Roma, riapre la mostra sulle opere restaurate dal sisma del 2016. Con proroga fino al 26 luglio


La mostra Rinascimento Marchigiano. Opere d’arte restaurate dai luoghi del sisma riapre i battenti al Complesso Monumentale di San Salvatore in Lauro di Roma il 18 maggio e verrà prorogato fino al 26 luglio. La mostra itinerante è approdato al Complesso lo scorso febbraio e ha dovuto chiudere a marzo a causa dell’emergenza Covid-19.

Curata da Stefano Papetti e Pierluigi Moriconi (qui una nostra lunga intervista ai due curatori), la rassegna espone 51 opere marchigiane restaurate di proprietà di diciassette differenti Enti pubblici ed ecclesiastici delle province di Ascoli Piceno, Fermo e Macerata, tra cui le Scene della vita di santa Lucia, la Madonna orante, il Bambino e angeli musicanti e la Natività con i santi Girolamo, Francesco, Antonio da Padova e Giacomo della Marca, per citarne alcuni.

La prima tappa della mostra itinerante è stata Ascoli Piceno, mentre la terza ed ultima sarà Senigallia.

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraRinascimento Marchigiano. Opere d’arte restaurate dai luoghi del sisma
CittàRoma
SedeComplesso Monumentale di San Salvatore in Lauro
DateDal 18/05/2020 al 26/07/2020
CuratoriStefano Papetti, Pierluigi Moriconi
TemiQuattrocento

Roma, riapre la mostra sulle opere restaurate dal sisma del 2016. Con proroga fino al 26 luglio
Roma, riapre la mostra sulle opere restaurate dal sisma del 2016. Con proroga fino al 26 luglio


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER