Milano, la devastazione del Gange nelle fotografie di Giulio Di Sturco in mostra alla Fondazione Stelline


A Milano, la Fondazione Stelline apre la propria stagione espositiva 2020 con Ganga Ma, la mostra di Giulio Di Sturco (Roccasecca, 1979), in programma dal 6 febbraio al 22 marzo.

Curata da Eimear Martin, la rassegna è il frutto di una ricerca fotografica decennale sul fiume Gange che documenta gli effetti devastanti dell’inquinamento, della industrializzazione e dei cambiamenti climatici. Il progetto segue il fiume per oltre 2.500 miglia, dalla sua sorgente nel ghiacciaio del Gangotri, situato nella catena dell’Himalaya, fino alla foce nel Golfo del Bengala, in Bangladesh. Il risultato è una riflessione filosofica per immagini che presagisce un futuro non troppo lontano, consentendoci di percepire l’incombenza di un mondo tossico e post-apocalittico.

Ganga Ma è iniziato come progetto documentario a lungo termine, concepito come testimonianza dello svolgimento di un disastro ecologico in corso. Tuttavia, nel processo creativo Giulio Di Sturco ha modellato un vero e proprio linguaggio visivo, capace di mostrarsi sensibile ai cambiamenti già avvenuti sul Gange e di indagare il paesaggio in cerca di segni di ciò che ci aspetta. Il Gange è un esempio emblematico della contraddizione irrisolta tra uomo e ambiente, poiché è un fiume intimamente connesso con ogni aspetto (fisico e spirituale) della vita indiana.

Giulio Di Sturco invita il pubblico a entrare nell’opera e dopo l’iniziale stordimento dell’immagine seducente e poetica, che rivela la maestosità della natura dalla prospettiva del fiume e delle sue rive, a vedere la sua tossicità, l’effetto devastante della industrializzazione ma anche dei cambiamenti climatici e dell’urbanizzazione.

La mostra è accompagnata dalla omonima monografia (Gost Books, 2019), con un bellissimo saggio introduttivo di Vandana Shiva, scrittrice e ambientalista indiana, tra i principali leader dell’International Forum on Globalization, e della curatrice.

Per tutte le informazioni potete visitare il sito ufficiale della Fondazione Stelline. Per saperne di più su Giulio Di Sturco potete visitare il sito ufficiale cliccando qui.

Nella foto: Giulio Di Sturco, Ganges (2014). Courtesy Podbielski Contemporary

Milano, la devastazione del Gange nelle fotografie di Giulio Di Sturco in mostra alla Fondazione Stelline
Milano, la devastazione del Gange nelle fotografie di Giulio Di Sturco in mostra alla Fondazione Stelline


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER