La Galleria Borghese dedica una monografica a Luigi Valadier, ebanista e orafo della Roma del Settecento


La monografica autunnale della Galleria Borghese sarà dedicata a Luigi Valadier. Dal 30 pttobre 2019 al 2 febbraio 2020. 

Apre il 30 ottobre 2019 presso la Galleria Borghese di Roma e resterà visitabile fino al 2 febbraio 2020 la mostra Valadier. Splendore nella Roma del Settecento

Curata da Anna Coliva, la grande mostra monografica autunnale della celebre sede museale sarò dedicata a Luigi Valadier, uno dei più significativi ebanisti e orafi di Roma della metà del Settecento. La sua bottega in via del Babuino era alla sua epoca uno dei luoghi più visitati da reali, diplomatici, collezionisti e antiquari e la sua produzione diventò modello internazionale per la grande versatilità dell’artista e la sua abilità tecnica.

La mostra intende presentare al pubblico le opere di Valadier all’interno di un contesto decorativo come quello di Villa Borghese, dove pittori e scultori hanno condiviso molte imprese artistiche romane. Si hanno testimonianze dei rapporti di questi ultimi con Luigi Valadier: uno di questi era l’intagliatore di marmi Lorenzo Cardelli che collaborò con l’artista per la realizzazione del camino della sala XVI e di manufatti destinati a committenti anglosassoni. 

Nonostante la famiglia Borghese sia stata molto legata all’attività di Valadier, il rilevante numero di committenti dell’artista rivelano il successo della sua carriera di orafo e argentiere.

In mostra saranno anche le grandi lampade d’argento per il santuario di Santiago di Compostela, il San Giovanni Battista del Battistero Lateranense, entrambi per la prima volta visibili fuori dalla loro collocazione originale; e ancora, le sculture della cattedrale di Monreale, le riproduzioni in bronzo di statue antiche per re Gustavo III di Svezia, Madame du Barry e il conte d’Orsay, il sostegno del cammeo di Augusto commissionato da papa Pio VI e la ricostruzione del tempio di Iside a Pompei per Maria Carolina d’Austria. 

Una sezione sarà dedicata ai disegni, strumento fondamentale pe comprendere il processo creativo di Valadier e l’attività della sua grande bottega; alcuni sono testimonianza di opere oggi disperse, come ad esempio il servizio in argento dorato realizzato per i Borghese. 

Inoltre per una maggiore comprensione saranno presenti totem multimediali dedicati ai Luoghi di Luigi Valadier a Roma: un invito ad approfondire la conoscenza dell’artista attraverso la visita di questi ultimi. 

Per info: http://galleriaborghese.beniculturali.it

Nell’immagine, Luigi Valadier, Erma di Bacco

 

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraValadier. Splendore nella Roma del Settecento
CittàRoma
SedeGalleria Borghese
DateDal 30/10/2019 al 02/02/2020
ArtistiLuigi Valadier
CuratoriAnna Coliva
TemiSettecento

La Galleria Borghese dedica una monografica a Luigi Valadier, ebanista e orafo della Roma del Settecento
La Galleria Borghese dedica una monografica a Luigi Valadier, ebanista e orafo della Roma del Settecento


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


In arrivo al Castello di Rivoli due capolavori di Warhol dalla Collezione Cerruti
In arrivo al Castello di Rivoli due capolavori di Warhol dalla Collezione Cerruti
Una mostra su Vivian Maier al Castello dei Vescovi di Luni. Ci sono foto mai esposte in Italia
Una mostra su Vivian Maier al Castello dei Vescovi di Luni. Ci sono foto mai esposte in Italia
Il cinema post futurista degli anni Trenta è in mostra alla Casa Depero di Rovereto
Il cinema post futurista degli anni Trenta è in mostra alla Casa Depero di Rovereto
Il MIC di Faenza espone per la prima volta ceramiche decorate ad aerografo negli anni Trenta
Il MIC di Faenza espone per la prima volta ceramiche decorate ad aerografo negli anni Trenta
A Taormina il festival che racconta la Sicilia e il Mediterraneo attraverso le mappe storiche
A Taormina il festival che racconta la Sicilia e il Mediterraneo attraverso le mappe storiche
Biennale di Venezia, l'arte politica di Djordje Ozbolt al Padiglione della Serbia
Biennale di Venezia, l'arte politica di Djordje Ozbolt al Padiglione della Serbia