Decolonizzazione: restituire le opere d'arte trafugate? Se ne parla su Rai5 domani


Il tema della restituzione delle opere d'arte ai paesi d'origine è al centro di un talk che andrà in onda domani su Rai5. E ci sarà anche un po' di Finestre sull'Arte.

È giusto restituire le opere d’arte sottratte ai paesi d’origine? Questa è la domanda al centro della puntata del talk-show Terza pagina che va in onda domani, sabato 20 febbraio, alle 18:20 su Rai5. È infatti sempre più attuale il tema della decolonizzazione culturale e della restituzione delle opere d’arte che sono state trafugate dai Paesi di origine in seguito a guerre, occupazioni, colonizzazione, esplorazioni o scavi archeologici di vario tipo, per poi venire esposte nei musei o nelle piazze del mondo nordoccidentale.

In moltissimi casi la restituzione è sacrosanta, ma lo è sempre? A quali condizioni e secondo quali motivazioni? Terza Pagina, il talk culturale condotto da Licia Troisi, si interroga sabato su questo argomento: un argomento dove politica, identità e arte ancora devono trovare una non facile composizione. Intervengono Alessandro Masi, segretario generale della Società Dante Alighieri; Emanuele Bevilacqua, docente universitario e giornalista; Federica Gentile, autrice e conduttrice radiotelevisiva.

Ci sarà anche un po’ di spazio per Finestre sull’Arte, visto che si farà cenno al dibattito che la nostra testata ha ospitato nel 2019 sulla versione cartacea della rivista, ma che potete trovare adesso anche sulla versione online (qui la prima parte, qui invece la seconda).

Nell’immagine: il moaï del British Museum, al centro di un acceso dibattito sulla sua restituzione all’isola di Rapa Nui

Decolonizzazione: restituire le opere d'arte trafugate? Se ne parla su Rai5 domani
Decolonizzazione: restituire le opere d'arte trafugate? Se ne parla su Rai5 domani


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE