A cosa servivano i quadri prima che venissero inventati i musei? A Strasburgo una singolare mostra risponde alla domanda


Oggi siamo abituati a vedere i quadri antichi solitamente conservati nei musei: ma quando visitiamo un istituto è spesso sicuro che nessuna delle opere che vediamo lì raccolte siano state realizzate per quel luogo. E allora, a cosa servivano i quadri prima che venissero inventati i musei? A rispondere a questa domanda è una curiosa mostra intitolata Avant le muséee... à quoi servaient les tableaux? (“Prima del museo... a cosa servivano i quadri?”), allestita al Musée des Beaux-Arts di Strasburgo, in Francia, dal 20 settembre 2019 al 20 settembre 2020.

Un progetto che, si legge nella presentazione della mostra, “nasce da una doppia constatazione: al Musée des Beaux-Arts, nessuna opera è stata dipinta per essere conservata in un museo. Inoltre, il contesto d’origine delle opere esposte è abbondantemente ignorato”. L’idea del curatore Dominique Jacquot, conservatore capo del Musée des Beaux-Arts, che ha lavorato in collaborazione con i Servizi educativi e culturali dell’istituto, è stata così quella di selezionare alcune opere della collezione permanente del museo al fine di permettere ai visitatori di comprendere pienamente il contesto d’origine, ovvero la funzione dell’opera e le condizioni in cui andava vista al momento in cui era stata creata. Ci sono quindi opere provenienti da edifici religiosi o pensate per decorare le pareti delle abitazioni, ma non si tratta che di alcuni casi.

Esistono pertanto opere che erano state realizzate per essere viste da vicino, altre per esser viste da lontano, altre ancora in condizioni d’illuminazione particolari, e ancora anche opere che non erano destinate a esser viste (i progetti, per esempio): per ricreare i diversi contesti di provenienza, il museo ha dunque pensato ad alcune scenografie che ricreano le ambientazioni originarie dei quadri, ideate dall’illustratrice Anna Griot. In più, un catalogo permetterà di approfondire il discorso su di un tema che, malgrado la sua importanza, spesso non riceve le dovute attenzioni.

La mostra è sostenuta dall’ente Eurométropole de Strasbourg e dalla Fondation Swiss Life. Per chiunque volesse approfondire o avere ulteriori informazioni, è possibile visitare il sito del Musée des Beaux-Arts di Strasburgo.

Nell’immagine: l’opera Lot e le figlie di Simon Vouet con la scenografia che ricrea il suo contesto.

A cosa servivano i quadri prima che venissero inventati i musei? A Strasburgo una singolare mostra risponde alla domanda
A cosa servivano i quadri prima che venissero inventati i musei? A Strasburgo una singolare mostra risponde alla domanda


Acquista il nostro libro Cronache dal mondo dell'arte 2020
Tutto il 2020 in un libro di 430 pagine con 60 fotografie a colori, in una selezione di 60 articoli scelti dalla redazione di Finestre sull'Arte.
CLICCA QUI
PER INFORMAZIONI



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER