Ad Asti una grande mostra su Boldini e il mito della Belle Époque


Ad Asti, Palazzo Mazzetti ospita dal 26 novembre 2022 al 10 aprile 2023 una mostra dedicata a Giovanni Boldini e al mito della Belle Époque. Con oltre ottanta opere, per una narrazione cronologica e tematica. 

Dal 26 novembre 2022 al 10 aprile 2023 Palazzo Mazzetti ad Asti ospita la mostra Boldini e il mito della Belle Époque. A cura di Tiziano Panconi, il progetto espositivo intende raccontare la Belle Époque, i salotti, le nobildonne e la moda, le atmosfere rarefatte di un’epoca straordinaria.

Oltre ottanta opere, tra cui Signora bionda in abito da sera (1889 circa), La principessa Eulalia di Spagna (1898), Busto di giovane sdraiata (1912 circa) e La camicetta di voile (1906 circa) saranno protagoniste di una narrazione cronologica e tematica. Sarà esposta una ricca selezione di opere che pone l’attenzione sulla capacità dell’artista di saper esaltare la bellezza femminile e svelare l’anima più intima e misteriosa dei nobili protagonisti dell’epoca. Boldini fu in grado di psicoanalizzare i suoi soggetti, le sue “divine”, facendole posare per ore, per giorni, sedute di fronte al suo cavalletto, parlando con loro senza stancarsi di porre loro le domande più sconvenienti, fino a comprenderle profondamente e così coglierne lo spirito. Farsi ritrarre da Boldini significava svestire i panni dell’aristocratica superbia; occorreva stare al gioco e accettarne le provocazioni, rispondendo a tono alle premeditate insolenze ma, infine, concedersi, anche solo mentalmente, facendo cadere il muro ideologico dell’alterigia, oltre il quale si celavano profonde fragilità.

Egli coglieva al volo l’attimo fuggente, quel momento in cui un’occhiata più sincera rivelava lo stato d’animo e la mimica del corpo si faceva più espressiva. Negli anni della maturità e poi della senilità, le lunghe e vorticose pennellate, impresse come energiche sciabolate di colore, rimodellavano in senso dinamico i corpi delle sue divine creature.

La mostra è realizzata dalla Fondazione Asti Musei, dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Asti, dalla Regione Piemonte e dal Comune di Asti, organizzata da Arthemisia, sponsor Gruppo Cassa di Risparmio di Asti e con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Torino. Catalogo edito da Skira.

Immagine: Giovanni Boldini, La camicetta di voile (1906 circa; olio su tela, 72 x 63,5 cm; Collezione Sacerdoti Ferrario)

Informazioni sulla mostra

Titolo mostra Boldini e il mito della Belle Époque
CittàAsti
SedePalazzo Mazzetti
DateDal 26/11/2022 al 10/04/2023
ArtistiGiovanni Boldini
CuratoriTiziano Panconi
TemiNovecento, Ottocento

Ad Asti una grande mostra su Boldini e il mito della Belle Époque
Ad Asti una grande mostra su Boldini e il mito della Belle Époque


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Il MAO di Torino dedica una mostra ai Kakemono giapponesi
Il MAO di Torino dedica una mostra ai Kakemono giapponesi
Bologna, alla Galleria d'Arte Maggiore la mostra di Bertozzi&Casoni e Giorgio Morandi
Bologna, alla Galleria d'Arte Maggiore la mostra di Bertozzi&Casoni e Giorgio Morandi
Bologna, alla Fondazione Cirulli in mostra le scenografie felliniane di Danilo Donati
Bologna, alla Fondazione Cirulli in mostra le scenografie felliniane di Danilo Donati
Milano dedica una grande monografica allo scultore uruguaiano Pablo Atchugarry
Milano dedica una grande monografica allo scultore uruguaiano Pablo Atchugarry
I pittori di Pompei: a Bologna oltre 100 opere da Napoli. Ricostruiti interi ambienti pompeiani
I pittori di Pompei: a Bologna oltre 100 opere da Napoli. Ricostruiti interi ambienti pompeiani
È al Museo dell'Ara Pacis la seconda tappa della mostra itinerante dedicata a Lucio Dalla
È al Museo dell'Ara Pacis la seconda tappa della mostra itinerante dedicata a Lucio Dalla