icona cancella
icona full screen
icona audio

Bologna, a Palazzo Paltroni una mostra dedicata a Beatrice Alemagna, autrice di picture book


Una mostra dedicata alla maggiore autrice italiana di picture book, Beatrice Alemagna: è quella che si svolge fino al 26 aprile a Bologna, a Palazzo Paltroni, radunando oltre 200 opere.

L’associazione Hamelin di Bologna dedica una mostra all’arte di Beatrice Alemagna (Bologna, 1973), la più grande autrice di picture book italiana contemporanea, e la più nota all’estero. La grande personale Le cose preziose. L’ostinata ricerca di Beatrice Alemagna, in programma a Palazzo Paltroni dal 6 marzo al 26 aprile 2023, raccoglie il lato segreto del lavoro dell’autrice: non solo gli albi più letti e premiati, ma anche tantissimi materiali inediti che compongono un ritratto completo di Alemagna e dei nodi più profondi della sua poetica. L’infanzia, la città e la natura, l’identità e la ricerca della risposta a una grande domanda: che cos’è un bambino?

Con più di 200 opere la mostra percorre l’intera carriera dell’artista seguendo alcuni fili rossi, tra cui spicca quello della ricerca, evocata anche dal titolo; l’attitudine ostinata dell’artista nel interrogarsi attraverso il disegno diventa visibile grazie a un corpus di bellissimi materiali inediti – schizzi, bozzetti, grandi disegni e taccuini - dove il flusso creativo dell’autrice prende la sua forma dando modo ai visitatori di entrare, letteralmente, nella “officina” Alemagna.

Nel dialogo fra il lavoro magmatico della ricerca e le tavole “finite” degli albi dell’autrice si farà diretta esperienza di un’altra insopprimibile caratteristica dell’artista: quella di non potersi mai fermare ai risultati raggiunti, nonostante il successo e la riconoscibilità, e di procedere instancabilmente verso nuove mete, nuove tecniche, nuove forme di rappresentazione, nuovi soggetti da raccontare.

Il percorso espositivo non segue un ordine cronologico ma si concentra sui nodi più profondi della poetica di Alemagna: la centralità degli spazi - della loro composizione, del loro significato narrativo, del rapporto che instaurano con i personaggi -, la rappresentazione dell’infanzia, la progressiva mutazione nell’approccio al racconto, la centralità degli oggetti costituiscono le sezioni della mostra, senza dimenticare lo spazio dedicato alla “sua” Biancaneve e a una serie di omaggi a grandi della storia dell’arte mai esposti prima.

Il segreto è nella sensibilità di Alemagna nel guardare prima, e rappresentare poi, l’infanzia, sentita sempre come altra, dotata di una “sua” precisa natura. Questa abilità nel cogliere le espressioni, i corpi, i desideri di bambine e bambini ha portato al recente Al parco (Topipittori), bello e dolente nel mostrare un’infanzia ostinata a giocare, anche nel vuoto drammatico dei lockdown degli scorsi anni. Proprio questo libro, realizzato a quattro mani con la scrittrice svedese Sara Stridsberg, le è valso un premio ideato appositamente da Bologna Children’s Book Fair: The Extraordinary Award for an Extraordinary Artist il titolo del riconoscimento speciale allo straordinario talento di un’illustratrice che “ha saputo offrire una prova stupefacente di come l’arte possa dare rappresentazione a un intero periodo di crisi globale, quale la prolungata emergenza pandemica, attraverso uno stile allo stesso tempo poetico e illuminante, e senza alcuna retorica”.

Ad accompagnare la mostra Alfabeto Alemagna, un prezioso volume monografico curato sempre da Hamelin e inserito nella collana Topi Saggi, edita da Topipittori: non un semplice catalogo ma un vero e proprio saggio monografico diviso in 22 voci – dalla A di Animali alla I di Identità alla T di Teatro – che guida lettori e visitatori della mostra nelle stratificazioni e nella complessità dell’opera dell’artista, grazie a un ricchissimo repertorio di immagini spesso inedite e agli interventi critici di Hamelin e di studiosi come Martino Negri, Sophie Van der Linden, Giovanna Zoboli.

La mostra è in collaborazione con Bologna Children’s Book Fair. Alfabeto Alemagna si può acquistare alla libreria Trame (via Goito 3/c).

Beatrice Alemagna è ospite di un incontro pubblico nell’Aula Magna dell’Accademia di Belle Arti di Bologna (via delle Belle Arti, 54): giovedì 9 marzo alle ore 16 racconterà il suo percorso artistico, i dubbi e l’ostinazione che sempre l’attraversano, i temi e i modi del suo fare illustrazione. La conversazione con Beatrice Alemagna fa parte di un ciclo di incontri che l’Accademia di Belle Arti, in collaborazione con Hamelin, dedica a grandi artiste e artisti del fumetto e dell’illustrazione. L’esposizione, promossa e organizzata dalla Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, è curata da Hamelin con la collaborazione di Bologna Children’s Book Fair. La mostra presenta oltre 200 opere dell’artista, con un importante corpus di materiali inediti, percorrendone l’intera carriera.

Per tutte le informazioni, potete mandare una mail a segreteria@hamelin.net.

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraLe cose preziose. L'ostinata ricerca di Beatrice Alemagna
CittàBologna
SedePalazzo Paltroni
DateDal 06/03/2023 al 26/04/2023
ArtistiBeatrice Alemagna
CuratoriHamelin

Bologna, a Palazzo Paltroni una mostra dedicata a Beatrice Alemagna, autrice di picture book
Bologna, a Palazzo Paltroni una mostra dedicata a Beatrice Alemagna, autrice di picture book


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Bologna, il MAMbo porta in mostra il film Atlantide di Yuri Ancarani
Bologna, il MAMbo porta in mostra il film Atlantide di Yuri Ancarani
A Bologna la prima mostra monografica sul pittore Giuseppe Marchesi detto il Sansone
A Bologna la prima mostra monografica sul pittore Giuseppe Marchesi detto il Sansone
Le collezioni dei musei bolognesi attraverso lo sguardo di sei artisti: The Floating Collection al MAMbo
Le collezioni dei musei bolognesi attraverso lo sguardo di sei artisti: The Floating Collection al MAMbo
La luce nell'arte e l'omaggio a Giambattista Piazzetta: ecco le due nuove mostre di Palazzo Fava
La luce nell'arte e l'omaggio a Giambattista Piazzetta: ecco le due nuove mostre di Palazzo Fava
Bologna, al Museo Davia Bargellini la prima personale di Davide D'Elia
Bologna, al Museo Davia Bargellini la prima personale di Davide D'Elia
A Bologna in mostra gli scatti dei pi grandi fotografi del '900 della collezione Julin Castilla
A Bologna in mostra gli scatti dei pi grandi fotografi del '900 della collezione Julin Castilla



MAGAZINE
primo numero
NUMERO 1

SFOGLIA ONLINE

MAR-APR-MAG 2019
secondo numero
NUMERO 2

SFOGLIA ONLINE

GIU-LUG-AGO 2019
terzo numero
NUMERO 3

SFOGLIA ONLINE

SET-OTT-NOV 2019
quarto numero
NUMERO 4

SFOGLIA ONLINE

DIC-GEN-FEB 2019/2020