Una mostra in tre sedi racconta il Rinascimento a Biella


Dal 19 aprile al 18 agosto 2019, Biella ospita la mostra ’Il Rinascimento a Biella. Sebastiano Ferrero e i suoi figli. 1519 - 2019’

Dal 19 aprile al 18 agosto 2019, la città di Biella ospita un’importante mostra sul Rinascimento nel territorio: s’intitola Il Rinascimento a Biella. Sebastiano Ferrero e i suoi figli. 1519 - 2019, è curata da Mauro Natale e si sviluppa sulle tre sedi di Palazzo Ferrero, Palazzo La Marmora e del Museo del Territorio Biellese, i primi due a Biella Piazzo, la parte più antica della città, e il secondo a Biella Piano. La rassegna vuole illustrare la ricchezza culturale e figurativa della città di Biella e del suo territorio in un percorso che si snoda dal Quattrocento al Cinquecento. Focus della rassegna sono le opere dei quali furono committenti Sebastiano Ferrero (Biella, 1438 - Gaglianico, 1519), i suoi fratelli, i suoi figli e i suoi nipoti: queste opere sono state riunite per la prima volta dopo diversi secoli e sono visibili nel chiostro di San Sebastiano (al Museo del Territorio Biellese). Disperse col passare del tempo, le opere sono oggi collocate in diverse collezioni pubbliche e private, sia italiane, sia straniere. Ferrero fu un ricco e potente diplomatico biellese, prima al servizio dei Savoia, e poi a Milano dei francesi dopo la conquista da parte loro del Ducato.

La vita di Sebastiano Ferrero, fondatore delle fortune della famiglia e protagonista di una straordinaria carriera politica in ambito italiano ed europeo, è ricostruita a Palazzo La Marmora con documenti originali, audiovisivi e pannelli, mentre a Palazzo Ferrero una serie di strumenti multimediali illustrerà i temi che legano Sebastiano Ferrero ad alcuni luoghi del biellese che furono suoi feudi, ovvero Gaglianico, Candelo, Benna e Masserano. “Sebastiano Ferrero”, si legge nella presentazione della mostra, “svolse un ruolo di protagonista nella politica tra gli stati italiani ed europei e allo stesso tempo non cessò mai di contribuire allo sviluppo del proprio territorio. Seguirne le vicende consente una narrazione che va da una dimensione europea a una locale, perché lui stesso attivò un flusso tra queste due dimensioni, inserendo Biella tra i luoghi toccati dalla innovazione del Rinascimento. Sebastiano fu uomo di pace, di alleanze e di accordi, teso a garantire condizioni stabili per le attività economiche in un’epoca di grandi conflitti; la sua si potrebbe chiamare una business story di successo, perché divenne così ricco da prestare somme ingenti al re di Francia. Biella è una città divisa tra una parte bassa e una parte alta: Sebastiano Ferrero con la costruzione della Basilica bramantesca di San Sebastiano, rivolta verso i due palazzi di famiglia al Piazzo, attivò una relazione paesaggistica nella struttura urbana della città, lasciando un segno leggibile ancora oggi nella torre ottagonale e nella forma dei giardini a rampe e ninfeo, che si aprono verso la città”.

Obiettivo dichiarato della mostra è far conoscere il ruolo di Biella e dei suoi protagonisti nei cinquant’anni tra il 1470 ed il 1520. Sarà così possibile scoprire in quali modi i Ferrero e gli altri aristocratici dell’epoca hanno contribuito a formare l’arte, l’architettura, il tessuto urbano e l’identità della città e di come le influenze lombarde e francesi ne hanno caratterizzato la cultura. Durante il periodo della mostra saranno attivi laboratori didattici per le scuole e visite guidate e le tre sedi ospiteranno un ricco calendario di eventi collaterali.

La mostra apre al Museo del Territorio Biellese il mercoledì e il sabato dalle 15 alle 18:30, il giovedì, il venerdì e la domenica dalle 10 alle 12:30 e dalle 15 alle 18:30. Nelle altre due sedi, apertura il venerdì dalle 15 alle 19 e il sabato e la domenica dalle 10 alle 19. Il biglietto (unico per tutte le tre sedi espositive) costa 10 euro l’intero e 8 euro il ridotto. Per informazioni è possibile visitare il sito della mostra.

Nell’immagine: Bernardino de’ Conti, La Vergine delle Rocce (1508-1510; Biella, Museo del Territorio)

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraIl Rinascimento a Biella. Sebastiano Ferrero e i suoi figli. 1519 - 2019
CittàBiella
Sedesedi varie
DateDal 19/04/2019 al 18/08/2019
CuratoriMauro Natale
TemiRinascimento

Una mostra in tre sedi racconta il Rinascimento a Biella
Una mostra in tre sedi racconta il Rinascimento a Biella


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Torino: un nuovo allestimento alla Galleria Sabauda
Torino: un nuovo allestimento alla Galleria Sabauda
La GAM di Torino dedica una mostra alla fotografia informale italiana
La GAM di Torino dedica una mostra alla fotografia informale italiana
Steve McCurry, a Forlì la prima mondiale della grande mostra sul cibo, con 80 fotografie in gran parte inedite
Steve McCurry, a Forlì la prima mondiale della grande mostra sul cibo, con 80 fotografie in gran parte inedite
L'Archivio animato. La Fondazione Cirulli racconta il Novecento
L'Archivio animato. La Fondazione Cirulli racconta il Novecento
Da Lucio Fontana ad Arnaldo Pomodoro, al Museo MAGI '900 ecco “Non solo Pop!”
Da Lucio Fontana ad Arnaldo Pomodoro, al Museo MAGI '900 ecco “Non solo Pop!”
Markku Piri, un artista del vetro al MUVE di Murano
Markku Piri, un artista del vetro al MUVE di Murano