Milano, allo spazio Gaggenau la mostra che ripercorre 35 anni di carriera di Paola Pezzi


Dal 4 aprile al 31 luglio 2022, lo spazio Gaggenau DesignElementi di Milano ospita “Passaggi di stato”, importante retrospettiva che racconta 35 anni di carriera dell’artista bresciana Paola Pezzi.

Una grande mostra che ripercorre i trentacinque anni di carriera di Paola Pezzi (Brescia, 1963): è Passaggi di stato, rassegna in programma dal 4 aprile al 31 luglio allo spazio Gaggenau DesignElementi di Milano. La mostra apre all’interno del progetto per l’arte 2022 Materiabilia promosso da Gaggenau e Cramum. Curata da Sabino Maria Frassà, la rassegna raccoglie 18 opere iconiche provenienti da trentacinque anni di carriera, a raccontare l’evoluzione dell’artista bresciana. “Tutta l’esistenza è un passaggio di stato: anche noi, come la materia, siamo sottoposti a pressioni e mutazioni dell’ambiente esterno, che ci spingono a trasformarci continuamente. La sfida è rimanere sempre noi stessi”, spiega il curatore.

Passaggi di stato mette in mostra il continuum di questa trasformazione di materie e di idee, metafora dell’esistenza che Paola Pezzi da sempre racconta. A fare da filo conduttore della narrazione, l’importanza del gesto quale strumento di progettazione e al contempo di realizzazione dell’opera finale. Se le prime opere che l’hanno portata al successo, come Nuclei originari (fine anni Ottanta), erano frutto di un gesto di avvolgimento, di spirale centripeta verso l’interno (l’artista quasi si avviluppava in se stessa, in un gesto in bilico tra la catarsi e la ricerca di protezione), nei primi anni 2000 si assiste a quella che si potrebbe indicare come l’apertura della spirale originaria: il movimento creativo diventa sempre più centrifugo, partendo sempre da un’origine centrale verso l’esterno. Ne sono un esempio opere come il ciclo A piene mani, in cui dei guanti da lavoro diventano opera nell’atto del fare. Come racconta il curatore Frassà, “da una palla a un nido, l’arte di Paola Pezzi comincia così a riflettere sull’impatto dell’io sugli altri, sul significato di fare ed essere un’artista. La sua arte più recente, infine, emana una contagiosa energia: si susseguono in diversi materiali spirali e avvolgimenti che si muovono nello spazio, dandogli ”vita“. Raramente le opere sono contenute in una forma squadrata, e si ha la sensazione che le stesse opere siano in un movimento, in un costante divenire generato dall’esplosione di energia da cui hanno avuto origine”.

Il candore della della materia è protagonista di questa evoluzione negli anni. Sabino Frassà racconta come “dopo i primi lavori, caratterizzati quasi da un rifiuto della luce, gli ultimi vent’anni di carriera sono dedicati da Paola Pezzi a opere che generano e muovono la luce, anche quando il colore scelto è il nero. Il buio non esiste... più. Si susseguono perciò interessanti sperimentazioni con nuovi materiali plastici e tessili, presi dalla vita quotidiana, in cui il bianco si unisce sempre più alla dimensione tattile, quasi sensuale, che riesce a instaurare un’immediata empatia con lo spettatore”.

La mostra intende infine mettere in evidenza il forte legame tra la maestra dell’arte povera Marisa Merz e Paola Pezzi. Come spiega il curatore Sabino Maria Frassà, “Pezzi è forse la migliore erede di Marisa Merz: non solo i materiali - dall’alluminio alle fibre tessili - ma anche il movimento vorticoso avvicinano queste due grandi artiste. Come non pensare alle grandi sculture di lamine di alluminio con cui Merz cominciò la propria carriera nel 1966? Paola Pezzi porta però un elemento nuovo, e va oltre a tale nucleo originario. La sua arte costruisce ordine e uno spazio; non è mai il caos o il caso a determinare il risultato. Il gesto artistico di Paola Pezzi disciplina e domina la materia, dando vita a forme in cui è chiara la dimensione del divenire. Un divenire a cui non possiamo che guardare con curiosità, aspettando un nuovo passaggio di stato”.

Paola Pezzi è nata a Brescia il 10 ottobre 1963. Dal 1990 è protagonista di importanti mostre personali, tra cui “Paola Pezzi. Partito preso” alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna a Roma nel 1995, “Ridisegnare il mondo” all’Istituto Italiano di Cultura di Strasburgo e Lussemburgo nel 2010 e “Forma Mentis” all’Istituto italiano di Cultura di Lisbona nel 2018. Suoi lavori sono stati acquisiti da importanti istituzioni tra cui Collezione Panza di Biumo, GNAM Galleria Nazionale d’Arte Moderna, MAGA, Saatchi Collection di Londra, Banca Commerciale Italiana, Banca Intesa Sanpaolo e BNL.

Passaggi di stato apre dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 18:30. Per prenotare una visita: infocramum@gmail.com, gaggenau@designelementi.it telefono 02 29015250 (interno 2).

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraPaola Pezzi. Passaggi di stato
CittàMilano
SedeGaggenau DesignElementi
DateDal 04/04/2022 al 31/07/2022
ArtistiPaola Pezzi
CuratoriSabino Maria Frassà
TemiArte contemporanea

Milano, allo spazio Gaggenau la mostra che ripercorre 35 anni di carriera di Paola Pezzi
Milano, allo spazio Gaggenau la mostra che ripercorre 35 anni di carriera di Paola Pezzi


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Roma, al MAXXI riuniti per la prima volta tutti i Pixel-Collage di Thomas Hirschhorn
Roma, al MAXXI riuniti per la prima volta tutti i Pixel-Collage di Thomas Hirschhorn
A Ferrara una mostra su Alceo Dossena e i grandi falsari del Novecento
A Ferrara una mostra su Alceo Dossena e i grandi falsari del Novecento
Una grande mostra su Chiara Fumai, artista scomparsa a 39 anni nel 2017, al Pecci di Prato
Una grande mostra su Chiara Fumai, artista scomparsa a 39 anni nel 2017, al Pecci di Prato
Da Yves Klein a Wolfgang Tillmans, a Bergamo una mostra sulle trasformazioni della materia
Da Yves Klein a Wolfgang Tillmans, a Bergamo una mostra sulle trasformazioni della materia
Come rivoluzionò l'avvento della fotografia la pittura e la scultura? Una mostra alla Pinacoteca Züst indaga sul tema
Come rivoluzionò l'avvento della fotografia la pittura e la scultura? Una mostra alla Pinacoteca Züst indaga sul tema
Una Venezia in bianco e nero e vuota: oltre 4000 fotografie dal più grande archivio mai realizzato della città
Una Venezia in bianco e nero e vuota: oltre 4000 fotografie dal più grande archivio mai realizzato della città