Quanto influì l'Occidente sull'arte giapponese? Una mostra alla Pinacoteca Agnelli di Torino


La Pinacoteca Agnelli racconterà in una grande mostra l’influsso dell’Occidente sull’arte giapponese tra Ottocento e Novecento.

Il Giappone sarà protagonista di una mostra a Torino, presso la Pinacoteca Agnelli, dal 19 ottobre 2019 al 16 febbraio 2020. Curata da Rossella Menegazzo e Sara Thompson e organizzata dalla Pinacoteca Agnelli in collaborazione con il Boston Museum of Fine Arts, la grande rassegna intitolata Hokusai Hiroshige Hasui. Viaggio nel Giappone che cambia presenterà le opere di due grandi maestri del Mondo Fluttuante: Katsushika Hokusai e Utagawa Hiroshige. Queste saranno accompagnate dalle stampe moderne di Kawase Hasui, pittore esponente del movimento shin hanga (ovvero nuove stampe), che portò avanti i temi e le tecniche delle xilografie policrome anche nelle epoche Meiji (1868-1912), Taisho (1912-1926) e parte della Showa, fino a metà degli anni Cinquanta del Novecento quando venne nominato Tesoro nazionale vivente nel 1956.

I visitatori potranno ammirare una selezione di cento xilografie che racconterà come, tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento, il mondo artistico giapponese abbia subito un’enorme trasformazione sotto l’influenza dell’Occidente.

Per la prima volta il Novecento sarà posto in confronto con le opere più significative della pittura tradizionale giapponese.

Immagine: Hokusai, La grande onda di Kanagawa, dalla raccolta Trentasei vedute del monte Fuji.

Quanto influì l'Occidente sull'arte giapponese? Una mostra alla Pinacoteca Agnelli di Torino
Quanto influì l'Occidente sull'arte giapponese? Una mostra alla Pinacoteca Agnelli di Torino


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma