Dal muro alla tela. La street art di Ozmo in mostra a Pisa


Dal 21 dicembre 2018 al 3 febbraio 2019, Pisa ospita la personale dello street artist Ozmo, ’Every walls in town tells a story’.

Fino al 3 febbraio 2019 è in corso la mostra Ozmo, Every walls in town tells a story presso il Fortilizio e Torre Guelfa di Pisa.
Realizzata dall’associazione Start - Open your eyes, con il contributo del Comune di Pisa e della Fondazione Pisa e la collaborazione dell’Università di Pisa, della Fondazione Palazzo Blu e del Consiglio Regionale della Toscana, la rassegna è tutta dedicata a Ozmo, pseudonimo di Gionata Gesi (Pontedera, 1975), uno dei più noti street artist d’Italia.

Partendo dal piano terra, dove è stata istallata l’opera dedicata alla “Giustizia”, l’esposizione prosegue nei piani superiori dove sono esposte in totale 50 opere di Ozmo. Attraverso due monitor che si trovano a metà percosro, si possono vedere interviste dell’artista e video ripresi durante le fasi di esecuzione dei murales. Pannelli fotografici riproducenti le pitture murali dell’artista e che si trovano all’interno della Torre adiacente al Fortilizio completano la mostra.

Il curatore Gian Guido Maria Grassi racconta: "Pisa dal fatidico 1989, quando Keith Haring dipinse Tuttomondo donandolo alla città, è stata all’avanguardia diventando uno dei principali epicentri europei dell’arte urbana e sapendo coniugare i linguaggi contemporanei con la propria gloriosa tradizione. L’associazione Start Open you eyes continua a dare il proprio contributo a questa storia con i murales di Porta a Mare; con questa mostra fornisce una nuova importante occasione per studiare, divulgare e storicizzare il lavoro di uno dei padri della Street art italiana, tra i più conosciuti artisti italiani nel panorama internazionale, Ozmo. L’artista pisano, precursore di un movimento culturale prima ancora che artistico, mostra con oltre 50 quadri in tela e pvc di recupero come la Street art sia ormai definitivamente entrata anche nelle collezioni e nei contesti museali prestigiosi".

Roberto Pasqualetti, responsabile dell’allestimento, descrive l’esposizione come “una mostra straordinaria di street art, trasferita ed allestita in uno spazio chiuso: la fortezza della Cittadella di Pisa.  È uno spazio ’verticale’, le cui caratteristiche architettoniche, dalle pareti di grande altezza, ben si prestano ad accogliere i murales e i graffiti”.

Orari: dal martedì alla domenica dalle 11 alle 19. Ingresso libero.

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraOzmo, Every walls in town tells a story
CittàPisa
SedeFortilizio e Torre Guelfa
DateDal 21/12/2018 al 03/02/2019
ArtistiOzmo
TemiStreet art

Dal muro alla tela. La street art di Ozmo in mostra a Pisa
Dal muro alla tela. La street art di Ozmo in mostra a Pisa


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Oltre 400 reperti per la prima grande mostra interamente dedicata alla storia di Cartagine
Oltre 400 reperti per la prima grande mostra interamente dedicata alla storia di Cartagine
Il Montefeltro e l'Oriente Islamico tra il 1430 e il 1550, la mostra a Urbino
Il Montefeltro e l'Oriente Islamico tra il 1430 e il 1550, la mostra a Urbino
La maxi-mostra su Raffaello per il cinquecentenario: 200 opere alle Scuderie del Quirinale, Roma
La maxi-mostra su Raffaello per il cinquecentenario: 200 opere alle Scuderie del Quirinale, Roma
Oliviero Toscani protagonista al MAR di Ravenna con... 50 anni di fallimenti
Oliviero Toscani protagonista al MAR di Ravenna con... 50 anni di fallimenti
Federico Fellini nell'obiettivo (confidenziale) di Vittoriano Rastelli alla Casa del Cinema
Federico Fellini nell'obiettivo (confidenziale) di Vittoriano Rastelli alla Casa del Cinema
Steve McCurry, a Forlì la prima mondiale della grande mostra sul cibo, con 80 fotografie in gran parte inedite
Steve McCurry, a Forlì la prima mondiale della grande mostra sul cibo, con 80 fotografie in gran parte inedite