L'ultimo ritratto femminile di Klimt esposto per la prima volta a Vienna dopo 100 anni


La Galerie Belvedere di Vienna ha aperto una mostra che riporta in Austria dopo 100 anni (ed espone al pubblico dopo quasi 30 anni) l'ultima opera di Gustav Klimt, la Dama col ventaglio.

È l’ultimo ritratto femminile che Gustav Klimt (Vienna, 1862 - 1918) eseguì nella sua carriera: si tratta della poco nota ma meravigliosa Dama col ventaglio, che viene esposta per la prima volta dopo ventinove anni (ma dopo più di cento anni per il pubblico austriaco), in una mostra che ripercorre le ultime fasi della carriera del pittore viennese. Intitolata Dame mit Fächer. Gustav Klimts letzte Werke (“Dama col ventaglio. Le ultime opere di Gustav Klimt”), la mostra, a cura di Markus Fellinger, apre alla Galerie Belvedere di Vienna (dove è conservato il celeberrimo Bacio) dal 25 marzo 2021 al 13 febbraio 2022. Un anno di tempo, dunque, per vedere questo raro capolavoro, dipinto tra il 1917 e il 1918, e attualmente conservato in una collezione privata.

Il dipinto è anche una delle due opere fotografate nello studio di Klimt immediatamente dopo la sua scomparsa nel 1918 (l’altro è un’opera incompiuta, La sposa). La possibilità di vedere la Dama col ventaglio è un’occasione importante per arricchire la conoscenza dell’opera di Klimt, e la Galerie Belvedere la presenta nel contesto di un’esposizione sull’ultimo Klimt. L’artista viennese cominciò a lavorare alla Dama col ventaglio nel 1917 e, fatta eccezione per alcuni dettagli lasciati incompiuti, terminò il dipinto l’anno successivo. La maggior parte dei suoi dipinti ritrae donne dell’alta società, ma in questo caso non sappiamo chi sia la modella, che si presenta come una donna bella e seducente, molto sicura di sé (probabilmente, secondo il curatore, era una ballerina). È un ritratto molto naturalistico, che ci presenta la giovane con la spalla scoperta, una veste orientale di seta, e un ventaglio che copre il seno nudo.

Gustav Klimt, Dama col ventaglio (1917-1918; olio su tela; Collezione privata). Foto di Markus Guschelbauer
Gustav Klimt, Dama col ventaglio (1917-1918; olio su tela; Collezione privata). Foto di Markus Guschelbauer


Lo studio di Klimt nel 1918
Lo studio di Klimt nel 1918

La Dama col ventaglio è stata esposta una sola volta nella storia in Austria, al Kunstschau di Vienna nel 1920. Il pubblico austriaco dunque non la vede da più di cento anni, ma le esposizioni dell’ultima opera di Klimt si contano comunque sulle dita di una mano: oltre all’esposizione del 1920, se ne registra una a Tokyo nel 1981, e una terza, l’ultima, a Cracovia nel 1992. Un’opportunità dunque rara per il pubblico che avrà la possibilità di vedere la Dama col ventaglio assieme a un nucleo di opere dell’ultimo Klimt, tra cui La sposa, il ritratto di Amalie Zuckerkandl, Adamo ed eva, la Dama in bianco. Il museo ha già fatto sapere che a ottobre ci saranno novità: verrà aggiunto un capitolo che approfondirà gli interessi di Klimt nei confronti dell’arte dell’Estremo Oriente e analizzerà come quest’ultima abbia influito sulla sua produzione.

Alla mostra si accede con un biglietto intero di 16 euro, ridotto over 65 e under 26 da 13,50 euro, ridotto per possessori di Vienna City Card 14,50 euro, ridotto diversamente abili 3 euro, gratis per ragazzi e bambini sotto i 19 anni. Per informazioni e approfondimenti è possibile visitare il sito della Galerie Belvedere.

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraDame mit Fächer. Gustav Klimts letzte Werke
CittàVienna
SedeGalerie Belvedere di Vienna
DateDal 25/03/2021 al 13/02/2022
ArtistiGustav Klimt
CuratoriMarkus Fellinger
TemiVienna, Gustav Klimt, Galerie Belvedere di Vienna, Dama col ventaglio

Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma