Firenze, Tomás Saraceno č il protagonista della nuova grande mostra di Palazzo Strozzi


Dal 22 febbraio al 19 luglio 2020, Palazzo Strozzi ospita ’Aria’, mostra personale di Tomás Saraceno.

Dal 22 febbraio al 19 luglio 2020, Palazzo Strozzi ospita la sua nuova grande mostra: il protagonista sarà l’artista argeintino Tomás Saraceno (San Miguel de Tucumán, 1973) e la mostra si intitola Aria. Artista visionario e poliedrico, la cui ricerca creativa unisce arte, scienze naturali e sociali, Tomás Saraceno invita a cambiare punto di vista sulla realtà e a entrare in connessione con elementi non umani come polvere, insetti o piante che diventano protagonisti delle sue installazioni e metafore del cosmo.

La rassegna consta di un percorso di opere immersive ed esperienze partecipative tra il cortile e il Piano Nobile, e intende esaltare il contesto storico e simbolico di Palazzo Strozzi e di Firenze attraverso un profondo e originale dialogo tra Rinascimento e contemporaneità: dall’uomo al centro del mondo, all’uomo come parte di un universo in cui ricercare una nuova armonia.

“Le emissioni di carbonio”, dice Saraceno, “riempiono l’aria, il particolato galleggia nei nostri polmoni, mentre le radiazioni elettromagnetiche avvolgono la terra. Tuttavia è possibile immaginare un’era diversa, l’Aerocene, caratterizzata da una sensibilità proiettata verso una nuova ecologia di comportamento. Gli ecosistemi devono essere pensati come reti di interazione al cui interno ogni essere vivente si evolve insieme agli altri. Focalizzandoci meno sull’individualità e più sulla reciprocità, possiamo andare oltre la considerazione dei mezzi necessari per controllare l’ambiente e ipotizzare uno sviluppo condiviso del nostro quotidiano. Lasciamo che la ragnatela ci guidi”.

Tomás Saraceno si è formato tra Argentina, Italia e Germania, studiando alla Städelshule di Francoforte e allo IUAV di Venezia. Le sue opere fanno uso di diversi materiali: architettura (la sua formazione è infatti da architetto), fotografia, collage, video e non solo. Le sue ricerche indagano temi come la scienza, l’energia, la psicologia, l’ingegneria, la sociologia. Ha esposto in tutto il mondo: sue mostre si sono tenute al Metropolitan di New York, all’Hamburger Banhof di Berlino, al MART di Rovereto, al Museion di Bolzano, al Museum Boijmans van Beunigen di Rotterdam. Per Saraceno anche due partecipazioni alla Biennale di Venezia, nel 2003 e nel 2019. Sue opere si trovano nelle collezioni permanenti dei più importanti musei internazionali d’arte contemporanea, dal MoMA di New York alla Bonniers Konsthall di Stoccolma, dal San Francisco Museum of Modern Art agli Staatliche Museen di Berlino. 

Per tutte le informazioni potete visitare il sito ufficiale di Palazzo Strozzi.

Nell’immagine: Tomás Saraceno, Collage for Aria (2019)

Firenze, Tomás Saraceno č il protagonista della nuova grande mostra di Palazzo Strozzi
Firenze, Tomás Saraceno č il protagonista della nuova grande mostra di Palazzo Strozzi


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER