Young Italians: dopo 50 anni, una nuova indagine sull'arte italiana contemporanea


Young Italians: a New York una mostra cinquant’anni dopo la ’Young Italians’ originale, per indagare le tendenze della ricerca artistica italiana odierna.

Dal 25 settembre all’1 novembre 2018, a New York, ci sarà la mostra “Young Italians”, omaggio l’omonima mostra che si tenne nel 1968 all’Institute of Contemporary Art di Boston e al Jewish Museum di New York. Per celebrare il cinquantesimo anniversario della mostra dedicata alla giovane arte italiana di allora, l’Istituto Italiano di Cultura di New York vuole compiere un’indagine analoga per mezzo di 12 artisti italiani, un’indagine incentrata sulla ricerca artistica italiana di oggi, con lo scopo di sostenerla e permetterne la conoscenza negli Stati Uniti riflettere sulle sue peculiarità.

Gli artisti scelti sono: Davide Balliano, Danilo Correale, Irene Dionisio, Antonio Fiorentino, Silvia Giambrone, Antonio Domenico Mancini, Elena Mazzi, Luca Monterastelli, Ornaghi&Prestinari, Gian Maria Tosatti, Eugenia Vanni, Serena Vestrucci. Tutti loro hanno un’età al di sotto dei quaranta anni e sono nati, cresciuti e operanti in Italia oppure trasferitisi a New York. La mostra è curata da Ilaria Bernardi e organizzata con Magazzino Italian Art.

Nell’immagine, il banner dell’originale “Young Italians”

Young Italians: dopo 50 anni, una nuova indagine sull'arte italiana contemporanea
Young Italians: dopo 50 anni, una nuova indagine sull'arte italiana contemporanea


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER