Le case e le cose, una mostra per il Giorno della Memoria


Per tutto il mese di gennaio è possibile visitare a Torino o anche online la mostra per ricordare il Giorno della Memoria. 

Per tutto il mese di gennaio la Fondazione 1563 rende accessibile al pubblico una selezione di documenti che raccontano espropri e sequestri seguiti alle leggi fasciste contro la “razza ebraica” del 1938. La mostra Le case e le cose è visitabile nella sede della Fondazione 1563 a Torino oppure è accessibile online.

Tutte le carte esposte fanno parte del Fondo EGELI (l’ente creato dal governo fascista col compito di acquisire, gestire e vendere i beni immobili sottratti agli ebrei) e sono custodite dalla Fondazione 1563 all’interno dell’Archivio Storico della Compagnia di San Paolo.

La rassegna racconta la storia del destino amaro che costrinse le famiglie ebree italiane a lasciare le loro case con gran parte dei beni in esse contenuti. Molti non tornarono, come Michele Valabrega e Silvio Segre, a cui sono intestati i fascicoli di Via Po 25 e Piazza Carlo Emanuele II 15. Davanti a quelle abitazioni le Pietre d’Inciampo ricordano la loro morte nei campi di sterminio.
Tra le storie scelte per illustrare quegli anni terribili anche quella della casa torinese di Natalia Ginzburg: l’appartamento di via Pallamaglio 11 (oggi via Oddino Morgari 32) citato in Lessico Famigliare. Sono disponibili l’inventario dei beni e la lettera autografa con cui la scrittrice chiese la restituzione dell’appartamento il 20 Dicembre 1945.
Visibili anche le pratiche relative alla cascina “Saccarello” - la tenuta della nonna di Primo Levi ai margini della strada di Superga- che riportano persino l’elenco degli alberi che popolavano il giardino della villa.
Sono disponibili, infine, i documenti relativi alla villa di Cavoretto del compositore Leone Sinigaglia, requisita, svuotata degli arredi e successivamente utilizzata per ospitare gli sfollati: un processo comune a molte delle abitazioni sequestrate.

Una mappa interattiva localizza in Piemonte, in Liguria e in particolare a Torino le ubicazioni delle case sottratte ai proprietari.

L’esposizione è ideata dalla Fondazione 1563 con la consulenza storico archivistica di Fabio Levi e Anna Cantaluppi.

Per info: www.fondazione1563.it

Orari: Da lunedì a venerdì fino al 31 gennaio dalle 16 alle 19.
In occasione del Giorno della Memoria 2019 l’esposizione sarà aperta anche sabato 26 e domenica 27 Gennaio dalle 10 alle 13.

Ingresso libero.

Immagine: Un cortile di Torino nel Dopoguerra. Archivio storico Compagnia di San Paolo.

 

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraLe case e le cose
CittàTorino
SedeFondazione 1563
DateDal 22/11/2018 al 31/01/2019
Temiarte e storia

Le case e le cose, una mostra per il Giorno della Memoria
Le case e le cose, una mostra per il Giorno della Memoria


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Milano, a Palazzo Reale la più grande mostra di sempre su Agostino Bonalumi
Milano, a Palazzo Reale la più grande mostra di sempre su Agostino Bonalumi
Riapre al pubblico il piano nobile del bolognese Palazzo Fava: visibile il primo grande ciclo di affreschi dei Carracci
Riapre al pubblico il piano nobile del bolognese Palazzo Fava: visibile il primo grande ciclo di affreschi dei Carracci
Carol Rama protagonista di una mostra alla Galleria Il Ponte di Firenze
Carol Rama protagonista di una mostra alla Galleria Il Ponte di Firenze
A settembre a Milano una grande mostra dedicata a Caravaggio
A settembre a Milano una grande mostra dedicata a Caravaggio
Roma: fino al 30 settembre la mostra sul primo Novecento nella collezione Jacorossi, dal simbolismo all'astrazione
Roma: fino al 30 settembre la mostra sul primo Novecento nella collezione Jacorossi, dal simbolismo all'astrazione
L'arte di Luciano Regoli presentata nel Palazzo Salomone Piccolomini di Pienza
L'arte di Luciano Regoli presentata nel Palazzo Salomone Piccolomini di Pienza