Alla Palazzina di Caccia di Stupinigi la mostra su Andy Warhol Super Pop


La Palazzina di Caccia di Stupinigi ospita, dal 24 ottobre 2020 al 31 gennaio 2021, la mostra ’Andy Warhol Super Pop’, un viaggio nella vita del padre della pop art. 

Dal 24 ottobre 2020 al 31 gennaio 2021, la Palazzina di Caccia di Stupinigi (Torino) ospita la mostra Andy Warhol. Super Pop, un viaggio nella vita di Andy Warhol che raccoglie settanta opere, tra fotografie, serigrafie, litografie, stampe, acetati, ricostruzioni fedeli degli ambienti e dei prodotti che Warhol amava e da cui traeva ispirazione. La rassegna si apre rievocando le atmosfere degli anni Cinquanta e Sessanta, per poi immergere il visitatore nella storia di Warhol, da grafico pubblicitario ad artista di successo, potendo ammirare le sue opere più note come il ritratto di Marylin Monroe, il celebre autoritratto, la mucca Cow e l’iconica Campbell’s soup.

Del percorso fanno parte anche gli acetati e le lastre serigrafiche da cui prendevano vita le sue stampe, e l’esposizione della collezione di scatti del fotografo statunitense Fred W. McDarrah, che ha immortalato l’artista per oltre trent’anni svelandone da una parte il lato più il lato più intimo ed umano e dall’altra mettendo in luce le sue molte e diverse pratiche artistiche. Warhol viene quindi ritratto all’apice della sua carriera circondato dalle scatole di Brillo durante l’inaugurazione di una sua mostra personale, o mentre gira una delle sue pellicole sperimentali, o ancora, molti anni più tardi, intento in una delle sue attività preferite: una telefonata.

Presente nel percorso espositivo anche la replica dell’opera Silver Clouds, un’installazione composta da palloncini che fluttuano a mezz’aria e circondano il visitatore, creata per la prima volta nel 1966 alla Leo Castelli Gallery, dove McDarrah ha documentato il processo di allestimento. Non mancherà l’Andy comunicatore, istrionico in compagnia, nei migliori locali di tendenza d’America, oltre che assoluto padrone di casa della Factory, ovvero la “fabbrica” dove Warhol produceva la maggior parte del suo lavoro, ma anche il suo quartier generale, il luogo di ritrovo e condivisione dove tutti i suoi amici si riunivano per condividere fantasie, passioni ed idee, tra trasgressive feste all’avanguardia. È lo spazio dove la Pop Art diventa uno stile di vita e alla base c’è l’accettazione di qualsiasi comportamento, senza giudizio. Tra attori, drag queen, personaggi mondani e liberi pensatori, alla corte di Warhol passano anche artisti come Lou Reed, Bob Dylan, Truman Capote e Mick Jagger. Alla Palazzina di Caccia di Stupinigi sarà ricreata l’atmosfera dello studio ed esposta la copia esatta dello storico divano rosso de la Factory. A chiudere il percorso gli scatti del fotografo Anton Perich ai visitatori della Factory e le testimonianze di Keith Haring a Basquiat, che hanno accolto il lascito del maestro.

La mostra, organizzata da Next Exhibition e Ono Arte con il patrocinio di Città Metropolitana Torino, apre dal martedì al venerdì dalle 10 alle 17:30, il sabato e la domenica dalle 10 alle 18:30 (ultimo ingresso un’ora prima della chiusura). Chiuso il 25 dicembre. Biglietti: intero 12 euro + prevendita, ridotto generico (over 65, under 12, convenzionati CRAL, possessori abbonamento musei, media partner, diversamente abili) 10 euro + prevendita, ridotto gruppi (minimo 10 persone) 8 euro + prevendita, ridotto scuole (minimo 15 alunni) 6 euro + prevendita, gratis per bambini sotto i sei anni. Biglietto open 15 euro. I biglietti si possono acquistare sul circuito Ticketone, la prevendita è di 1,50 euro. Per info e prenotazioni è possibile recarsi sul sito della mostra.

Alla Palazzina di Caccia di Stupinigi la mostra su Andy Warhol Super Pop
Alla Palazzina di Caccia di Stupinigi la mostra su Andy Warhol Super Pop


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER