A Genova le opere di Atchugarry che conquistano la luce


Palazzo Ducale di Genova accoglie dal 6 luglio al 25 agosto 2019 le opere scultoree di Pablo Atchugarry.

Nella Sala del Maggior Consiglio del Palazzo Ducale di Genova sarà allestita dal 6 luglio al 25 agosto 2019 la mostra Alla conquista della luce di Pablo Atchugarry (Montevideo, 1954).

Venticinque opere che testimoniano la grande capacità dell’artista di creare con il marmo attraverso un gesto di seduzione tattile; vuoti e pieni della superficie marmorea, candida del marmo di Carrara o grigia del bardiglio, attraverso i quali si diffonde la luce.

Oltre ai marmi, saranno esposti circa quindici bronzi caratterizzati da un variabile monocromatismo

I visitatori saranno accolti nell’atrio a piano terra di Palazzo Ducale dall’imponente opera La danza della vita: un albero di ulivo disseccato, scavato e lavorato con appositi strumenti, che è divenuto opera d’arte. Da qui avrà inizio l’intero percorso contemplativo: le opere saranno poste in dialogo con gli spazi dell’interno, rimodellato nel Settecento in stile neoclassico. 

La creatività dell’artista passa attraverso una classicità che rimanda all’antica cultura greco-romana e a successive fasi barocche che producono nello spazio linee e forme.

La mostra è organizzata in collaborazione con la Civiero Art Gallery.

Per info: www.palazzoducale.genova.it

Orari; Da martedì a domenica dalle ore 10 alle 19.30. Chiuso il lunedì.

Immagine: Scultura in marmo rosa del Portogallo, 112 x 47 x 26 cm

A Genova le opere di Atchugarry che conquistano la luce
A Genova le opere di Atchugarry che conquistano la luce


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER