L'Adorazione dei Magi di Paolo Veronese sarÓ il Capolavoro per Milano 2018


Protagonista dell’edizione di quest’anno di Capolavoro per Milano sarà l’Adorazione dei Magi di Paolo Veronese.

Anche quest’anno torna l’appuntamento con "Capolavoro per Milano", iniziativa giunta alla sua XI edizione.

Protagonista dal 30 ottobre 2018 al 20 gennaio 2019 sarà l’Adorazione dei Magi di Paolo Veronese, che sarà esposto al Museo Diocesano Carlo Maria Martini.

La grande tela proviene dalla chiesa di Santa Corona a Vicenza e fu realizzata dal Veronese tra il 1573 e il 1575 per la Cappella Sacra Spina, che si trova all’interno della chiesa vicentina.
L’opera raffigura un tempio in rovina sotto il quale è rappresentata nella capanna in legno la Sacra Famiglia. Attorno a quest’ultima i Magi, riccamente abbigliati, paggi e servitori, e il committente, ritratto alle spalle del re moro, ovvero il ricco mercante di tessuti vicentino Marcantonio Cogollo.

L’iniziativa è curata da Nadia Righi, direttrice del Museo Diocesano di Milano, e Giovanni Carlo Federico Villa, direttore onorario dei Musei Civici di Vicenza, col Patrocinio dell’Arcidiocesi di Milano, della Regione Lombardia e del Comune di Milano.

Per info: https://chiostrisanteustorgio.it/

Orari: Da martedì a domenica dalle 10 alle 18. Chiuso lunedì (eccetto festivi). La biglietteria chiude alle ore 17.30.

Biglietti: Intero 8 euro, ridotto 6 euro.

Immagine: Paolo Veronese, Adorazione dei Magi (1573 - 1575; olio su tela, 320 x 234 cm; Vincenza, Chiesa di Santa Corona)

L'Adorazione dei Magi di Paolo Veronese sarÓ il Capolavoro per Milano 2018
L'Adorazione dei Magi di Paolo Veronese sarÓ il Capolavoro per Milano 2018


Acquista il nostro libro Cronache dal mondo dell'arte 2020
Tutto il 2020 in un libro di 430 pagine con 60 fotografie a colori, in una selezione di 60 articoli scelti dalla redazione di Finestre sull'Arte.
CLICCA QUI
PER INFORMAZIONI



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER