Al via la prima edizione di Bolzano Art Weeks


Dal 24 settembre al 3 ottobre 2021 si terrà la prima edizione di Bolzano Art Weeks: oltre 80 progetti espositivi in tutta la città e oltre 70 istituzioni, artisti e protagonisti della scena artistica altoatesina coinvolti.

Apre venerdì 24 settembre 2021 la prima edizione di BAW - Bolzano Art Weeks, evento collettivo che si svolgerà fino al 3 ottobrre 2021 in tutta la città di Bolzano, riunendo nell’arco di dieci giorni oltre ottanta progetti espositivi diffusi e coinvolgendo oltre settanta istituzioni, associazioni, artisti e protagonisti della scena artistica e culturale altoatesina. 

L’iniziativa è nata da un’idea della curatrice e manager culturale Nina Stricker, che dichiara: “BAW – Bolzano Art Weeks intende raccogliere e dare impulsi, catalizzare e far esplodere le energie collettive per tanto tempo rimaste inattive, far seguire a mesi di chiusura settimane fertili di festosa apertura, ritornare alla vita urbana per esplorare la città nella sua complessità e varietà per rendere di nuovo l’arte un’esperienza di produzione e fruizione per molti, dopo un periodo particolarmente difficile di isolamento e forzata immobilità”.

Sullo sfondo delle grandi mostre appena inaugurate a Museion, ar/ge Kunst e quelle di Transart, Foto Forum/Fondazione Antonio Dalle Nogare che apriranno nell’ambito di BAW, tra gli eventi più significativi è l’esposizione dell’arazzo di grandi dimensioni Recycled Brain di Christian Fogarolli, frutto di un percorso di residenza che l’artista ha condotto, su invito di A Collection APS, insieme al maestro tessitore Giovanni Bonotto e con la supervisione di Chiara Casarin, e che sarà presentato in collaborazione con Galerie Alberta Pane in occasione del Pre-opening di BAW il 23 settembre. E ancora, la mostra Art and Textile di Lottozero, l’Open Studio di Marcello Jori a cura di Kathrin Oberrauch e la performance TIME INFLUENCE (Chess Flu) di Stefano Cagol. L’artista mette in atto una sorta di partita a scacchi come performance sulla scacchiera monumentale che ha realizzato quatttordici anni fa al Parco Mignone: una meditazione sul tempo in un momento di sovversione della sua dimensione individuale, collettiva e universale. Infine l’installazione partecipativa Disco for one dell’artista greca Maria Papadimitriou esposta all’ultima Biennale Gherdëina e re-installata davanti al Teatro Comunale di Bolzano in occasione del Musical I Feel Love in omaggio alle musiche di Giorgio Moroder.

Tra i luoghi da scoprire, Maria Heim con le opere di Elisabeth Hölzl, Arnold Mario dall’Ò e Stefano Bernardi o Castel Hörtenberg con le fotografie di Ulrich Egger; da segnalare le proposte inedite di altri artisti invitati da BAW come quelle di Christian Martinelli, Franziska Schink e Antonio Villa.

BAW – Bolzano Art Weeks è organizzato da Cooperativa 19 e da Südtiroler Künstlerbund con il sostegno delle ripartizioni Cultura Italiana e Cultura Tedesca della Provincia Autonoma di Bolzano e della Fondazione Cassa di Risparmio dell’Alto Adige.

Per maggiori info: bolzanoartweeks.com 

Nell’immagine, Maria Papadimitriou, Disco for one

Al via la prima edizione di Bolzano Art Weeks
Al via la prima edizione di Bolzano Art Weeks


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Barocco     Firenze     Frammenti