Che senso hanno le Primarie della Cultura del FAI?


Riflessione sulle Primarie della Cultura del FAI e sui suoi obiettivi all'indomani della candidatura di Ilaria Borletti Buitoni alle elezioni con Monti

Già il 6 gennaio, quando il FAI (Fondo Ambiente Italiano) aveva lanciato le sue Primarie della Cultura, avevo storto il naso. Tengo a precisare che noi sosteniamo e apprezziamo moltissimo tutte le attività del FAI, e oltretutto tra i nostri collaboratori abbiamo due membri del FAI, Riccardo Zironi e Chiara Zucchellini.

Però francamente non mi sento affatto di condividere la scelta di lanciare queste Primarie della Cultura. Intanto perché i temi che si possono votare nell’elenco disponibile online dovrebbero essere tutte priorità per un paese che vuole definirsi civile. E poi perché il sito www.primariedellacultura.it è poco chiaro: alla voce "Primarie della cultura“ si legge infatti che ”non potendo scegliere i candidati, i cittadini dovrebbero avere almeno l’opportunità di scegliere le idee che vorrebbero vedere sostenute dai prossimi governanti". Detta così, sembrerebbe quasi che il FAI inviti a fare una cernita tra i quindici temi proposti nell’elenco, temi che, lo ripetiamo, secondo noi di Finestre sull’Arte dovrebbero avere tutti pari priorità. E che tutto ciò non sia agevolmente interpretabile, lo dimostra anche un articolo del Corriere della Sera dell’8 gennaio in cui si dice che “le cinque idee più votate saranno presentate ai candidati delle prossime elezioni perché se ne facciano carico”1. Bene, e gli altri dieci, che sono altrettanto importanti? Non dovremmo occuparcene solo perché non sono arrivati tra i primi cinque posti in una consultazione online? È vero che sul sito delle Primarie della Cultura si dice che i dati raccolti “servono a stilare la classifica dei temi più votati” senza accenni a “primi cinque” o a scelte, ma è altrettanto vero che manca chiarezza se un giornale come il Corriere ha fornito l’interpretazione di cui poco sopra.

Per non parlare poi della trovata del banner con Giotto, Leonardo da Vinci, Dante Alighieri, Giuseppe Verdi e Federico Fellini impegnati in un comizio elettorale. Una trovata già definita “abbastanza imbarazzante” da Tomaso Montanari2, e secondo me Montanari è stato pure gentile. E come ciliegina sulla torta, la foto, dietro a Giotto, del Duomo e del Campanile di Pisa. Quindi cinque nomi che conoscono anche i sassi e quello che forse è il monumento italiano più noto nel mondo: l’esatto contrario del nostro principio in base al quale la cultura non è fatta di grandi nomi e di quei due o tre capolavori che chiunque conosce. Se quindi uno degli intenti delle Primarie della Cultura è quello di riformare il tipo di politica portata avanti negli ultimi anni dal Ministero dei Beni Culturali, almeno visivamente direi che l’obiettivo è stato pienamente mancato. Oltretutto uno dei temi delle Primarie è Meno Italialand, più Italia: politiche integrate per il turismo, e il fatto che la Torre di Pisa sia uno dei simboli di Italialand, rende molto meno credibile questa consultazione online.

E infine, ci sarebbe poi da discutere sulla terzietà dell’iniziativa alla luce della candidatura di Ilaria Borletti Buitoni, Presidente del FAI, alle prossime elezioni politiche3 e per di più con la lista di Mario Monti, ovvero un presidente del consiglio che, parole di Salvatore Settis, “non ha mostrato la minima sensibilità per i problemi dell’ambiente, dei beni culturali, della scuola, dell’università, della ricerca, della cultura” e che “non ha mostrato alcuna attenzione a questi problemi nemmeno nella sua Agenda, con ciò confermando che, qualora tornasse alla guida del governo, proseguirebbe l’opera di sistematico smantellamento delle strutture statali della tutela e di privatizzazione del patrimonio pubblico iniziato dal governo Berlusconi e di fatto perseguita anche dal governo ’tecnico’”4. Tant’è vero che all’indomani della candidatura di Ilaria Borletti Buitoni, Salvatore Settis ha rassegnato le proprie dimissioni dalla carica di Consigliere del FAI. Il lancio delle primarie il 7 gennaio e la candidatura di Ilaria Borletti Buitoni di cui è stata data notizia l’8 gennaio fanno perlomeno sorgere qualche dubbio. Quindi ripeto, grande rispetto per il FAI, ma di fronte a tutto questo, che senso hanno le Primarie della Cultura?


Note

1. Angelo Crespi, Il Fai e le “primarie della cultura”. Cinque cose concrete da fare subito, dal Corriere della Sera, 8 gennaio 2013.

2. Tomaso Montanari, Primarie della Cultura: iniziativa lodevole ma non basta, dal Fatto Quotidiano, 8 gennaio 2013.

3. Cfr. Monti candida Bombassei, Sechi e Vezzali, da ADN Kronos, 8 gennaio 2013.

4. Cfr. Lettera di dimissioni di Salvatore Settis dal FAI, testo disponibile online sul sito Patrimonio sos, 9 gennaio 2013.


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE

Federico Giannini

L'autore di questo articolo: Federico Giannini

Giornalista d'arte, nato a Massa nel 1986, laureato a Pisa nel 2010. Ho fondato Finestre sull'Arte con Ilaria Baratta. Oltre che su queste pagine, scrivo su Art e Dossier e su Left. Seguimi su Twitter:

Leggi il profilo completo


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



1. Giuseppe in data 15/01/2013, 17:52:11

Cari amici,

ho scoperto il vostro bel sito per caso, da Facebook. Sono un grande appassionato di arte innamorato della nostra bella Italia. Mi ha colpito il vostro articolo polemico sulle primarie della bellezza. Sono completamente d'accordo, anzi avevo già commentato su FB questa "iniziativa" del FAI come un libro dei sogni, tra i quali era impossibile scegliere il più bello. 

Guarderò con calma il vostro sito perchè mi sembra ricco ed interssante e vi farò avere qualche commento, se ne avrò. Comunque felice di avervi conosciuto.

Giuseppe 





2. Federico Giannini in data 15/01/2013, 23:34:34

Caro Giuseppe, grazie per l'apprezzamento nei confronti del nostro sito e per il sostegno... ! Piacere nostro :-)

Federico





Commenti dal post ufficiale su Facebook



Torna indietro



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Toscana    

NEWSLETTER