Gli scambi tra Giappone ed Europa nel XIX secolo in mostra al MuDEC di Milano


Dal 1° ottobre 2019 al 2 febbraio 2020 il MuDEC di Milano ospita la mostra ’Impressioni d’Oriente. Arte e collezionismo tra Europa e Giappone’

Il MUDEC presenta per l’autunno 2019 il progetto Oriente MUDEC, che coinvolge tutti gli spazi espositivi del museo e racconta da diversi punti di vista - artistico, storico ed etnografico - i reciproci scambi tra Giappone ed Europa attraverso il tempo e l’incontro culturale tra i due mondi.

La mostra Impressioni d’Oriente. Arte e collezionismo tra Europa e Giappone, illustra attraverso una selezione ampia e diversificata di opere provenienti dall’Italia e dall’estero, lo sviluppo di quel gusto orientato verso il Giappone che pervase la cultura artistica occidentale tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo, in particolar modo in Francia e in Italia.

In mostra oltre 170 opere tra dipinti, stampe, oggetti d’arredo, sculture e oggetti di arte applicata, provenienti da importanti musei italiani e europei e da collezionisti privati.

La mostra ripercorre la profonda fascinazione che il Giappone ha esercitato sulla cultura occidentale e approfondisce le dinamiche dei complessi scambi artistici che si susseguirono tra il 1860 e il 1900.

L’analisi storico-artistica riserva una particolare attenzione al contesto di relazioni commerciali, avventure imprenditoriali e in generale grande curiosità che hanno caratterizzato un’epoca intera. Nel variegato contesto del gusto internazionale per il Giappone e della sua influenza sulle arti, la mostra si focalizza sui maggiori artisti italiani ed europei che hanno subito l’incanto del ’Giapponismo’: da De Nittis a Rodin, da Chini a Induno, da Van Gogh a Gauguin e Fantin-Latour, da Toulouse-Lautrec a Monet, esponendone alcuni dei capolavori assoluti dell’epoca.

In particolare la mostra prende in esame il Giapponismo italiano. Nel più ampio contesto del gusto internazionale per il Giappone e della sua influenza sulle arti, come tendenza concentrata soprattutto a Parigi, la mostra si focalizzerà sui maggiori tra gli artisti italiani che caddero nell’incanto del Giapponismo, come Giuseppe De Nittis, Galileo Chini, artista profondamente affascinato dall’Oriente, Vincenzo Gemito, Federico Zandomeneghi e Giovanni Segantini, attivo interprete di immagini che facevano uso di questi stimoli.

Per tutte le informazioni potete visitare il sito ufficiale del Mudec.

Informazioni sulla mostra

CittàMilano
SedeMudec Photo
DateDal 01/10/2019 al 02/02/2020
TemiArte orientale

Gli scambi tra Giappone ed Europa nel XIX secolo in mostra al MuDEC di Milano
Gli scambi tra Giappone ed Europa nel XIX secolo in mostra al MuDEC di Milano


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Da Letizia Battaglia a Francesca Woodman, donne protagoniste della fotografia degli anni '50, '60 e '70 in mostra a Ferrara
Da Letizia Battaglia a Francesca Woodman, donne protagoniste della fotografia degli anni '50, '60 e '70 in mostra a Ferrara
A Bolzano la personale di Peter Wächtler gioca sugli opposti
A Bolzano la personale di Peter Wächtler gioca sugli opposti
Arriva anche la prima mostra italiana sui selfie. Si tiene a Gallipoli
Arriva anche la prima mostra italiana sui selfie. Si tiene a Gallipoli
Roma, la Fondazione Giuliani riapre con la personale della giovane artista tedesca Esther Kläs
Roma, la Fondazione Giuliani riapre con la personale della giovane artista tedesca Esther Kläs
Una figura femminile sensuale e spontanea, da non giudicare: le foto di Lady Tarin in mostra a Milano
Una figura femminile sensuale e spontanea, da non giudicare: le foto di Lady Tarin in mostra a Milano
Planet or Plastic? In Santa Maria della Vita a Bologna una mostra sull'inquinamento da plastica
Planet or Plastic? In Santa Maria della Vita a Bologna una mostra sull'inquinamento da plastica