Palazzo Vecchio omaggia la luna con opere di Fontana, Melotti, Mattiacci e Turcato


Il Museo di Palazzo Vecchio omaggia con una mostra la luna attraverso opere di Fontana, Melotti, Mattiacci e Turcato.

La Sala dei Gigli di Palazzo Vecchio a Firenze accoglie dal 29 novembre 2019 al 15 gennaio 2020 la mostra Novecento lunare. Lucio Fontana, Eliseo Mattiacci, Fausto Melotti, Giulio Turcato, che rientra nel cinquantenario del primo uomo sulla luna, evento avvenuto il 20 luglio 1969. 

Curata da Sergio Risalita, la rassegna è un progetto di Museo Novecento e intende essere un poetico omaggio alla luna; l’iniziativa fa parte del programma di F-LIGHT 2019, il festival delle luci del Comune di Firenze che per un mese ridisegnerà il volto notturno della città.

Numerose opere d’arte realizzate dopo la seconda guerra mondiale richiamano, in un linguaggio astratto e informale, la superficie lunare e l’assenza di gravità

Novecento lunare intende evocare attraverso una selezione di opere di artisti italiani la conquista dello spazio e l’allunaggio: opere che s’ispirano alla luna e alla sua orbita. Tra queste, il Concetto spaziale di Lucio Fontana del 1961, La cometa di Fausto Melotti realizzata nel 1978, Riflesso del cielo di Eliseo Mattiacci del 1989 e Superficie lunare compiuta da Giulio Turcato nel 1971.

Orari: Tutti i giorni dalle 9 alle 19; giovedì dalle 9 alle 14. 

Il biglietto è incluso nell’ingresso a Palazzo Vecchio.

Palazzo Vecchio omaggia la luna con opere di Fontana, Melotti, Mattiacci e Turcato
Palazzo Vecchio omaggia la luna con opere di Fontana, Melotti, Mattiacci e Turcato


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER