I Musei Reali di Torino dedicano una mostra al capostipite della pittura estone moderna, Konrad Mägi


Nelle Sale Chiablese dei Musei Reali di Torino sarà ospitata dal 30 novembre 2019 la mostra  Konrad Mägi. La luce del Nord

Nelle Sale Chiablese dei Musei Reali di Torino sarà allestita dal 30 novembre 2019 all’8 marzo 2020 la mostra Konrad Mägi. La luce del Nord, dedicata all’artista considerato il capostipite della pittura estone moderna

A cura di Eero Epner in collaborazione con la direzione dei Musei Reali, la rassegna si tiene in occasione dei cent’anni dalla visita di Konrad Mägi in Italia e si propone come una delle personali più grandi mai realizzate in Europa dedicate all’artista.

Le opere esposte, oltre cinquanta, provengono dal Museo Nazionale d’Arte dell’Estonia e dal Museo d’Arte di Tartu, oltre che dalle collezioni private di Enn Kunila e Peeter Värni e da quelle della società degli studenti estoni.

La sua è principalmente una pittura di paesaggio, tesa e in certi casi onirica, costruita con una materia densa ed espressiva; nei suoi dipinti è raccontata la natura del Nord, ricca di colore e di luce. L’artista ama la natura e la dipinge come se stesse realizzando un ritratto, mentre i suoi pochi ritratti che raffigurano persone sono eseguiti come se stesse dipingendo la natura, che percepisce come uno spazio metafisico e sacro. 

Artista unico nel panorama europeo del primo ventennio del Novecento, non aderì mai ad alcuna corrente o a un preciso movimento. 

Per Enrica Pagella, direttrice dei Musei Reali, è una scoperta e una sfida: "Sono certa che le opere di Konrad Mägi saranno per il pubblico dei Musei Reali una scoperta e una sfida. La scoperta di un artista ancora poco noto e, insieme, del suo mondo, fatto di esperienze e di contatti che, partendo dall’Estonia, uniscono San Pietroburgo a Parigi e a Roma. Una sfida, perché la poetica di Mägi, pur così diretta, incrocia segni di culture artistiche - Art Nouveau, fauves, impressionismo, espressionismo - che devono essere interpretati alla luce di un’ispirazione peculiare e personale, come suggestioni che provengono da terre lontane dentro un solco di sapore quasi etnografico. Una pittura che scrive, con i suoi mezzi di forma, di colore e di luce, un pezzo di storia europea". 

Nell’ultima sala del percorso espositivo sarà proiettato un film-documentario sull’artista, appositamente realizzato dalla regista estone Marianne Kõrver: illustrerà la personalità contradditoria di Mägi, la storia appassionata e autodistruttiva delle ricerche metafisiche dell’artista e un velo di mistero che circonda sia la sua vita che la sua arte. 

L’esposizione è organizzata dal Museo Nazionale d’Arte dell’Estonia e supportata dalla Fondazione Konrad Mägi

Dopo la tappa torinese, la mostra sarà trasferita nell’autunno 2021 al Museo EMMA di Espoo, in Finlandia. 

Per info: www.museireali.beniculturali.it

Immagine: Konrad Mägi, Lago Pühajärv (1918-1920; Olio su tela; Estonia, Museo nazionale d’arte)

I Musei Reali di Torino dedicano una mostra al capostipite della pittura estone moderna, Konrad Mägi
I Musei Reali di Torino dedicano una mostra al capostipite della pittura estone moderna, Konrad Mägi


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER