Recensione della mostra Dentro Caravaggio a Milano, Palazzo Reale


Annunciata come una delle mostre-evento di quest’anno e addirittura sold out ancora prima dell’apertura ufficiale del 29 settembre, con più di sessantamila biglietti venduti (ed esauriti in prevendita), la visita alla mostra “Dentro Caravaggio”, che Palazzo Reale di Milano dedica fino al 28 gennaio 2018 all’arte del grande Michelangelo Merisi, meglio conosciuto come Caravaggio, presupponeva non poche aspettative. Il grande pubblico è da sempre stato attratto dalla figura di Caravaggio (Milano, 1571 – Porto Ercole, 1610), oltre che per le sue indubbie capacità artistiche, anche per la sua biografia niente affatto monotona, per la sua esistenza sregolata, per il suo carattere ribelle... e si sa che il “ribelle e dannato” emana un fascino che difficilmente può contrastare con caratteri opposti.

Si attendeva una mostra che potesse competere con quella che fu la più importante esposizione dedicata a Caravaggio del Novecento, ovvero quella che Roberto Longhi curò nel 1951 nelle stesse sale in cui quest’anno è stata allestita la mostra in questione. Anche perché prima della conferenza stampa d’inaugurazione si possedevano pochissime informazioni relative alle scelte dei dipinti da esporre in mostra, nonché relative agli intenti della rassegna.

“Dentro Caravaggio” prende le mosse da un’ampia campagna di studi avviata in occasione del IV Centenario della morte di Michelangelo Merisi (1610-2010). Le ricerche archivistiche, compiute presso l’Archivio di Stato di Roma, hanno condotto, oltre alla revisione di tutti i documenti, a nuove scoperte documentarie che hanno portato a rivedere profondamente la cronologia relativa al primo periodo romano dell’artista.

Ma non solo: le indagini hanno interessato anche la tecnica esecutiva che Caravaggio impiegava nella creazione delle sue opere; indagini diagnostiche, dirette da Rossella Vodret, curatrice dell’attuale esposizione, in collaborazione con il Comitato Nazionale per il IV Centenario della morte di Caravaggio, con la Soprintendenza speciale per il polo museale romano e con l’Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro, che hanno preso il via dal 2009 e che poi sono proseguite nel 2017, grazie al sostegno della Fondazione Bracco, sulle altre opere esposte oggi a Palazzo Reale.

Clicca qui per leggere l’intera recensione...

Recensione della mostra Dentro Caravaggio a Milano, Palazzo Reale
Recensione della mostra Dentro Caravaggio a Milano, Palazzo Reale

Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER







Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Toscana    

Strumenti utili