A Genova una mostra-omaggio ad Aurelio Caminati al Museoteatro della Commenda


Dal 12 settembre al 12 ottobre il Museoteatro della Commenda, Genova, tiene una mostra che omaggia Aurelio Caminati (Genova, 1924 - 2012), uno dei principali artisti genovesi del Novecento, noto soprattutto per il ciclo di affreschi che decorano il Teatro Carlo Felice del capoluogo ligure.

La mostra espone diciotto opere, in parte inedite, che il maestro genovese ha realizzato su tela, su tavola, su carta e su lamiera. Tra le opere esposte, una serie di lavori dei primissimi anni Settanta sul tema del falso ideologico, sul recupero e la rielaborazione di alcuni celebri temi o dipinti anche dei secoli passati, “inquinandoli” e rivitalizzandoli con personali citazioni.

La mostra è accompagnata da un catalogo edito da De Ferrari Editore.

Aurelio Caminati ha cominciato presto la sua carriera e ha esposto in contesti prestigiosi: presente alla Quadriennale di Roma nel 1955 e alla Biennale di Venezia nel 1956, ha esposto anche alla Triennale di Milano (1964) e sue personali si sono tenute in diversi importanti contesti: la principale è quella tenutasi a Palazzo Ducale (Genova), nel 1997. Un importante nucleo di opere di Caminati è conservato al Museo d’Arte Contemporanea di Villa Croce di Genova.

Per tutte le informazioni potete telefonare al numero +39 010 5573681 oppure inviare una mail all’indirizzo infocommenda@muma.genova.it.

Nell’immagine: un’opera di Aurelio Caminati

A Genova una mostra-omaggio ad Aurelio Caminati al Museoteatro della Commenda
A Genova una mostra-omaggio ad Aurelio Caminati al Museoteatro della Commenda


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER