In Puglia una mostra su Giovanni Boldini con opere in arrivo da Ferrara


Dal 7 dicembre 2019 al 3 maggio 2020, la Pinacoteca De Nittis si Barletta ospita la mostra ’Boldini. L’incantesimo della pittura’.

S’intitola Boldini. L’incantesimo della pittura. Capolavori dal Museo Boldini di Ferrara la mostra che dal 7 dicembre 2019 al 3 maggio 2020 la Pinacoteca De Nittis di Barletta ospita tra le sue sale. Dedicata a Giovanni Boldini (Ferrara, 1842 – Parigi, 1931), l’esposizione presenta opere in arrivo dal Museo Boldini di Ferrara per ripercorrere la vicenda dell’artista, tra i più celebri ritrattisti della Belle Époque, famoso per aver immortalato i protagonisti del tempo, da Robert de Montesquiou alla marchesa Luisa Casati, facendo di loro l’immagine stessa di quel momento storico e culturale.

Nato a Ferrara nel 1842, Boldini si trasferì a Firenze all’età di 22 anni. Qui, grazie anche alla vicinanza alle poetiche del vero promosse dai “macchaioli”, si distinse per un’interpretazione libera e personale del ritratto. Dopo un breve soggiorno di sei mesi a Londra nell’ottobre del 1871, Boldini si spostò a Parigi, dove rimase fino alla sua scomparsa, facendo della capitale francese la sua seconda patria. In Francia, Boldini assorbì le differenti tendenze artistiche in voga al tempo: dalla pittura di genere e in costume di Mariano Fortuny e Ernest Meissonier a quella di paesaggio e soprattutto di vita moderna della quale offrì una sua declinazione facendo tesoro delle innovative lezioni di Édouard Manet e Edgar Degas, oltre che delle poetiche dell’impressionismo.

Frutto di una collaborazione che permetterà la realizzazione di una grande mostra dedicata a De Nittis al Palazzo dei Diamanti di Ferrara, la rassegna Boldini. L’incantesimo della pittura intende presentare l’opera di questo maestro in ogni aspetto e ambito della sua produzione, dal paesaggio alla natura morta, dalle vedute di città al ritratto, sia quello intimo che ritrae amici e colleghi, che quello di società che gli ha regalato successo e fortuna. Grazie all’ampiezza della collezione del Museo Boldini di Ferrara (la più estesa e rappresentativa raccolta pubblica intitolata al pittore), una selezione di quasi settanta opere permetterà di ripercorrere i principali snodi della sua vicenda artistica, dalle vibranti prove degli anni fiorentini ai grandi dipinti della maturità, iconiche opere della Belle Époque come il Piccolo Subercaseaux, i ritratti “alla moda” della Contessa de Leusse, della Principessa Eulalia e Fuoco d’artificio o la magnetica effigie della Signora in rosa, emblematica di una nuova rappresentazione, nervosa ed elegante, della femminilità moderna.

Le due mostre organizzate a Barletta e Ferrara rappresentano l’epilogo virtuoso di un progetto a lungo meditato e fortemente voluto dalle due Istituzioni museali e la piena attuazione di un proficuo scambio culturale e professionale tra enti pubblici.

“Il patrimonio artistico è un bene comune e in quanto tale è importante che sia ammirato e apprezzato da tanti“, dichiara il sindaco di Barletta, Cosimo Cannito, ”e in sedi prestigiose come il Palazzo dei Diamanti di Ferrara o Palazzo Della Marra a Barletta, vista anche l’affinità degli artisti di cui si tratta e i progetti di ricerca del Museo Giovanni Boldini e della nostra Pinacoteca. Per De Nittis abbiamo grandi ambizioni, su tutte quella di conferirgli la giusta dimensione internazionale quella stessa che caratterizzò l’opera e la vita dell’artista barlettano".

Nella foto: Giovanni Boldini, La signora in rosa (Olivia Concha de Fontecilla) (1916; olio su tela, 163 x 113 cm; Ferrara, Museo Giovanni Boldini)

In Puglia una mostra su Giovanni Boldini con opere in arrivo da Ferrara
In Puglia una mostra su Giovanni Boldini con opere in arrivo da Ferrara


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER