica, i tre piani collegati dalla scala, gli ambienti interni ed esterni. Poi il museo in quanto contenitore di opere d’arte: le collezioni site specific, le mostre non permanenti, le installazioni. Una terza dimensione riguarda le persone. Chi ci lavora, chi lo guida e chi lo visita. E infine, il contesto urbano nel quale il Madre è inserito, dato che il museo sorge a cavallo di due quartieri antichissimi ed estremamente popolari, come Forcella e il rione Sanità. Ed è proprio il contrasto tra la vocazione alla contemporaneità del museo e l’anima più conservatrice della città attorno a creare un suggestivo arazzo cromatico e sonoro che sintetizza appieno la capacità di Napoli di vivere in perenne equilibrio tra un passato antichissimo e la modernità più avanzata.

Immagine: Baia, città sommersa.

Art Night ci porta a Napoli, tra Baia e il Madre
Art Night ci porta a Napoli, tra Baia e il Madre


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Su Sky Arte la nuova serie dedicata ai grandi maestri della pittura, da Masaccio a Mantegna
Su Sky Arte la nuova serie dedicata ai grandi maestri della pittura, da Masaccio a Mantegna
10 film per appassionati d'arte (inclusi classici) da vedere su RaiPlay durante il lockdown
10 film per appassionati d'arte (inclusi classici) da vedere su RaiPlay durante il lockdown
Lunedì in onda su Rai5 il documentario “Le mani dell'arte” per vedere come nascono le opere
Lunedì in onda su Rai5 il documentario “Le mani dell'arte” per vedere come nascono le opere
Su Rai5 due documentari dedicati a Botticelli e Gillo Dorfles, grandi maestri alla ricerca della bellezza
Su Rai5 due documentari dedicati a Botticelli e Gillo Dorfles, grandi maestri alla ricerca della bellezza
Arte in tv dal 25 al 31 gennaio: dalle Ninfee di Monet alla docu-serie su arte e denaro
Arte in tv dal 25 al 31 gennaio: dalle Ninfee di Monet alla docu-serie su arte e denaro
Arte in tv di fine 2020: il docufilm su Pompei, gli impressionisti segreti, la Madonna Sistina
Arte in tv di fine 2020: il docufilm su Pompei, gli impressionisti segreti, la Madonna Sistina