“La nona edizione di Flashback? Emozionante!” Parlano Stefania Poddighe e Ginevra Pucci


Come è andata l'edizione 2021 di Flashback, la fiera d'arte antica e contemporanea di Torino? Lo abbiamo chiesto alle direttrici Stefania Poddighe e Ginevra Pucci in questa intervista.

L’edizione numero IX di Flashback, la fiera d’arte antica e contemporanea di Torino, si è tenuta quest’anno dal 4 al 7 novembre, in una nuova sede, la ex Caserma Dogali, ma come sempre con una selezione di espositori di alta qualità. Il dato numerico è andato oltre le aspettative (18.000 i visitatori), e anche molti galleristi hanno espresso soddisfazione. Cosa ne pensano le direttrici Stefania Poddighe e Ginevra Pucci? Le abbiamo raggiunte per una breve intervista, con Federico Giannini.

Stefania Poddighe (sinistra), Ginevra Pucci (destra)
Stefania Poddighe (sinistra), Ginevra Pucci (destra)

FG. Flashback è tornata in presenza dopo quasi due anni di pandemia e di stop alle fiere. Quali sono state le sensazioni?

GP-SP. Questa nona edizione è stata molto emozionante. Si percepiva entusiasmo e curiosità, ma allo stesso tempo abbiamo notato un comportamento sociale pieno di rispetto. Rispetto per le regole, per l’altro, per il posto, forse nella consapevolezza che il rispetto sia l’unica strada a poterci garantire un futuro di socialità. Tanti giovani e tanti stranieri hanno battuto la nostra sottile linea rossa. Anche questo ci ha molto emozionato dopo due anni così difficili.

Quest’anno il tema della fiera era “La zona franca”. Che cosa significa? Quali motivi hanno portato alla scelta di questo tema?

Il tema scelto per la nona edizione è profondamente legato a questo momento storico. Si tratta di un periodo che ci necessitava uniti ma che ci ha voluti divisi, un momento durante il quale ci siamo interrogati sul concetto di libertà, libertà che ci è mancata, libertà che ci siamo presi, libertà individuale ed etica della reciprocità. La “Zona Franca” è un inno alla libertà espressiva della ricerca artistica, uno spazio libero che accoglie le diversità, un luogo al di là della norma, del consueto, che per queste sue caratteristiche, rappresenta uno spazio di confronto nel quale trovare spunti mediatori.

Una delle grandi novità della IX edizione di Flashback è stato il cambio di sede: la fiera quest’anno arrivava in centro, in un grande spazio, ovvero la Caserma di via Asti. Come è andata? Come è stato l’impatto? Cosa ne hanno pensato pubblico ed espositori?

Flashback si è contraddistinto fin dalla nascita come un format innovativo e in divenire che si concentra sulla capacità di guardare a ciò che già esiste, a ciò che è stato trascurato per ribadirne l’esistenza e la forza. Questo è il compito che ci siamo poste e che realizziamo anche grazie a tutte le gallerie e gli artisti che partecipano al progetto. Ecco che la nuova sede, una caserma in disuso, s’inserisce perfettamente nel format, uno spazio trascurato denso di storia e significato riafferma con forza la propria attualità per fornirci gli strumenti per comprendere il nostro presente. Questa scelta ha rappresentato una grande sfida per tutti, per l’organizzazione, per gli architetti e per le gallerie. Come tutto ciò che è innovativo il percorso è stato impegnativo ma il risultato è andato al di là delle nostre aspettative. Ci ha colpito l’entusiasmo del pubblico, anche per loro è stata un’esperienza nuova, lontana anni luce dai padiglioni fieristici, ma che è stata in grado di trasformare la visita a Flashback in un’esperienza di continua scoperta. Spazio dopo spazio l’architettura è entrata dirompente nel progetto e, come ha affermato un nostro espositore, ha trasformato la fruizione da fieristica in museale. Grazie alla nuova sede dunque possiamo definirci la prima fiera di arte storicizzata “site-specific”.

Momenti di Flashback 2021
Momenti di Flashback 2021
Momenti di Flashback 2021
Momenti di Flashback 2021
Momenti di Flashback 2021
Momenti di Flashback 2021
Momenti di Flashback 2021
Momenti di Flashback 2021
Momenti di Flashback 2021
Momenti di Flashback 2021

A proposito di pubblico: la fiera ha soddisfatto le aspettative?

La fiera è andata ben al di là delle aspettative sia in termini di pubblico partecipante che di vendite. Un fattore fondamentale per l’aumento di pubblico è stata la curiosità di verificare come opere e gallerie interagissero con uno spazio temporaneamente riconvertito. Siamo supersoddisfatte.

Veniamo alle vendite: ne sono state concluse di importanti. Qualche commento a freddo?

Il fatto che Flashback abbia funzionato dal punto di vista delle vendite è per noi una conferma circa le scelte fatte. Chi dirige ha una fiera ha il compito di creare il giusto contesto perché gli interessi di ciascuno vengano soddisfatti, noi lavoriamo sempre in questa direzione garantendo un’altissima qualità e fornendo sempre, con spirito innovativo, nuovi stimoli sia alle gallerie che al nostro pubblico.

Avete già in mente novità per il prossimo anno?

Adesso che abbiamo realizzato quanto lavorare su spazi in disuso sia stimolante tantissime idee ci “frullano” già in testa, d’altra parte la prossima è la decima edizione!


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Federico Giannini

L'autore di questo articolo: Federico Giannini

Giornalista d'arte, nato a Massa nel 1986, laureato a Pisa nel 2010. Ho fondato Finestre sull'Arte con Ilaria Baratta. Oltre che su queste pagine, scrivo su Art e Dossier e su Left. Seguimi su Twitter:

Leggi il profilo completo


Giampaolo Bertozzi (Bertozzi & Casoni): “Nella nostra arte appare ciò che l'uomo lascia nel tempo”
Giampaolo Bertozzi (Bertozzi & Casoni): “Nella nostra arte appare ciò che l'uomo lascia nel tempo”
Paolo Maggis: “il colore è vita e l'arte è un miracolo. Ecco perché faccio arte”
Paolo Maggis: “il colore è vita e l'arte è un miracolo. Ecco perché faccio arte”
La Divina Commedia illustrata da Mimmo Paladino. Intervista all'ideatore, Sergio Risaliti
La Divina Commedia illustrata da Mimmo Paladino. Intervista all'ideatore, Sergio Risaliti
Série Noire: un'intervista con Jacqueline de Jong, di Juliette Desorgues
Série Noire: un'intervista con Jacqueline de Jong, di Juliette Desorgues
Giampaolo Abbondio: “in Italia abbiamo ottimi artisti contemporanei: sosteniamoli”
Giampaolo Abbondio: “in Italia abbiamo ottimi artisti contemporanei: sosteniamoli”
Anna Zegna: “l'arte, soprattutto quella contemporanea, può muoverci e destabilizzarci”
Anna Zegna: “l'arte, soprattutto quella contemporanea, può muoverci e destabilizzarci”


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti





Torna indietro