La Spezia, una mostra per indagare l'eredità di Leonardo da Vinci


Al Museo Civico Amedeo Lia di La Spezia, il momentaneo ritorno in Liguria della Madonna Lia di Filippo Galli dà modo di organizzare una mostra sull’eredità di Leonardo da Vinci con alcune importanti opere dei leonardeschi.

Dal 19 febbraio al 26 giugno 2022, il Museo Civico “Amedeo Lia”, La Spezia, accoglie la mostra-focus La Madonna Lia. Gli allievi di Leonardo a Milano, a cura di Andrea Marmori e Francesca Giorgi. L’esposizione, promossa dal Comune della Spezia, si focalizza sul dipinto eseguito da Francesco Galli, detto Napoletano, per il duca di Milano, Ludovico il Moro. L’opera, donata dal collezionista Amedeo Lia alla Pinacoteca del Castello Sforzesco di Milano nel 2007, fa ritorno alla Spezia nell’ambito di una mostra che raccoglie anche altri capolavori, tanto provenienti da Milano quanto facenti parte della Collezione Lia, ad illustrare l’ambiente culturale che Leonardo da Vinci trova al suo arrivo a Milano e a dimostrazione degli esiti del suo straordinario, illuminante insegnamento.

La “Madonna Lia”, al pari di altri dipinti di piccole dimensioni raffiguranti il medesimo soggetto, fa parte di un gruppo di opere eseguite nello studio milanese di Leonardo negli anni Novanta del XV secolo. Leonardo era difatti giunto a Milano nel 1482, e anche se pare improbabile che sia entrato subito al servizio del duca Ludovico Sforza, viene da subito impiegato in numerosi incarichi per la corte. Il suo multiforme operato prevedeva in primo luogo il progetto e la preparazione per il monumento equestre a Francesco, padre di Ludovico, e la decorazione della Sala delle Asse in Castello. Contemporaneamente lavorava all’Ultima cena e dipingeva i ritratti delle amanti del duca, tra i quali il più celebre è quello di Cecilia Gallerani, la Dama con l’ermellino, e ancora progettava costumi e scenari per le feste di corte. Se a questo si aggiungono i compiti come ingegnere ducale sia per la costruzione di canali che per le opere militari, è facile comprendere come al maestro restasse poco tempo da dedicare all’esecuzione di piccoli dipinti devozionali: l’incapacità di esaudire tali richieste fu pertanto in parte colmata dalla presenza di numerosi allievi presenti nel suo studio. Leonardo, prima di giungere a Milano, aveva già eseguito due piccole Madonne devozionali, che ebbero un immediato e meritato successo: la Madonna del garofano, oggi a Monaco, e la celebre Madonna Benois, attualmente conservata all’Ermitage di San Pietroburgo.

Gli allievi presenti nella bottega di Leonardo erano organizzati in due gruppi distinti: gli apprendisti Salaì e Melzi che, come principianti, erano vincolati al maestro e rimasero al suo servizio più a lungo del normale periodo di tutela, e un gran numero di assistenti che, a giudicare dall’età e dalle capacità, dovevano essere più o meno formati. Di questo gruppo facevano parte Marco d’Oggiono e Giovanni Boltraffio, autori di numerose opere compiute a contatto con Leonardo, e anche un pittore per noi anonimo chiamato convenzionalmente il Maestro della Pala Sforzesca per via della sua opera più celebre. È stato notato che per tutti questi artisti l’ingresso e la permanenza nello studio di Leonardo abbiano costituito il momento di maggiore qualità nell’intero arco della loro carriera, come se il contatto con il maestro annullasse qualsiasi esperienza maturata prima di allora.

La mostra del Museo Lia intende pertanto ripercorrere questo momento così significativo e dirimente per l’arte italiana, e non solo, quando il genio di Leonardo immette un rivoluzionario vento di novità alla corte di Ludovico il Moro, cambiandone per sempre gli orizzonti artistici. La mostra sarà visitabile dal 19 febbraio, giornata in cui sarà aperta gratuitamente al pubblico con ingressi contingentati secondo la vigente normativa, e resterà aperta fino al 26 giugno 2022. In questi mesi saranno proposti approfondimenti con specialisti del settore, appuntamenti rivolti tanto al pubblico adulto che laboratori per bambini e ragazzi. Per tutte le informazioni è possibile visitare il Museo Lia.

Francesco Galli, Madonna Lia (olio su tavola trasportato su tela; Milano, Castello Sforzesco)
Francesco Galli, Madonna Lia (olio su tavola trasportato su tela; Milano, Castello Sforzesco)
Giampietrino, Maddalena seduta in preghiera davanti al Crocifisso (olio su tavola trasportato su tela; Milano, Castello Sforzesco)
Giampietrino, Maddalena seduta in preghiera davanti al Crocifisso (olio su tavola trasportato su tela; Milano, Castello Sforzesco)
Marco d'Oggiono, Madonna col Bambino, san Giovannino e un angelo (tempera e olio su tavola; Milano, Castello Sforzesco)
Marco d’Oggiono, Madonna col Bambino, san Giovannino e un angelo (tempera e olio su tavola; Milano, Castello Sforzesco)
Giampietrino, Madonna col Bambino e san Giovannino (olio su tela; La Spezia, Museo Civico Amedeo Lia)
Giampietrino, Madonna col Bambino e san Giovannino (olio su tela; La Spezia, Museo Civico Amedeo Lia)

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraLa Madonna Lia. Gli allievi di Leonardo a Milano
CittàLa Spezia
SedeMuseo Civico Amedeo Lia
DateDal 19/02/2022 al 20/06/2022
ArtistiGiampietrino, Marco d'Oggiono, Francesco Galli
CuratoriAndrea Marmori, Francesca Giorgi
TemiLeonardo da Vinci, Arte antica

Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


La fotografia che racconta i gravi problemi del presente. La quarta edizione di reGeneration a Losanna, Svizzera
La fotografia che racconta i gravi problemi del presente. La quarta edizione di reGeneration a Losanna, Svizzera
Il Perugino protagonista di una mostra al Palazzo Ducale di Urbino a cura di Vittorio Sgarbi
Il Perugino protagonista di una mostra al Palazzo Ducale di Urbino a cura di Vittorio Sgarbi
Giacomo Balla dal futurismo astratto al futurismo iconico. La mostra a Roma
Giacomo Balla dal futurismo astratto al futurismo iconico. La mostra a Roma
Roma, una mostra in doppia sede ripercorre la carriera di Bruno Lisi
Roma, una mostra in doppia sede ripercorre la carriera di Bruno Lisi
Ad Arezzo una mostra sul territorio sotto gli affreschi di Piero della Francesca
Ad Arezzo una mostra sul territorio sotto gli affreschi di Piero della Francesca
Al MAXXI l'architettura di Louis Kahn nelle fotografie di Roberto Schezen
Al MAXXI l'architettura di Louis Kahn nelle fotografie di Roberto Schezen