Mimmo Rotella Manifesto alla GNAM di Roma


La Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma ospita dal 30 ottobre 2018 al 10 febbraio 2019 la più completa ricognizione scientifica su Mimmo Rotella.

Annunciata come la più completa ricognizione scientifica sull’arte di Mimmo Rotella (Catanzaro, 1918 - Milano, 2006), aprirà il 30 ottobre 2018 al pubblico presso la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma la mostra "Mimmo Rotella Manifesto", che terminerà il 10 febbraio 2019.

La retrospettiva, curata da Germano Celant in collaborazione con Antonella Soldaini, è stata pensata in occasione del centesimo anniversario della nascita dell’artista e vede l’esposizione di oltre centosessanta opere: queste ultime costituiranno sei grandi insiemi-manifesto, ciascuno su una delle tecniche principali sperimentate da Rotella. Il poster pubblicitario rielaborato è sempre il punto di partenza di tali tecniche. “I lavori presenti nei sei insiemi-manifesto testimoniano le differenti tecniche adottate da Rotella negli anni. Si tratta di uno spostamento linguistico continuo che dimostra il forte gusto per la sperimentazione, tipico della personalità dell’artista. Osservando in maniera sincronica il suo excursus e potendo avere per la prima volta una panoramica totale del suo operato, si riesce a recepire la logica sottostante il fare di Rotella. Come una carrellata in slow motion la successione cronologica degli insiemi-manifesto permette di meglio comprendere le diverse fasi che l’artista ha attraversato durante la sua lunga carriera” dichiara Antonella Soldaini.

Secondo l’allestimento della mostra, lo spazio espositivo diviene una vasta piazza interna circondata da pareti o facciate di edifici. Un’interpretazione urbana che “ha sollecitato un display non composto da frammenti, ovvero i quadri, ma che si integra con la piazza”. La piazza sarà quindi tappezzata da sei grandi cartelloni di enormi dimensioni (in media 3 x 10 metri), in modo da sembrare un contesto cittadino.

Saranno presenti testimonianze, documenti, disegni, piccoli dipinti su tela e su carta, fotografie, cataloghi, lettere che si succederanno in ordine cronologico: dal Manifesto dell’Epistaltismo del 1949 al disco Poemi fonetici del 1975, dalle confessioni contenute nei diari del 1993-1994 all’assegnazione della Medaglia d’Oro alla Carriera da parte di Carlo Azeglio Ciampi nel 2002.

All’esterno del salone-piazza della Galleria si troveranno due piccole piazzette, nelle quali saranno esposti filmati dagli anni Cinquanta e la serie dei Replicanti del 1990: dieci opere in porcellana che alludono a un’umanità ridotta a replicante di se stessa e senza più sentimenti.

La rassegna rientra nell’ambito delle iniziative promosse dalla Fondazione Mimmo Rotella e dal Mimmo Rotella Institute con il supporto della Regione Calabria.

Per info: www.lagallerianazionale.com

Orari: Da martedì a domenica dalle 8.30 alle 19.30.

Biglietti: Intero 10 euro, ridotto 5 euro.

Immagine: "Mimmo  Rotella  Manifesto”, veduta  della  mostra  alla  Galleria  Nazionale  d’arte  Moderna  e  Contemporanea, Roma, 2018 (Ph.Credit Giorgio Benni)

Mimmo Rotella Manifesto alla GNAM di Roma
Mimmo Rotella Manifesto alla GNAM di Roma


Acquista il nostro libro Cronache dal mondo dell'arte 2020
Tutto il 2020 in un libro di 430 pagine con 60 fotografie a colori, in una selezione di 60 articoli scelti dalla redazione di Finestre sull'Arte.
CLICCA QUI
PER INFORMAZIONI



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER