A Cremona in mostra i violini che Vivaldi faceva suonare all'Ospedale della Pietà di Venezia


Dal 5 maggio al 1° agosto 2021, il Museo del Violino di Cremona accoglie la mostra “I violini di Vivaldi e le figlie di Choro”, che ripercorre il periodo in cui Antonio Vivaldi insegnò alle fanciulle dell’Ospedale della Pietà di Venezia.

Dal 5 maggio al 1° agosto 2021, il Museo del Violino di Cremona ospita la mostra I violini di Vivaldi e le figlie di Choro: a cura di Fausto Cacciatori, Deborah Pase e Federico Maria Sardelli, la rassegna intende rileggere la figura di Antonio Vivaldi (Venezia, 1678 – Vienna, 1741), del periodo da lui trascorso all’Ospedale della Pietà di Venezia e più in generale la musica barocca attraverso gli strumenti scelti e utilizzati dal “prete rosso” e dalle bambine e ragazze dell’Ospedale, dove Vivaldi operò dal 1703 al 1740 prima come maestro di violino e poi come maestro di concerti, occupandosi dunque anche della scelta e dell’acquisto degli strumenti musicali. L’Ospedale della Pietà assisteva le bambine abbandonate, che ricevevano al suo interno un’alta formazione musicale: le giovani più talentuose venivano dunque avviate al canto e allo studio dei diversi strumenti. Al tempo in cui Vivaldi lavorò all’Ospedale, l’istituto comprò più di cinquanta strumenti, molti dei quali fanno parte della collezione, che vanta alcuni pezzi di altissimo pregio storico, realizzati da celebri liutai, come i due violoncelli di Matteo Goffriller e un violino di Pietro Guarneri.

La collezione è riconosciuta come un rarissimo complesso di strumenti “barocchi”, provenienti da un’unica e antica Cappella Musicale e in parte non sottoposti a modifiche per l’esecuzione moderna. Quasi tutti gli strumenti hanno cessato l’uso continuo alla fine del XVIII secolo, quando il violino non aveva ancora compiuto l’intero percorso evolutivo, quindi la maggior parte si presenta ancora allo stato originale. La raccolta dell’Istituto della Pietà si presenta, dunque, come una grande fonte di informazioni sugli strumenti ad arco di scuola veneziana e tedesca, della fine del XVIII secolo, da cui gli studiosi possono trarre preziose indicazioni e conoscenze. Gli strumenti sono presentati dopo una intensa campagna di studio, conservazione e restauro a cura del Museo del Violino, del Corso di Laurea Magistrale in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali dell’Università di Pavia, e di Cr.Forma.

Oltre ai violini dell’Ospedale della Pietà, la mostra espone anche documenti, immagini ed oggetti che permetteranno di ripercorrere la storia dell’istituto, luogo di accoglienza all’epoca modernissimo e unico in Europa, laboratorio di educazione ed emancipazione. In particolare le “Figlie di Choro” erano apprezzate coriste e musiciste, che si esibivano anche in pubblico. La mostra racconta, seppur per cenni, le loro vicende: abbandonate neonate nella “scafetta”, luogo che accoglieva i piccoli assistiti nell’Ospedale della Pietà, le “Putte del Choro” venivano selezionate per il loro talento musicale e istruite da celebri maestri come Francesco Gasparini e Antonio Vivaldi. Proprio pensando alle caratteristiche tecniche delle proprie allieve, Vivaldi sceglieva personalmente i violini per le Figlie di Choro come Zanetta, Marcolina e Susanna. Le Putte del Choro durante i concerti si esibivano dalle cantorie, celate dal fittissimo intreccio in ferro battuto delle grate con cui erano decorate, che rendeva invisibile al pubblico il loro volto. Molte di loro divennero famose e acclamate interpreti, impressionando con la propria bravura cronisti e viaggiatori stranieri che ne elogiarono i virtuosismi. “Quello dei quattro ospedali dove vado più spesso e dove mi diverto di più”, scriveva il letterato e viaggiatore Charles De Brosses nel 1739, “è l’ospedale della Pietà, questo è anche il primo per la perfezione dell’orchestra. Che rigore nell’esecuzione!” (leggi qui un approfondimento sulla storia delle giovani dell’Ospedale della Pietà).

La mostra I violini di Vivaldi e le Figlie di Choro è promossa dalla Fondazione Museo del Violino e dall’Istituto Provinciale per l’Infanzia Santa Maria della Pietà di Venezia, in collaborazione con il Distretto Culturale della Liuteria di Cremona e Michelangelo Foundation, con il contributo di Regione Lombardia e Fondazione Cariplo.

“Regione Lombardia”, dichiara Stefano Bruno Galli, Assessore all’Autonomia e Cultura della Regione Lombardia, “ha promosso e sostenuto la realizzazione sul territorio di progetti integrati di sviluppo culturale, adottando lo strumento dei Piani Integrati della Cultura, in collaborazione con Fondazione Cariplo e Unioncamere, attraverso i quali intende promuovere la progettualità culturale strategica in forme integrate e multisettoriali che richiedono il coordinamento tra soggetti pubblici e privati. A fine 2020 è stata pubblicata la graduatoria definitiva dei PIC selezionati da Regione (in tutto 14 su 54 candidati), con un investimento superiore ai 12 milioni di euro. QUesta mostra rientra tra le azioni del Piano Integrato della Cultura ‘Percorsi barocchi tra musica e liuteria a Cremona’ finanziato da Regione Lombardia per rilanciare il ruolo della cultura come elemento di sviluppo per i territori. In questo Piano, che vede coinvolto un partenariato pubblico-privato attivo sul tema del legame tra musica barocca e del saper fare liutario, riconosciuto dall’Unesco patrimonio dell’umanità nel 2012, Regione Lombardia ha ravvisato uno strumento innovativo per la gestione e il coordinamento delle politiche culturali del territorio cremonese. I Piani Integrati della Cultura possono essere una grande leva per la ripartenza e fare scuola a livello nazionale ed europeo. Il domani delle politiche culturali sarà determinato dalla prospettiva della valorizzazione integrata dell’offerta culturale territoriale. Il rilancio della cultura, al termine della stagione pandemica, dovrà necessariamente porsi in termini di attrattività: dovendo dimenticarci per molto tempo il turismo culturale pre-Covid, è evidente che bisognerà lavorare in modo significativo sulla domanda interna. L’obiettivo è riportare più volte un cittadino nello stesso luogo di cultura e ciò significa offrire sempre qualcosa di nuovo e di diverso valorizzando il proprio patrimonio. Questa è la sfida da vincere”.

“È emozionante riaprire il Museo dopo un lungo lockdown con la mostra I violini di Vivaldi e le Figlie di Choro”, sottolinea Virginia Villa, Direttrice della Fondazione Museo del Violino Antonio Stradivari. “Anche nei mesi più duri, infatti, è proseguito il lavoro di studio, ricerca e restauro: un impegno che ha visto affiancati al Museo e all’Istituto Santa Maria della Pietà, sotto la guida dei due conservatori, il Corso di Laurea Magistrale in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali dell’Università di Pavia e Cr.Forma. Oggi ammiriamo il risultato di questo concorso di competenze, talenti, passioni, determinazione. Accanto agli strumenti raccontiamo le storie delle Figlie di Choro, la loro volontà di emancipazione attraverso l’istruzione in ambito musicale. Il loro messaggio è quanto mai attuale. La chiusura dei musei ci ha privati del confronto con l’arte, ora è bello poter tornare a visitare le sale e le collezioni con la rinnovata consapevolezza di quanto l’esperienza culturale sia fondamentale nella vita di una comunità e di ognuno di noi. Nella strategia assistenziale dell’Ospedale della Pietà, l’attività musicale diventava un’opportunità di riscatto sociale e piena realizzazione artistica, offerta alle assistite più talentuose. Il percorso espositivo consentirà al visitatore di immergersi nella storia e nelle atmosfere di questa antica istituzione veneziana, accompagnandolo alla scoperta del connubio tra cura dell’infanzia abbandonata e fervida attività culturale” racconta Lulzim Ajazi, Direttore dell’Istituto Provinciale per l’Infanzia Santa Maria della Pietà”.

Nell’immagine: Matteo Goffriller, Violoncello del 1708 (Venezia, Istituto Provinciale per l’Infanzia “Santa Maria della Pietà”)

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraI violini di Vivaldi e le figlie di Choro
CittàCremona
SedeMuseo del Violino
DateDal 05/05/2021 al 01/08/2021
ArtistiAntonio Vivaldi
CuratoriFausto Cacciatori, Deborah Pase, Federico Maria Sardelli
TemiCremona, Museo del Violino, Antonio Vivaldi

A Cremona in mostra i violini che Vivaldi faceva suonare all'Ospedale della Pietà di Venezia
A Cremona in mostra i violini che Vivaldi faceva suonare all'Ospedale della Pietà di Venezia


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma