Una danza sui cieli di Napoli con musiche di Stravinsky: l'opera di Mathilde Rosier al Madre


Fino al 1° febbraio è possibile vedere al Museo Madre di Napoli l'opera “Le massacre du printemps”, una singolare... coreografia della francese Mathilde Rosier.

Con la riapertura dei musei in Campania, è nuovamente possibile ammirare fino al 1° febbraio l’opera Le massacre du printemps, video-installazione dell’artista francese Mathilde Rosier entrata a far parte della collezione del Madre.

Si tratta di una reinterpretazione de Le sacre du printemps, balletto su musiche di Igor Stravinsky, creato da Vaslav Nijinsky per i Ballets Russes nel 1913.

L’opera si interroga sull’intrinseco rapporto tra l’essere umano e l’ambiente, connettendo l’atto dell’adorazione della terra a quello del suo successivo sfruttamento. I danzatori disegnano coreografie aeree sullo sfondo di tre diversi luoghi del territorio campano – le serre dell’area vesuviana, il porto della città di Napoli e l’ex sito industriale della piana di Bagnoli – e da contadini si trasformano in spighe di grano, per sottolineare l’inestricabile legame tra il destino dell’umanità e quello di tutta la natura.

Per tutte le informazioni potete visitare il sito ufficiale del Madre.

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraMathilde Rosier. Le massacre du printemps
CittàNapoli
SedeMadre
DateDal 18/01/2021 al 01/02/2021
ArtistiMathilde Rosier
TemiNapoli, Madre, Mathilde Rosier

Una danza sui cieli di Napoli con musiche di Stravinsky: l'opera di Mathilde Rosier al Madre
Una danza sui cieli di Napoli con musiche di Stravinsky: l'opera di Mathilde Rosier al Madre


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma