A Venezia il FAI porta in mostra la Wunderkammer del collezionista Giuseppe Panza di Biumo


Dal 12 giugno al 27 ottobre 2019 al Negozio Olivetti di Venezia è in programma la mostra Wunderkammer Panza di Biumo. L’arte dei piccoli oggetti 1966-1992.

In occasione della 58° Biennale di Venezia, il FAI – Fondo Ambiente Italiano presenta la mostra Wunderkammer Panza di Biumo. L’arte dei piccoli oggetti 1966-1992, dal 12 giugno al 27 ottobre 2019 al Negozio Olivetti in Piazza San Marco a Venezia. L’esposizione, curata da Anna Bernardini e Pietro Caccia Dominioni, raccoglie nel negozio progettato da Carlo Scarpa per Adriano Olivetti nel 1958 una serie di curiosi piccoli oggetti: maquettes, strumenti, invenzioni meccaniche, rarità che il mecenate milanese Giuseppe Panza di Biumo (Milano, 1923 - 2010) collezionò o ricevette in dono dagli artisti a lui più cari. Gli oggetti selezionati, eseguiti in un arco di tempo che va dal 1966 al 1992, appartengono, per la maggior parte, ai principali esponenti del Minimalismo e dell’Arte concettuale: da Walter De Maria a Carl Andre, da Robert Morris a Richard Nonas, da Dan Flavin a Joseph Beuys, fino a Robert Barry, Ian Wilson, Jene Highstein, Piero Fogliati, Douglas Davis e Eric Orr. Alcuni artisti ricorrono nella Collezione Panza che il FAI cura, conserva e valorizza a Varese, nella Villa Panza di Biumo, che fu casa privata del collezionista e che oggi è un Bene del FAI, aperto al pubblico dal 2000.

Gli oltre 40 esemplari in mostra (opere, studi, progetti e modelli di installazioni e creazioni artistiche interpretabili come i “primi originali”, in quanto immediata traduzione dell’idea creativa dell’artista) rinnovano l’occasione per indagare gli interessi e le ricerche del collezionista Panza di Biumo, attratto dalle tendenze artistiche volte a porre al centro della pratica il concetto di idea: lo spazio inteso come vuoto attivo con Untitled (Chair) e Untitled (Maquette for Table) di Joel Shapiro o Untitled (8 Wedges) di Walter De Maria o Varese Cut-Off (House Pets) di Richard Nonas, la purezza della luce e della materia con Brass Square Piece di Carl Andre, il colore con la Print Series (Blue/Dark 17/25, Yellow/Purple 17/25, Green/Red 4/25) di Dan Flavin o la sperimentazione costante di nuove tecnologie come Anemofono di Fogliati e F.M. Carrier Wave di Robert Barry. L’opera per Panza rappresenta, infatti, l’espressione e la visualizzazione della facoltà più alta dell’uomo, il pensiero, e la geometria è il mezzo utilizzato da quest’arte che riflette la capacità della mente di ordinare la realtà. Sono poi infiniti i modi in cui l’ordine viene realizzato: linee curve, angoli, volumi che si possono usare in un numero illimitato di variazioni dove fantasia e creatività hanno libertà di manifestarsi.

Le opere esposte al Negozio Olivetti raccontano e rivelano l’attenzione che Giuseppe Panza riservò ad alcuni artisti che produssero oggetti di piccole dimensioni, un’autentica inversione di tendenza rispetto al suo noto interesse collezionistico degli anni Sessanta e Settanta. Quest’arte, da lui definita “l’arte dei piccoli oggetti”, esprime un atteggiamento centrato sull’intimità, il privato e l’individuale rispetto a ciò che era visibile e pubblico: “Quest’arte torna di attualità”, affermava Giuseppe Panza nel 2010, “specialmente in confronto alle grandi installazioni di discutibile qualità che sono di moda oggi e che sono completamente all’opposto di quelle degli anni ‘60”. L’osmosi con gli spazi, le perfette geometrie, la spasmodica attenzione al dettaglio, i gentili giochi di luce di marmo e vetro di Murano dell’architettura scarpiana accolgono in mostra i piccoli oggetti, allestiti sui supporti progettati per esporre le macchine da scrivere Olivetti, come discrete e preziose apparizioni in una “camera delle meraviglie”.

Il progetto di allestimento è a cura di Scandurra Studio Architettura, Milano.

Il catalogo della mostra sarà pubblicato da Skira.

Per tutte le informazioni potete oppure telefonare al numero +39 041 5228387 oppure mandare una mail a fainegoziolivetti@fondoambiente.it oppure visitare il sito ufficiale del FAI.

Nell’immagine: Dan Flavin, Print Series (1996). Ph credit: Alessandro Zambianchi

Fonte: comunicato

Informazioni sulla mostra

CittàVenezia
DateDal 12/06/2019 al 27/10/2019

A Venezia il FAI porta in mostra la Wunderkammer del collezionista Giuseppe Panza di Biumo
A Venezia il FAI porta in mostra la Wunderkammer del collezionista Giuseppe Panza di Biumo


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma