Da Gianna Nannini a Debbie Harry, le muse della musica fotografate da Guido Harari in mostra


Fino al 31 agosto, a Locorotondo sono in mostra i ritratti delle grandi cantanti di Guido Harari: da Loredana Bertè a Debbie Harry, da Mia Martini a Siouxsie Sioux, da Gianna Nannini a Whitney Houston.

Guido Harari, tra i più celebri fotografi italiani di musica, torna al Locus festival di Locorotondo (Bari), dopo il successo della mostra Sonica nel 2020. MUSE è il nome di un nuovo progetto speciale, in prima esclusiva per il Locus, che fino al 31 agosto metterà in mostra una selezione di celebri ritratti femminili dall’impressionante archivio fotografico di Harari.

La  mostra, organizzata da Bass Culture srl e dall’Associazione Il Tre Ruote Ebbro in collaborazione con il Comune di Locorotondo, sarà inaugurata alla presenza dell’autore in un incontro pubblico il 31 luglio alle 18 in piazza Aldo Moro a Locorotondo e continuerà per tutta la durata del festival fino al 31 agosto.

I ritratti di Patti Smith, Nina Simone, Joni Mitchell, Laurie Anderson, Fatoumata Diawara, Tina Turner, Kate Bush, Joan Baez, Skin, Beth Gibbons, Debbie Harry, Sade, Whitney Houston, Nina Hagen con Lene Lovich, Miriam Makeba, Annie Lennox, Sinead O’Connor, Mavis Staples, Patty Pravo, Gianna Nannini, Tracy Chapman, Mercedes Sosa, Mia Martini, Alice, Carmen Consoli, Rickie Lee Jones, Suzanne Vega, Noa, Loredana Bertè, Milva, Cristina Donà, Siouxsie Sioux, Ute Lemper, Marianne Faithfull sono solo alcune delle circa 40 immagini che saranno esposte, stampate in una speciale cromia rosso-oro, lungo un percorso nel bellissimo centro storico di Locorotondo, sulle caratteristiche mura imbiancate delle case tradizionali.

Lo stesso Guido Harari condurrà inoltre un workshop di fotografia dal titolo VEDERE LA MUSICA, ASCOLTARE LE IMMAGINI - Cosa e come comunicare attraverso il ritratto di musica.

Molte opere saranno accostate ad un QR code, che attraverso i dispositivi digitali degli utenti permetterà l’ascolto di storie e musica legate all’artista ritratta, in un podcast prodotto per MUSE da Guido Harari con la voce narrante dell’attrice Licia Lanera.

Guido Harari si è affermato nei primi anni Settanta come fotografo e giornalista musicale. Nel tempo ha esplorato e approfondito anche il reportage, il ritratto istituzionale, la pubblicità, la moda.  Numerose le copertine di dischi firmate per artisti internazionali come Kate Bush, David Crosby, Bob Dylan, B.B. King, Ute Lemper, Paul McCartney, Lou Reed, Simple Minds e Frank Zappa. In Italia ha collaborato soprattutto con Claudio Baglioni, Andrea Bocelli, Paolo Conte, Pino Daniele, Fabrizio De André, Mia Martini, Gianna Nannini, Luciano Pavarotti, PFM, Vasco Rossi e la Filarmonica della Scala

Numerosi i libri illustrati e le mostre al suo attivo. È stato tra i curatori della grande mostra multimediale su Fabrizio De André, prodotta da Palazzo Ducale a Genova, e della mostra Art Kane. Visionary per la Galleria civica di Modena e Made in Cloister a Napoli

Nel 2011 ha aperto ad Alba, dove risiede da  anni, una galleria fotografica (Wall Of Sound Gallery) e una casa editrice di cataloghi e volumi in tiratura limitata (Wall Of Sound Editions), entrambe interamente dedicate all’immaginario della musica.

Per tutte le informazioni potete visitare il sito ufficiale del Locus Festival.

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraMUSE
CittàLocorotondo
SedeLocus Festival
DateDal 31/07/2021 al 31/08/2021
ArtistiGuido Harari
TemiMusei, Fotografia, Locorotondo, Guido Harari

Da Gianna Nannini a Debbie Harry, le muse della musica fotografate da Guido Harari in mostra
Da Gianna Nannini a Debbie Harry, le muse della musica fotografate da Guido Harari in mostra


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma