Rimandi tra arte e alta moda nel Seicento: disegni e abiti in mostra a Palazzo Davanzati, Firenze


Dall’8 dicembre 2019 al 13 aprile 2020 a Palazzo Davanzati a Firenze è in corso la mostra Bellezza e nobili ornamenti nella moda e nell’arredo del Seicento.

Dall’8 dicembre 2019 al 13 aprile 2020, il Museo di Palazzo Davanzati di Firenze ospita la mostra Bellezza e nobili ornamenti nella moda e nell’arredo del Seicento. La mostra nasce dall’acquisizione, promossa dai Musei del Bargello per Palazzo Davanzati, di un rarissimo e inedito corpus di disegni per ricami e merletti databili alla prima metà del XVII secolo e apparsi sul mercato antiquario nel 2018. Si tratta di una delle più estese raccolte esistenti di disegni di merletti e ricami: la collezione è costituita da 105 fogli, centodue carte ad inchiostro e tre a grafite e sanguigna, giunte fino a noi in ottimo stato conservativo e attribuibili per la gran parte alla firma dello stesso autore, Giovanni Alfonso Samarco da Bari, un disegnatore di ambito meridionale di gramde talento grafico la cui identità rimane ancora oggi ignota. Attorno a questi disegni per grandi colletti, bordure e fregi ricamati, si sviluppa un percorso che intende documentare lo stile prezioso ed elegante della moda e dell’arredo del Seicento, attraverso un confronto tra la grafica e una selezione di abiti, accessori, dipinti, sculture, medaglie, libri, tessuti, merletti e ricami.

All’interno di alcune “stanze delle meraviglie”, progettate in occasione della mostra, sono infatti esposti, in costante dialogo con la grafica, alcuni preziosi accessori: la borsa a ricamo applicato di probabile manifattura inglese; la scarpetta femminile, databile all’ultimo quarto del XVII secolo, in raso di seta rossa rivestito di merletto; la spilla d’oro, di oreficeria nordica, con perle e diamante utilizzata al tempo come guarnizione d’abito. A documentare il gusto per la moda in auge al tempo, troviamo un raro giubbone maschile, databile tra la fine del Cinquecento e l’inizio del Seicento, con inserti di merletto a fuselli, e alcuni dipinti che ritraggono gli sfarzosi colletti in pizzo indossati da Valdemaro di Danimarca, opera di Justus Suttermans e da Vittoria Bulgarini ritratta da Nicolas Régnier. La perizia raggiunta nella tecnica del ricamo toscano è testimoniata dallo splendido paliotto d’altare della Madonna del Letto, già nella Chiesa di Santa Maria delle Grazie di Pistoia, che rivela motivi decorativi improntati ad un’attenta indagine naturalistica.

La mostra rappresenta inoltre occasione per ammirare, nei rinnovati ambienti espositivi di Palazzo Davanzati, una selezione di merletti dalla ricca e pregevole collezione del Museo, messa a confronto con i disegni acquisiti così da dar vita a un dialogo tra il prodotto finito e il processo creativo legato a quest’arte.

Bellezza e Ornamenti nella moda e negli arredi del Seicento”, dichiara Paola D’Agostino, direttore dei Musei del Bargello, “è una mostra unica per presentare al pubblico un raro gruppo di centocinque disegni di merletti e ricami acquistati dai Musei del Bargello con i fondi derivanti dall’autonomia dei musei, a seguito della Riforma del 2014. Il corposo nucleo grafico è stato destinato a Palazzo Davanzati che, già dagli anni ottanta del Novecento, ospita una pregevole collezione di merletti e ricami, dal XV al XX secolo. Per la durata della mostra, il Davanzati, noto ai più come antica dimora fiorentina, si vestirà di raffinate forme barocche, con stanze delle meraviglie che sveleranno, attraverso un affascinante percorso espositivo, il singolare ruolo che i merletti ebbero nella storia sociale ed economica in Europa, oltreché nella storia dell’arte, del design e della moda”.

Tra gli enti prestatori figurano le Gallerie degli Uffizi, il Museo Stibbert, il Museo Civico d’Arte di Modena, l’Università di Firenze, l’Archivio di Stato di Firenze, L’USL Toscana Centro, il Museo del ricamo di Pistoia, oltre a generosi prestiti da parte di collezionisti privati. La mostra e il catalogo, ricco di contributi di esperti del settore ed edito da Edifir, sono a cura di Benedetta Matucci e di Daniele Rapino. Il biglietto di accesso alla mostra ha il costo di € 6,00 per l’intero, e € 2,00 il ridotto (per i giovani della U.E fra i 18 e 25 anni).

Nell’immagine: Manifattura italiana della seconda metà del XVII secolo, Scarpa femminile (Firenze, Museo Stibbert)

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraBellezza e nobili ornamenti nella moda e nell'arredo del Seicento
CittàFirenze
SedePalazzo Davanzati
DateDal 08/12/2019 al 13/04/2020
TemiSeicento

Rimandi tra arte e alta moda nel Seicento: disegni e abiti in mostra a Palazzo Davanzati, Firenze
Rimandi tra arte e alta moda nel Seicento: disegni e abiti in mostra a Palazzo Davanzati, Firenze


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Alla Camera dei Deputati una mostra-omaggio a Tato, inventore dell'aeropittura
Alla Camera dei Deputati una mostra-omaggio a Tato, inventore dell'aeropittura
Arte e politica: alla GAM di Torino  una mostra dedicata a Renato Guttuso
Arte e politica: alla GAM di Torino una mostra dedicata a Renato Guttuso
Grande mostra retrospettiva su Oliviero Toscani a Chiasso: è la prima volta in Svizzera
Grande mostra retrospettiva su Oliviero Toscani a Chiasso: è la prima volta in Svizzera
A Venezia la prima antologica in Italia di Luigi Pericle
A Venezia la prima antologica in Italia di Luigi Pericle
Continua la riscoperta di Carlo Fornara, artista divisionista. Una mostra ad Aosta con ottanta opere vuole sciogliere i preconcetti
Continua la riscoperta di Carlo Fornara, artista divisionista. Una mostra ad Aosta con ottanta opere vuole sciogliere i preconcetti
Milano: la mostra d'arte contemporanea “Immersione libera” propone le opere di dodici giovani artisti emergenti
Milano: la mostra d'arte contemporanea “Immersione libera” propone le opere di dodici giovani artisti emergenti