Leonardo da Vinci, l'Uomo Vitruviano è protagonista di una mostra a Venezia che espone 70 disegni


È in programma dal 17 aprile al 14 luglio 2019, alle Gallerie dell’Accademia di Venezia, la mostra Leonardo da Vinci. L’uomo modello del mondo, organizzata nel cinquecentenario della scomparsa di Leonardo da Vinci (Vinci, 1452 - 1519): la mostra, curata da Annalisa Perissa Torrini e Valeria Poletto, espone una delle più celebri opere di Leonardo, il cosiddetto Uomo vitruviano (qui un nostro dettagliato approfondimento sul famoso foglio), e tutti gli altri fogli autografi di Leonardo presenti nelle raccolte del museo veneziano (sono in tutto venticinque). L’importante collezione leonardesca delle Gallerie dell’Accademia consente di allestire un excursus sulla produzione dell’artista vinciano e ne documenta, lungo tutto l’arco di attività, le ricerche scientifiche con studi di proporzione del corpo umano, botanica, ottica, fisica, meccanica, armi, e con studi preparatori per alcuni dipinti come la celebre Battaglia di Anghiari e la Sant’Anna con la Vergine e il Bambino.

Ma non ci saranno solo i fogli di Venezia in mostra: accanto ai disegni delle Gallerie dell’Accademia arrivano infatti altri importanti fogli di Leonardo, prestiti provenienti dalla Royal Collection di Windsor Castle, dalla National Gallery di Washington, dal Fitzwilliam Museum di Cambridge. Il percorso dell’esposizione intende infatti ripercorrere, attraverso gli esempi grafici del maestro e dei suoi allievi o seguaci, le tappe essenziali della vicenda artistica e scientifica di Leonardo da Vinci, partendo da due Studi per un’Adorazione dei pastori riferibili al periodo giovanile fino alle Tre figure femminili danzanti attribuibili al periodo francese, momento estremo della vita dell’artista conclusasi ad Amboise il 2 maggio 1519.

Una sezione speciale sarà dedicata allo studio di proporzioni e di anatomia che vedrà come fulcro l’Uomo Vitruviano accostato, oltre ad importanti fogli di Windsor, ad alcune pagine del codice Huygens eccezionalmente provenienti dalla The Morgan Library & Museum di New York. Il codice Huygens è un manoscritto rinascimentale attribuito a Carlo Urbino da Crema (Crema, 1525 - 1585) che riproduce riflessioni di Leonardo sul movimento dei corpi, rilevando un pensiero sotteso al celebre foglio delle Gallerie dell’Accademia e, forse, il volume a cui il disegno era destinato. Un ulteriore approfondimento sarà dedicato, inoltre, alle fonti e ai riflessi degli studi di proporzioni e di anatomia leonardiani con l’esposizione di antiche edizioni del De architectura di Vitruvio, del Divina proportione di Luca Pacioli, del Preclarissimus liber elementorum di Euclide, del De Humani corporis Fabrica di Andrea Vesalio.

Sono in tutto oltre settanta le opere complessive tra le quali, ben trentacinque autografe di Leonardo. La mostra è visitabile negli orari d’apertura delle Gallerie: il lunedì dalle 8:15 alle 14, dal martedì alla domenica dalle 8:15 alle 19:15. Biglietto: intero 15 €; agevolato per ragazzi UE 18-25 anni 3,5 €; gratuità per legge. Per informazioni è possibile visitare il sito www.mostraleonardo.it.

Nell’immagine: Leonardo da Vinci, Le proporzioni del corpo umano secondo Vitruvio - “Uomo vitruviano”, dettaglio (1490 circa; punta metallica, penna e inchiostro, tocchi di acquerello su carta bianca, 34,4 x 24,5 cm; Venezia, Gallerie dell’Accademia)

Leonardo da Vinci, l'Uomo Vitruviano è protagonista di una mostra a Venezia che espone 70 disegni
Leonardo da Vinci, l'Uomo Vitruviano è protagonista di una mostra a Venezia che espone 70 disegni

Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER







Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Barocco     Quattrocento     Genova     Roma    

Strumenti utili