A Firenze parte un festival culturale tutto sulle donne. E avrà un'importante sezione sull'arte


A Firenze dal 21 al 23 settembre 2018 parte ’L’eredità delle donne’, festival culturale tutto dedicato alle donne con anche una sezione sull’arte.

A Firenze, dal 21 al 23 settembre 2018 (in occasione delle Giornate del Patrimonio), si terrà il festival culturale L’Eredità delle Donne. Sarà condotto da Serena Dandini e avrà tra i suoi ospiti importanti personalità nazionali e internazionali provenienti dai diversi ambiti della cultura: giornalismo, politica, cinema, scienza e ovviamente arte, il tutto con una chiave di lettura tutta al femminile per evidenziare il valore, la preziosa eredità e la grande influenza che le donne hanno dato e continuano a dare in questi settori. Il festival affronterà, per la prima volta in Italia, il tema dell’empowerment femminile attraverso la cultura, l’informazione e l’intrattenimento.

Sotto l’egida di una matrina “storica”, ovvero Anna Maria Luisa de’ Medici (Firenze, 1667 - 1743), scelta in virtù della sua passione per la cultura che la portò a vincolare allo stato toscano la grande collezione della famiglia, il festival propone al pubblico un programma denso di appuntamenti, composto di tre serate teatrali ideate da Serena Dandini, e un programma di iniziative in collaborazione con le principali istituzioni culturali fiorentine che in alcuni casi svelano per la prima volta o in anteprima pezzi poco conosciuti del patrimonio artistico cittadino. I valori e lo spirito del festival saranno condivisi da numerosi soggetti culturali e commerciali fiorentini i quali nelle tre giornate organizzeranno gli appuntamenti che andranno a costituire un cartellone off che trasformerà temporaneamente Firenze nella città delle donne.

Uno dei focus principali del Festival sarà sull’industria culturale: parteciperanno agli incontri Ilaria Borletti Buitoni, presidente onorario di Amref Italia Onlus e già sottosegretario al MIBACT, Valeria Napoleone, collezionista d’arte contemporanea e curatrice, l’imprenditrice Giannola Nonino, la gallerista Lia Rumma e Patrizia Sandretto Re Rebaudengo, presidente della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, tutte donne impegnate nel diffondere e promuovere la conoscenza e nel finanziare le espressioni artistiche del presente. Sabato 22 settembre, alla Terrazza della Biblioteca delle Oblate, le protagoniste della produzione culturale contemporanea si daranno appuntamento per fare luce sulle dimensioni economiche e gli strumenti essenziali del mecenatismo al femminile.

Gli incontri si terranno a Palazzo Corsini, che aprirà gratuitamente per la prima volta nella storia tutta la collezione dell’antica famiglia nobile fiorentina dei Corsini. A raccontarla ai visitatori saranno le nipoti di Elena Corsini per una storia tutta al femminile. Il fatto che questo patrimonio (che conserva, tra gli altri, i capolavori di Botticelli, Filippino Lippi, Pontormo e Giovanni Bellini) sia giunto sino a noi e ora sia conservato a Palazzo Corsini si deve, infatti, al coraggio, alla modernità e all’intraprendenza di Elena Corsini che durante la Seconda Guerra Mondiale salvò in maniera rocambolesca un tale straordinario tesoro, oggi appartenente alle quattro sorelle Corsini. E sempre nell’ambito del festival, il pubblico potrà vedere in anteprima la Crocifissione di Plautilla Nelli (Firenze, 1524 - 1588) in corso di restauro (l’opera appartiene al Museo del Cenacolo di Andrea del Sarto e sta subendo l’intervento di Rossella Lari, condotto grazie al contributo di AWA Advancing Women Artists Foundation, in collaborazione con il Polo Museale della Toscana). Sono previste visite guidate al laboratorio.

Ma sono molte altre le iniziative del festival, tutte a ingresso gratuito fino a esaurimento posti. Per maggiori informazioni è possibile visitare il sito www.ereditadelledonne.eu.

Il progetto è patrocinato dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, dal Comune di Firenze e dall’Estate Fiorentina, con la partnership di Gucci, con il contributo di Poste Italiane, Banca CR Firenze del Gruppo Intesa San Paolo, Pitti Immagine e “Tuscany, la bellezza della carta”, un marchio di Cartiere Carrara, in collaborazione con Publiacqua SpA, con la sponsorship tecnica di Unicoop Firenze, in gemellaggio con HF Ile-de-France e con l’Associazione MèMO, con la media partnership di RAI Radio 2 e di Fenysia - Scuola dei linguaggi della cultura.

A Firenze parte un festival culturale tutto sulle donne. E avrà un'importante sezione sull'arte
A Firenze parte un festival culturale tutto sulle donne. E avrà un'importante sezione sull'arte


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER