Il Presepe del Re in mostra a Palazzo Reale di Genova dopo un lungo restauro


Palazzo Reale di Genova presenta, dopo un lungo e delicato restauro, l’intero Presepe del Re con oltre ottanta figure.  

Dal 29 novembre 2019 al 2 febbraio 2020 Palazzo Reale di Genova proporrà la mostra Il presepe del re, in occasione della quale, a seguito della conclusione del lungo e delicato restauro, verrà esposto l’intero complesso del monumentale Presepe Reale o Presepe Savoia, costituito da oltre ottanta figure.

Commissionato da Casa Savoia all’artista genovese Giovanni Battista Garaventa nel primo quarto del XIX secolo, il presepe testimonia la padronanza dell’autore di un linguaggio colto e raffinato nel solco della migliore tradizione maraglianesca.
Gli studiosi hanno ipotizzato una probabile committenza sabauda risalente agli anni che seguirono l’annessione dei territori liguri al Regno di Sardegna nel 1814 e comunque entro il primo quarto del XIX secolo.

Appartenuto almeno alla fine dell’Ottocento alla chiesa torinese di San Filippo Neri, non è chiaro se fosse stato concepito per quella sede o per una dimora reale, dato che si dispone ancora di pochi dati relativi all’origine del Presepe Garaventa

Questo si compone di figure alte tra i 40 e i 70 centimetri, perlopiù manichini in legno intagliato e costumi di straordinaria qualità e ricchezza. La Sacra Famiglia costituisce il nucleo centrale, insieme agli angeli, ai tre Magi, agli armigeri e ai soldati. Ogni statuina è impreziosita da eleganti ed elaborati costumi in seta, cotone, velluto, tela jeans. Gli abiti sono inoltre caratterizzati da passamanerie in argento e filo d’oro, corpetti e armature in cuoio e metallo argentato. Inoltre accessori sofisticati, quali corone e sciabole, lance e scudi in metallo sbalzato, catene e cinture in cuoio, indicano una committenza di altissimo rango e con cospicue disponibilità economiche. 

Venduto all’inizio del Novecento e passato di proprietà in proprietà, è il frutto di quella lunga tradizione presepiale e di plastica lignea di cui Anton Maria Maragliano è stato il massimo esponente.
Solo nel 1993 la paternità esecutiva fu ricondotta al Garaventa, artista di formazione accademica, attivo soprattutto come intagliatore di casse processionali e immagini sacre, come restauratore di antiche sculture e modellatore di apparati decorativi ed effimeri. 

L’esposizione del Presepe del Re nell’Anticamera del Duca di Genova, appositamente riaperta al pubblico insieme a tutto l’Appartamento, riaccende i riflettori, dopo la mostra dello scorso anno dedicata ad Anton Maria Maragliano, su un capitolo ancora poco noto della produzione di scultura lignea post-maraglianesca, offrendo al pubblico un’opera della grande tradizione presepiale genovese.

Orari: da martedì a venerdì dalle 9 alle 18.30; sabato e domenica dalle 13.30 alle 19.

 

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraIl Presepe del re
CittàGenova
SedePalazzo Reale
DateDal 29/11/2019 al 02/02/2020
ArtistiGiovanni Battista Garaventa
TemiOttocento

Il Presepe del Re in mostra a Palazzo Reale di Genova dopo un lungo restauro
Il Presepe del Re in mostra a Palazzo Reale di Genova dopo un lungo restauro


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


100 donne contro gli stereotipi: a Milano le foto di Gerald Bruneau raccontano la scienza al femminile
100 donne contro gli stereotipi: a Milano le foto di Gerald Bruneau raccontano la scienza al femminile
Il suono del colore. Pittura e musica in dialogo a Palazzo Te di Mantova
Il suono del colore. Pittura e musica in dialogo a Palazzo Te di Mantova
Milano, Palazzo Reale dedica un mostra a Emilio Vedova per i cento anni dalla sua nascita
Milano, Palazzo Reale dedica un mostra a Emilio Vedova per i cento anni dalla sua nascita
Archivio Bellosguardo: all'Istituto Centrale del Catalogo di Roma una mostra sottolinea l'identità del territorio
Archivio Bellosguardo: all'Istituto Centrale del Catalogo di Roma una mostra sottolinea l'identità del territorio
Vino&Mosaici: il loro legame raccontato dagli allievi della Scuola Mosaicisti del Friuli
Vino&Mosaici: il loro legame raccontato dagli allievi della Scuola Mosaicisti del Friuli
Lavoro femminile e industria: una mostra fotografica a Bologna
Lavoro femminile e industria: una mostra fotografica a Bologna