Milano, a Palazzo Reale un'ampia monografica di Omar Galliani


Dal 13 luglio al 24 settembre, Palazzo Reale a Milano presenta una mostra monografica di Omar Galliani, uno dei principali maestri italiani del disegno, che espone tutti i suoi principali lavori recenti.

Dal 13 luglio al 24 settembre, Palazzo Reale a Milano presenta una mostra monografica di Omar Galliani (Montecchio Emilia, 1954), uno dei principali maestri italiani del disegno. L’esposizione, intitolata Omar Galliani. Diacronica. Il tempo sospeso, è curata da Flavio Caroli e Vera Agosti, è promossa da Comune di Milano-Cultura e prodotta e organizzata da Palazzo Reale e Archivio Omar Galliani.

Omar Galliani crede nell’eternità del disegno, che sopravvive al suo creatore e resiste nel tempo. Un “disegno infinitissimo”, che diventa opera unica, assoluta, immensa, che dispone di un proprio tempo, dilatato come le sue dimensioni, che si fa religione e viene “recitato” quotidianamente come un mantra; un disegno che l’artista ha saputo reinventare e rinnovare. Il titolo della mostra, Diacronica, è mutuato dalla linguistica e si riferisce allo studio delle lingue nel loro sviluppo storico. Il sottotitolo, Il tempo sospeso, allude alla resistenza del fare dell’artista, che in un mondo sempre più digitalizzato e smaterializzato, sostiene la bellezza della fisicità dell’opera d’arte.

Il percorso espositivo, sviluppato al piano nobile di Palazzo Reale, comprende oltre 100 opere, dalla fine degli anni Settanta ad oggi. Un excursus attraverso i lavori di Galliani presentati nelle Biennali di Venezia, Parigi, San Paolo, Praga, Tokyo, Pechino, nell’ambito di mostre museali, con l’aggiunta di una selezione di inediti, realizzati appositamente per l’esposizione milanese. Oltre ai disegni, calati nel nero scintillante della grafite e veicolati nella dimensione intima della carta o nella monumentalità della tavola di pioppo incisa o graffiata, sono presenti in mostra anche alcune opere ad olio su tela che, nonostante la scelta radicale del disegno, l’artista ha dipinto negli anni Ottanta e, a seguire, ogni inverno, dando vita ad una sola grande opera pittorica all’anno, quando la neve cade sulla pianura padana.

A fare da guida, all’interno di un itinerario non cronologico, che consentirà tuttavia al visitatore di seguire il divenire delle opere nel tempo, saranno principalmente suggestioni tematiche ed emotive, che Flavio Caroli suddivide in “universi mondi”, capaci di nutrire il pensiero e la fantasia dell’artista: Universo simbolico, Universo mitico, Universo psicologico, Universo erotico, Universo scientifico, Universo paesistico.

“La poetica di Galliani oggi”, scrive Vera Agosti, “prende ispirazione dalla storia dell’arte, dalla moda, dal cinema o dalla semplice quotidianità, grazie a immagini incontrate per caso, sulla strada, in aeroporti d’oriente e occidente. E ancora i viaggi intorno al mondo, in particolare in Asia, che contaminano il suo immaginario e a cui è dedicata una grande sala di Palazzo Reale”.

L’immagine guida dell’esposizione è De rerum natura (2020), una grande tavola che trae il titolo dal poema di Tito Lucrezio Caro. L’opera raffigura una giovane donna e un colibrì, simbolo di congiunzione tra cielo e terra, tra mondo fisico e spirituale. Tra le principali opere in mostra, Omar Roma Amor del 2012 e La Principessa Lyu Ji nel suo quindicesimo anno di età, esposta nella personale promossa dal Caffè Florian di Venezia nel 2014. Quest’ultima tavola si basa su un’antica leggenda di cui Galliani è venuto a conoscenza nella località di Xi’an. Della fanciulla restano rose e forbici, scarpette e coltelli, una sineddoche visiva della femminilità e della narrazione. In Cina l’artista ha esposto nei principali Musei del Paese, in dodici città, e il suo legame con l’Oriente unito all’influenza di quei luoghi e di quelle culture sul suo lavoro, sono ben presenti in mostra.

Si prosegue con un grande Mantra degli anni Novanta, giocato tra il mistero del nero della grafite e la sacralità della foglia d’oro incisa. A seguire, NGC/7419 del 2020-2021, lavoro particolarmente sentito, nato da un sogno ricorrente a seguito della perdita del figlio Massimiliano, anche lui artista. Un numero tornava costante nella mente: 7419; cercando in rete risultò essere un insieme di stelle nella costellazione di Cefeo, a forma di matita. Le stelle, di carbonio ed oro, splendono nell’opera a matita su tavola, silenti e liriche testimoni di quei misteri che non ci è dato sapere. Realizzata nei giorni del lockdown, invece, la grande installazione Baci rubati / Covid 19, composta da sessanta disegni di 50x50 centimetri. Sono i baci venuti a mancare nel periodo della chiusura forzata e del distanziamento fisico. Baci passionali e sensuali, come quelli cinematografici, immagini prese dal web rese delicate e oniriche dalla morbidezza del carboncino e dalla grafite cangiante in base alla rifrazione della luce. E proprio alla luce, il maestro dedica il suo grande trittico Riflessi del 2022-2023, opera inedita nella sua interezza, che sancisce la sua relazione con il paesaggio. Infine Grande disegno italiano, un’opera monumentale a matita su tavola di pioppo (cm 500x630), esposta all’Archivio di Stato di Torino nel 2005, in dialogo con un piccolo Angelo annunciante di Leonardo (presente nello studio preparatorio per la Vergine delle Rocce), esposto alla Biblioteca Reale.

Con questa esposizione, Omar Galliani evidenzia i contatti con il passato, senza sottrarsi tuttavia al presente, con uno sguardo proiettato al futuro. La mostra è accompagnata da un catalogo corsiero editore, a cura di Vera Agosti, con testi inediti di Flavio Caroli, Vera Agosti, Italo Tomassoni e Alessandra Tiddia, contributi critici di Eleonora Frattarolo e Giovanni Gazzaneo, poesie di Giuseppe Conte, Maurizio Cucchi, Seamus Heaney, Guido Oldani, Gian Ruggero Manzoni, Alda Merini, Roberto Mussapi, Alban Nikolai, Davide Rondoni, Massimo Silvotti e note personali di Omar Galliani.

Nell’ambito dell’esposizione, si terranno a Milano due conferenze di approfondimento: il 12 settembre, alle ore 21, al Planetario, l’incontro dal titolo Omar Galliani. Il disegno come cosmogonia. Notturni, galassie e costellazioni nella poetica del maestro; il 19 settembre, alle ore 18.00, al Museo di Storia Naturale, il talk intitolato Omar Galliani. L’anatomia del disegno. La natura nell’opera del maestro. Maggiori informazioni sul programma e le modalità di partecipazione saranno pubblicate su www.palazzorealemilano.it.

Orari: da martedì a domenica 12.00-19.30, giovedì 12.00-22.30, lunedì chiuso; ultimo ingresso 30 minuti prima della chiusura. Per informazioni: www.palazzorealemilano.it, www.omargalliani.com. Ingresso gratuito. Hashtag ufficiale: #OmarGallianiMilano.

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraOmar Galliani. Diacronica. Il tempo sospeso
CittàMilano
SedePalazzo Reale
DateDal 13/07/2023 al 24/09/2023
ArtistiOmar Galliani
CuratoriVera Agosti, Flavio Caroli
TemiArte contemporanea

Milano, a Palazzo Reale un'ampia monografica di Omar Galliani
Milano, a Palazzo Reale un'ampia monografica di Omar Galliani


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


A Palazzo Reale di Milano i calchi storici delle tre Piet di Michelangelo a confronto
A Palazzo Reale di Milano i calchi storici delle tre Piet di Michelangelo a confronto
Milano, l'Adolfo Wildt intimo in mostra allo Studio Guastalla
Milano, l'Adolfo Wildt intimo in mostra allo Studio Guastalla
Il V&A Museum dedica una mostra alle borse, la pi completa mai realizzata nel Regno Unito
Il V&A Museum dedica una mostra alle borse, la pi completa mai realizzata nel Regno Unito
Sei opere inedite di Giulio Paolini in mostra all'Accademia di San Luca a Roma
Sei opere inedite di Giulio Paolini in mostra all'Accademia di San Luca a Roma
Milano, la Galleria Gracis festeggia i 100 anni dalla nascita di Antoni Tpies con una mostra
Milano, la Galleria Gracis festeggia i 100 anni dalla nascita di Antoni Tpies con una mostra
Al Vittoriano va in mostra una Roma inedita e silenziosa
Al Vittoriano va in mostra una Roma inedita e silenziosa



MAGAZINE
primo numero
NUMERO 1

SFOGLIA ONLINE

MAR-APR-MAG 2019
secondo numero
NUMERO 2

SFOGLIA ONLINE

GIU-LUG-AGO 2019
terzo numero
NUMERO 3

SFOGLIA ONLINE

SET-OTT-NOV 2019
quarto numero
NUMERO 4

SFOGLIA ONLINE

DIC-GEN-FEB 2019/2020