Al Poldi Pezzoli torna l'arte contemporanea con i trittici di Nicolas Party


Dal 16 aprile al 27 giugno 2022 il Museo Poldi Pezzoli di Milano presenta la mostra Nicolas Party: Triptych. Torna quindi nella sede museale l’arte contemporanea. 

Apre il 16 aprile 2022 al Museo Poldi Pezzoli di Milano la mostra Nicolas Party: Triptych, visitabile al pubblico fino al 27 giugno 2022 e in collaborazione con la Galleria kaufmann repetto. Torna quindi nella sede museale milanese l’arte contemporanea.

Si tratta della prima mostra di Nicolas Party (Losanna, 1980) in un museo italiano, e per l’occasione l’artista ha realizzato un corpus di nuove opere che si pone in stretto dialogo con i capolavori della collezione del Poldi Pezzoli.

Fil rouge del suo nuovo progetto è il trittico, ispirato dall’omonima opera di Mariotto Albertinelli conservata nella collezione museale. Attratto dalla qualità teatrale dei pannelli che compongono l’opera, i cui sportelli svelano o nascondono le immagini dipinte nei pannelli interni, l’artista crea un accostamento insolito paragonando il diffuso formato classico dei pezzi d’altare medievali e del Rinascimento alla Boîte-en-Valise di Marcel Duchamp (leggendario oggetto di avanguardia creato dall’artista francese negli anni Quaranta per contenere riproduzioni miniaturizzate delle proprie opere).

Cinque trittici autoportanti, riccamente decorati con motivi faux marbre, sono installati su plinti al centro del Salone Dorato. Ogni trittico, dipinto su entrambi i lati, ha un pannello centrale in rame che raffigura un ritratto affiancato da due sportelli con nature morte e paesaggi; questi ultimi tornano anche come tematica dominante sui pannelli esterni, dove sono eseguiti nelle tonalità grigie della grisaille.

Nella Stanza del Collezionista, il trittico ritorna sottoforma di un’imponente scenografia teatrale decorata in bianco e nero con austeri motivi faux marbre. Imitando la tripartizione dell’oggetto originale, ma ingrandendolo per una lunghezza di quattro metri, Party ha concepito questo dispositivo per l’esposizione di nuovi ritratti ovali e nature morte, realizzati con la tecnica del pastello morbido. Riecheggiando la composizione dei suoi trittici più piccoli, i due pannelli centrali di questa struttura presentano ognuno un ritratto con cui l’artista fa un chiaro tributo a due degli altri dipinti rinascimentali presenti nella collezione del museo, ovvero il San Paolo e il San Girolamo di Bartolomeo Montagna.

La mostra è accompagnata da una brochure illustrata con contributi di Nicolas Party e Arturo Galansino.

Foto di Andrea Rossetti.

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraNicolas Party: Triptych
CittàMilano
SedeMuseo Poldi Pezzoli
DateDal 16/04/2022 al 27/06/2022
ArtistiNicolas Party
TemiMilano, Arte contemporanea

Al Poldi Pezzoli torna l'arte contemporanea con i trittici di Nicolas Party
Al Poldi Pezzoli torna l'arte contemporanea con i trittici di Nicolas Party


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


A Cortona la prima mostra dedicata alle luci degli Etruschi
A Cortona la prima mostra dedicata alle luci degli Etruschi
La fotografia incontra la ceramica: in mostra a Sassuolo corpus inedito di Luigi Ghirri
La fotografia incontra la ceramica: in mostra a Sassuolo corpus inedito di Luigi Ghirri
A Sarzana una mostra dedicata a “Un paese” di Zavattini e Strand, e ai successori
A Sarzana una mostra dedicata a “Un paese” di Zavattini e Strand, e ai successori
Baldassarre Castiglione e Raffaello. Palazzo Ducale di Urbino celebra l'autore del Cortegiano e il grande artista
Baldassarre Castiglione e Raffaello. Palazzo Ducale di Urbino celebra l'autore del Cortegiano e il grande artista
Tutti i colori degli etruschi. A Roma tesori di terracotta in mostra alla Centrale Montemartini
Tutti i colori degli etruschi. A Roma tesori di terracotta in mostra alla Centrale Montemartini
Le opere di Vincenzo Vela diventano immagini 3D con le fotografie di Antonello & Montesi
Le opere di Vincenzo Vela diventano immagini 3D con le fotografie di Antonello & Montesi