Al MIC di Faenza in mostra le ceramiche, anche inedite, di Galileo Chini, pioniere del Liberty in Italia


Il MIC - Museo internazionale delle Ceramiche di Faenza presenta la mostra Galileo Chini. Ceramiche tra Liberty e Déco, con circa duecento pezzi tra ceramiche anche inedite e disegni preparatori. 

Dal 26 novembre 2022 al 14 maggio 2023 il MIC - Museo internazionale delle Ceramiche di Faenza presenta la mostra Galileo Chini. Ceramiche tra Liberty e Déco, a cura di Claudia Casali e Valerio Terraroli.

Saranno esposti circa duecento pezzi tra ceramiche, anche inedite, e disegni preparatori per documentare le varie fasi di attività delle due manifatture fondate da Galileo Chini, artista poliedrico tra i pionieri del Liberty in Italia e affinatore del gusto déco: L’Arte della Ceramica, istituita a Firenze nel 1896, e le Fornaci San Lorenzo, aperte nel 1906 a Borgo San Lorenzo, nel Mugello di cui Galileo fu il direttore artistico. In principio ispirate a motivi floreali di gusto Liberty e a figure femminili di influenza botticelliana, le ceramiche della Manifattura conquistarono fama per le loro raffinate decorazioni, che poi si ricoprirono di lustri metallici, sintesi decorative e una vasta gamma di grès.

Aggiornatissimo sui gusti e le tendenze europee dell’epoca, Chini dipinge nature morte, paesaggi della sua Versilia, affresca nel 1909 la cupola del vestibolo del Padiglione Centrale della Biennale di Venezia. Si dedica con passione all’arte della ceramica con una produzione personalissima e intraprende imprese di ceramica applicata all’architettura come nelle terme di Salsomaggiore, di cui nel 2023 ricorre il centenario della fondazione.

La mostra è legata al MIC di Faenza: Galileo Chini fu infatti chiamato a decorare i locali deputati alle arti dell’Esposizione Torricelliana di Faenza nel 1908, da cui prese avvio la fondazione del Museo Internazionale delle Ceramiche. Un primo nucleo di opere venne donato da lui stesso alla città. Queste andarono tuttavia perdute durante la seconda guerra mondiale, ma molte altre furono donate dalla Manifattura Chini negli anni successivi.
La visita della mostra suggerisce anche un percorso geografico alla scoperta delle decorazioni architettoniche della manifattura Chini a Salsomaggiore, Castrocaro, Borgo San Lorenzo, Montecatini Terme, in un progetto di rete che intende valorizzare il lavoro complesso e articolato dell’artista.

Accompagna la mostra un catalogo che contiene contributi critici dei curatori e di Stefania Cretella, Ezio Godoli, Edoardo Lo Cicero, Maurizia Tosatti, Ulisse Tramonti: il volume non documenta solo le opere esposte, ma approfondisce il contesto legato alle esposizioni internazionali, ai progetti architettonici, alla produzione di vetri e ferri battuti, alle Biennali di Venezia.
L’esposizione è resa possibile grazie al sostegno di MiC – Direzione generale, educazione, ricerca e istituti culturali, Regione Emilia-Romagna, Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna, Comune di Faenza, Unione della Romagna Faentina.

Per info: www.micfaenza.org

Orari: Da martedì a venerdì dalle 10 alle 14; sabato e domenica dalle 10 alle 18. Chiuso i lunedì non festivi.

Piatto decorativo con testa femminile e girasoli (1896 - 1898, Arte della Ceramica, collezione privata)
Piatto decorativo con testa femminile e girasoli (1896 - 1898, Arte della Ceramica, collezione privata)
Disco con profilo femminile e fiori (1898 - 1900, Arte della Ceramica, MIC Faenza inv. n. 5778)
Disco con profilo femminile e fiori (1898 - 1900, Arte della Ceramica, MIC Faenza inv. n. 5778)
Pannello ceramico con due teste femminili fiori e grappoli d'uva (1898 - 1902, Arte della Ceramica, Galleria Expertise di Cinelli Marzio)
Pannello ceramico con due teste femminili fiori e grappoli d’uva (1898 - 1902, Arte della Ceramica, Galleria Expertise di Cinelli Marzio)
Grande vaso con i pavoni in cartella de limitata da fiori (1903 - 1909, Arte della Ceramica, collezione privata)
Grande vaso con i pavoni in cartella de limitata da fiori (1903 - 1909, Arte della Ceramica, collezione privata)
Cache - pot con pesci (1919 - 1925, Fornaci Borgo San Lorenzo, MIC Faenza, inv. n. 5796)
Cache - pot con pesci (1919 - 1925, Fornaci Borgo San Lorenzo, MIC Faenza, inv. n. 5796)

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraGalileo Chini. Ceramiche tra Liberty e Déco
CittàFaenza
SedeMIC - Museo Internazionale delle Ceramiche
DateDal 26/11/2022 al 14/05/2023
ArtistiGalileo Chini
CuratoriClaudia Casali, Valerio Terraroli
TemiCeramica, Faenza

Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Da Boldini a Isgrò: per tutto il 2021 in mostra da Tornabuoni i protagonisti dal Novecento a oggi
Da Boldini a Isgrò: per tutto il 2021 in mostra da Tornabuoni i protagonisti dal Novecento a oggi
Bologna, a Palazzo Fava in mostra la pittura emiliana in oltre 400 anni di storia
Bologna, a Palazzo Fava in mostra la pittura emiliana in oltre 400 anni di storia
A Novara in mostra il mito di Venezia: mostra con opere da Hayez a Ciardi
A Novara in mostra il mito di Venezia: mostra con opere da Hayez a Ciardi
La street photography di Robert Doisneau in mostra a Bologna, a Palazzo Pallavicini
La street photography di Robert Doisneau in mostra a Bologna, a Palazzo Pallavicini
Venezia, in mostra il percorso di Michèle Halberstadt attraverso gli scatti di Max Halberstadt
Venezia, in mostra il percorso di Michèle Halberstadt attraverso gli scatti di Max Halberstadt
Dopo la serie Netflix, arriva a Milano la grande mostra di Zerocalcare
Dopo la serie Netflix, arriva a Milano la grande mostra di Zerocalcare