Dall'argilla all'algoritmo. Alle Gallerie d'Italia di Milano una mostra indaga le relazioni tra arte e tecnologia


Dal 31 maggio all’8 settembre 2019 le Gallerie d’Italia di Piazza Scala ospitano Dall’argilla all’algoritmo, mostra che indaga i rapporti tra arte e tecnologia.

Dal 31 maggio all’8 settembre 2019 le Gallerie d’Italia di Piazza Scala, a Milano, ospitano la mostra Dall’argilla all’algoritmo. Arte e tecnologia. Dalle Collezioni di Intesa Sanpaolo e del Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea alle Gallerie d’Italia di Milano che intende analizzare la relazione tra tecnologia, soggettività umana e arte.

Con il termine tecnologia (da téchne) si intende l’insieme dei saperi attraverso i quali la scienza si applica per creare strumenti utili alla società, quali utensili, macchine, apparecchi per trasportare, comunicare, o di uso bellico.

Curata da Carolyn Christov-Bakargiev e Marcella Beccaria, con il coordinamento generale di Gianfranco Brunelli, la rassegna si propone in questa prospettiva come un percorso basato su dialoghi inediti e intenzionalmente non-cronologico: da antichi vasi greci a opere di artisti contemporanei internazionali, approfondendo i modi in cui artisti di epoche diverse si sono relazionati con la tecnologia, il suo fascino, le sue utopie e i suoi demoni, anticipando o riflettendo radicali cambiamenti sociali e culturali.

Le opere in mostra fanno parte delle collezioni di Intesa Sanpaolo e di quelle del Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea.

Nel corso dell’esposizione sono previsti inoltre eventi collaterali, come visite guidate per adulti e per gli abbonati Musei Lombardia, attività per famiglie, laboratori di filosofia per bambini in collaborazione con l’associazione Ludosofici.

Per info: www.gallerieditalia.com

Orari: Da martedì a domenica dalle ore 9.30 alle 19.30; giovedì dalle 9.30 alle 22.30. Chiuso il lunedì.

Biglietti: Intero 10 euro, ridotto 8 euro

Immagine: Rielaborazione grafica Nexo da Giorgio De Chirico, Muse metafisiche (1918) © Giorgio de Chirico by SIAE 2019, Collezione Fondazione Francesco Federico Cerruti per l’Arte. Deposito a lungo termine, Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, Rivoli-­Torino.

 

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraDall’argilla all’algoritmo. Arte e tecnologia. Dalle Collezioni di Intesa Sanpaolo e del Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea alle Gallerie d’Italia di Milano
CittàMilano
SedeGallerie d’Italia di Piazza Scala
DateDal 31/05/2019 al 08/09/2019
CuratoriCarolyn Christov-Bakargiev, Marcella Beccaria
TemiCeramica, Arte antica, Arte e tecnologia

Dall'argilla all'algoritmo. Alle Gallerie d'Italia di Milano una mostra indaga le relazioni tra arte e tecnologia
Dall'argilla all'algoritmo. Alle Gallerie d'Italia di Milano una mostra indaga le relazioni tra arte e tecnologia


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


L'incanto dei Macchiaioli a breve a Milano
L'incanto dei Macchiaioli a breve a Milano
Bruce Chatwin... il viaggio continua: la mostra fotografica a Castelnuovo Magra
Bruce Chatwin... il viaggio continua: la mostra fotografica a Castelnuovo Magra
Il Museo di Roma in Trastevere dedica una mostra al fotografo ungherese Péter Korniss
Il Museo di Roma in Trastevere dedica una mostra al fotografo ungherese Péter Korniss
Classico ed extraeuropeo nel contemporaneo: le opere di Massimiliano Pelletti in mostra al MARCA di Catanzaro
Classico ed extraeuropeo nel contemporaneo: le opere di Massimiliano Pelletti in mostra al MARCA di Catanzaro
La prima monografica di Orazio Borgianni, grande pittore caravaggesco, è a Roma, a Palazzo Barberini
La prima monografica di Orazio Borgianni, grande pittore caravaggesco, è a Roma, a Palazzo Barberini
Come si pubblicavano i libri in età barocca e che debiti abbiamo oggi nei confronti di quell'epoca? Una mostra ad Anversa
Come si pubblicavano i libri in età barocca e che debiti abbiamo oggi nei confronti di quell'epoca? Una mostra ad Anversa