Reggio Emilia, alla Galleria de' Bonis una mostra su Antonio Ligabue e la sua terra


Dal 18 marzo al 12 aprile 2023, la Galleria de’ Bonis di Reggio Emilia presenta la mostra “Antonio Ligabue. Terra: luogo d’origine, campo di lavoro, scenografia di una impresa”, con una selezione di 15 lavori dell’artista.

La Galleria de’ Bonis di Reggio Emilia organizza, dopo un lungo e selettivo lavoro di ricerca, presenta, dal 18 marzo al 12 aprile 2023, la sua prima mostra monografica dedicata ad Antonio Ligabue (Zurigo, 1899 – Gualtieri, 1965). La rassegna, intitolata Antonio Ligabue. Terra: luogo d’origine, campo di lavoro, scenografia di una impresa espone quindici opere ad olio per un nuovo progetto espositivo che celebra il grande artista e la sua terra, indagando il suo viscerale legame con la natura.

A differenza di altri pittori, Ligabue non sembra osservare la natura per riportarla in modo descrittivo, ma sembra dichiarare pittoricamente la propria appartenenza ad essa, raccontandola dall’interno. Le opere esposte, infatti, sono scene di genere che narrano il lavoro nei campi, animate da contadini, solidi e massicci, come i cavalli da tiro che hanno al fianco, stanchi, al rientro da una giornata spesa a lavorare la terra, ma sereni.

La scelta della Galleria de’ Bonis spazia tra la terra natia del grande pittore, la Svizzera, riconoscibile in paesini caratteristici e in castelli che sembrano uscire da una fiaba, e la terra che lo ha accolto, la pianura padana, con i suoi campi e la sua tipica vegetazione. La meraviglia non si ferma qui: lo sguardo libero e indagatore di Ligabue continua a volare oltre e si posa, allo stesso modo, sulla semplicità di una lumachina alla quale dedica una piccola tela, ma anche sull’esotismo di una tigre feroce e di uno sciacallo, per finire attratto dal sul suo stesso viso, che ritrae in un quanto mai sintetico, ma geniale, autoritratto.

Un nucleo della mostra è infine dedicato a dipinti che rappresentano cani, una raccolta unica nel suo genere. Questa sezione comprende opere del primo, secondo e terzo periodo, abbracciando l’intera produzione dell’artista. Dai dipinti si affacciano vivaci cani da caccia, un cagnolino sperduto nei campi, un altro accanto ad un cavallo da corsa e infine un piccolo cane nero, stanco, che rientra dal lavoro insieme al suo padrone. Ogni quadro è un racconto perfetto, una scenografia magistralmente eseguita, in cui tutti i dettagli, anche i più minuti, come la piccola cicogna adagiata su un comignolo, recitano una parte sublime.

Ligabue si incanta di fronte ad insetti, fili d’erba e animali, ma anche dinnanzi ad un viso umano, con lo stesso stupore ammirato di chi è immerso completamente nella natura e non ha ricevuto un’educazione tradizionale. “Pochi altri artisti”, afferma il gallerista Stanislao de’ Bonis, “riescono a farci vedere il mondo con questi occhi, e questo è un valore senza prezzo”.

La mostra è accompagnata da un catalogo con introduzione di Sergio Negri. L’esposizione, ad ingresso gratuito, è visitabile fino al 12 aprile 2023, dal martedì al sabato con orario 10.00-13.00 e 16.00-19.00, il giovedì dalle 10.00 alle 13.00, chiuso Pasqua e Pasquetta. Per informazioni: T. +39 0522 580605, M. +39 338 3731881, info@galleriadebonis.com, www.galleriadebonis.com

Antonio Ligabue, Autoritratto (1956; olio su faesite, 27,5 x 18 cm)
Antonio Ligabue, Autoritratto (1956; olio su faesite, 27,5 x 18 cm)
Antonio Ligabue, Sciacallo con paesaggio (1956; olio su faesite, 26,5 x 32 cm)
Antonio Ligabue, Sciacallo con paesaggio (1956; olio su faesite, 26,5 x 32 cm)
Antonio Ligabue, Semina con cavalli (1953; olio su faesite, 43,3 x 55,2 cm)
Antonio Ligabue, Semina con cavalli (1953; olio su faesite, 43,3 x 55,2 cm)
Antonio Ligabue, Tigre con cerbiatti (1960-61; olio su tela, 50 x 70 cm)
Antonio Ligabue, Tigre con cerbiatti (1960-61; olio su tela, 50 x 70 cm)
Antonio Ligabue, Volpe in fuga con paesaggio (1956; olio su faesite, 40 x 42 cm)
Antonio Ligabue, Volpe in fuga con paesaggio (1956; olio su faesite, 40 x 42 cm)

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraAntonio Ligabue. Terra: luogo dorigine, campo di lavoro, scenografia di una impresa
CittàReggio Emilia
SedeGalleria de' Bonis
DateDal 18/03/2023 al 12/04/2023
ArtistiAntonio Ligabue
TemiNovecento

Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Torino, la prima retrospettiva su Piero Simondo  all'Accademia Albertina
Torino, la prima retrospettiva su Piero Simondo all'Accademia Albertina
Legno e marmo a confronto: a Pietrasanta, la doppia personale di Bruno Walpoth e Alex Rane
Legno e marmo a confronto: a Pietrasanta, la doppia personale di Bruno Walpoth e Alex Rane
La fotografia come tecnologia dell'informazione. A Bologna la mostra di Armin Linke
La fotografia come tecnologia dell'informazione. A Bologna la mostra di Armin Linke
Dodici artisti internazionali s'incontrano a Casa Jorn nel segno di J.G. Ballard
Dodici artisti internazionali s'incontrano a Casa Jorn nel segno di J.G. Ballard
A Basilea una delle pi grandi mostre di sempre su Goya fuori dalla Spagna
A Basilea una delle pi grandi mostre di sempre su Goya fuori dalla Spagna
A Milano CoviDiaries: fotografie, proiezioni e un calendario raccontano due anni di pandemia
A Milano CoviDiaries: fotografie, proiezioni e un calendario raccontano due anni di pandemia



MAGAZINE
primo numero
NUMERO 1

SFOGLIA ONLINE

MAR-APR-MAG 2019
secondo numero
NUMERO 2

SFOGLIA ONLINE

GIU-LUG-AGO 2019
terzo numero
NUMERO 3

SFOGLIA ONLINE

SET-OTT-NOV 2019
quarto numero
NUMERO 4

SFOGLIA ONLINE

DIC-GEN-FEB 2019/2020