Alla Reggia di Caserta in mostra il capolavoro ritrovato di Giuseppe Sammartino


Dal 27 maggio all’11 settembre il pubblico potrà vedere alla Reggia di Caserta il “Piccolo Principe”, il capolavoro ritrovato di Giuseppe Sammartino: il ritratto del Real Infante Carlo Tito di Borbone-Napoli.

Il “piccolo principe” della Reggia di Caserta si svela finalmente al pubblico. Era l’inizio del 2021 quando, nei depositi della residenza borbonica, veniva scoperto uno splendido ritratto marmoreo di Giuseppe Sammartino (Napoli, 1720 - 1793), il celebre autore del Cristo velato nella Cappella Sansevero. Si trattava del ritratto del “Real Infante”, ovvero Carlo Tito di Borbone-Napoli, figlio primogenito di Ferdinando IV di Borbone e di sua moglie Maria Carolina d’Austria: l’opera era nota dalle fonti, ma si riteneva perduta. Adesso, dal 27 maggio all’11 settembre, il pubblico potrà ammirare il capolavoro nell’ambito della mostra Il piccolo Principe. Giuseppe Sammartino alla Reggia di Caserta, rassegna con il contributo degli Amici della Reggia e allestita nella Cappella Palatina del Palazzo Reale.

La mostra prende le mosse proprio dal rinvenimento, nei depositi del Complesso vanvitelliano nei primi mesi del 2021 (anche se l’annuncio veniva dato in autunno), del ritratto in marmo del neonato a grandezza naturale. L’opera, sulla quale sono state condotte rigorose ricerche, fu realizzata su impulso della regina Maria Carolina che, come voto di grazia per aver dato alla luce nel 1775 il maschio che avrebbe assicurato la continuità dinastica dei Borbone sul trono di Napoli, commissionò un ritratto a grandezza naturale del neonato principe Carlo Tito al primo scultore del Regno, Giuseppe Sammartino. Il ritratto fu poi tradotto in argento per essere dedicato a san Francesco di Paola, santo al quale la regina era particolarmente devota. Perduto l’ex voto in argento, gli studi su Sammartino, pur registrandone l’esistenza, hanno considerato perso anche l’originale ritratto. Oltre che dal raffronto stilistico con altre opere dell’artista, come gli angeli reggicortina del monumento funebre a Filippo di Borbone in Santa Chiara o quelli che compaiono accanto al cardinale Agostino Sersale nel suo monumento dedicatorio nel Duomo di Napoli, realizzati in quegli anni, l’attribuzione della scultura a Sammartino trova conferma negli inventari postunitari della Reggia di Caserta. Questi, accanto alla descrizione come Putto dormiente, riportano proprio il nome del maggiore scultore napoletano della seconda metà del Settecento.

Il Real Infante di Giuseppe Sammartino. Foto Pedicini
Il Real Infante di Giuseppe Sammartino. Foto Pedicini

L’oggetto risulta presente nelle collezioni della Reggia di Caserta almeno dal 1879. Gli studi iconografici hanno indotto a escludere che possa trattarsi di un putto o del Bambino Gesù e che debba più correttamente identificarsi con un bambino dormiente, ispirato all’allegoria classica del Sonno dell’Innocenza. Sottoposto a un accurato restauro nei laboratori del museo, il Ritratto del Real Infante Carlo Tito di Borbone di Giuseppe Sammartino è la riscoperta attorno alla quale la mostra raccoglie opere di varia natura, legate ai giorni che videro la nascita dell’erede al trono del Regno di Napoli. L’esposizione diventa, così, occasione per comprendere l’importanza dello storico evento, per analizzare i rapporti dell’artista con la casa reale borbonica, per studiare altre opere finora ignorate e a lui riconducibili e per analizzare i suoi ritratti, genere al quale Sammartino pur lavorò, di cui restano diverse tracce in opere di alto pregio come il Ritratto di Livia Doria Carafa, principessa di Roccella, di collezione privata.

Il progetto espositivo, a cura di Valeria Di Fratta e Tiziana Maffei, è stato definito con il contributo scientifico di Rosanna Cioffi, Riccardo Lattuada, Pierluigi Leone de Castris e Anna Maria Rao. Saranno esposti 26 oggetti d’arte provenienti da musei italiani e collezioni private, tra cui opere di prestigiosi artisti del Settecento come Liani, Celebrano, Diano, Fischetti e Batoni, del quale sarà esibita l’Allegoria della morte dei due figli di Ferdinando IV e Maria Carolina, realizzata nel 1780 per commemorare la morte della Principessa Marianna e dello stesso Principe Ereditario Carlo Tito, morto nel 1778.

Una sezione digitale mostrerà opere conservate presso musei esteri, come il Ritratto di Ferdinando IV e la sua famiglia di Franz Linder del Kunsthistorishes Museum di Vienna (ora allo Schloss Hof) o il Ritratto della Regina Maria Carolina con l’Infanta Maria Teresa di Giuseppe Bonito, del Museo Cerralbo di Madrid. In un ambiente multimediale appositamente allestito sarà possibile osservare in dettaglio particolari ingranditi del Ritratto del Real Infante a confronto con altre opere dello scultore napoletano. Saranno, inoltre, raccontate le tecniche di analisi preventiva eseguite sulla statua dai Dipartimenti di Scienze della Terra, dell’Ambiente e delle Risorse, di Scienze Chimiche e Biologia dell’Università Federico II di Napoli, e la metodologia applicata nell’intervento di restauro conservativo effettuato nei laboratori della Reggia di Caserta. L’esposizione accoglierà anche la riproduzione a stampa 3D del manufatto, realizzata dal CeSMA - “Centro Servizi Metrologici e Tecnologici Avanzati” dell’Università Federico II di Napoli con il contributo di Facto 3D.

Il catalogo della mostra, edito da Colonnese e riccamente illustrato, ospiterà, tra gli altri, contributi di Giangiotto Borrelli, Rosanna Cioffi, Almerinda Di Benedetto, Carlo Knight, Riccardo Lattuada, Anna Maria Rao, Charles Beddington, Lucio Tufano.

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraIl piccolo Principe. Giuseppe Sammartino alla Reggia di Caserta
CittàCaserta
SedeReggia di Caserta
DateDal 27/05/2022 al 11/09/2022
ArtistiGiuseppe Sammartino
CuratoriTiziana Maffei, Valeria Di Fratta
TemiSettecento, Arte antica

Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Al Macro di Roma, Elisa Franzoi lancia un manifesto contro la mercificazione del corpo: “Nothing to sell”
Al Macro di Roma, Elisa Franzoi lancia un manifesto contro la mercificazione del corpo: “Nothing to sell”
Bologna, al Museo Davia Bargellini la prima personale di Davide D'Elia
Bologna, al Museo Davia Bargellini la prima personale di Davide D'Elia
Arte contemporanea a Villa Borghese, dagli igloo di Merz alla scultura abitabile di Tresoldi
Arte contemporanea a Villa Borghese, dagli igloo di Merz alla scultura abitabile di Tresoldi
Roma, parte la grande mostra sui marmi Torlonia (pensando già alla sede definitiva). Le foto
Roma, parte la grande mostra sui marmi Torlonia (pensando già alla sede definitiva). Le foto
Guerrieri e colti mecenati: ad Anghiari la mostra sugli uomini d'arme del Rinascimento
Guerrieri e colti mecenati: ad Anghiari la mostra sugli uomini d'arme del Rinascimento
Nel 2022 Anish Kapoor sarà protagonista di una grande retrospettiva alle Gallerie dell'Accademia di Venezia
Nel 2022 Anish Kapoor sarà protagonista di una grande retrospettiva alle Gallerie dell'Accademia di Venezia