Alberto Angela aveva ragione: al Mann c'è l'olio d'oliva più antico della storia


Confermata l’ipotesi di due anni fa: al Mann di Napoli è conservata una bottiglia con l’olio d’oliva più antico della storia. 

Durante un sopralluogo nei depositi del Museo Archeologico Nazionale di Napoli per la puntata di Stanotte a Pompei, Alberto Angela aveva scoperto nel 2018 una bottiglietta contenente l’olio d’oliva più antico della storia. Due anni fa il noto conduttore aveva dichiarato di essere stato attirato da un frammento di affresco raffigurante una bottiglia con olio e, proseguendo la visita facendo foto con il suo smartphone, si era soffermato su una bottiglia che si presentava “sorprendentemente uguale” a quella dell’affresco. Gli studiosi dell’Università di Napoli Federico II avevano affermato che forse si trattava del più antico olio d’oliva. 

Ora si ha la certezza e lo studio è stato pubblicato sulla rivista NPJ Science of Foods del gruppo Nature. Grazie alla collaborazione tra Dipartimento di Agraria dell’Università e il Mann è avviata un’indagine sui reperti organici conservati nei depositi. Gli studi sono stati condotti da un team multidisciplinare coordinato dal professor Raffaele Sacchi e hanno permesso di verificare per la prima volta l’autenticità e l’identità molecolare di un campione di olio d’oliva contenuto in una bottiglia sepolta dall’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. 

“Si tratta del più antico campione di olio di oliva a noi pervenuto in grosse quantità” ha confermato Sacchi. "L’identificazione della natura della bottiglia d’olio archeologico ci regala una prova inconfutabile dell’importanza che l’olio di oliva aveva nell’alimentazione quotidiana delle popolazioni del bacino Mediterraneo e in particolare degli antichi Romani nella Campania Felix". 

L’utilizzo di tecniche molecolari e la datazione al carbonio-14 hanno consentito di risalire al contenuto della bottiglia: una sostanza solida dalla consistenza cerosa ritrovata presumibilmente a Ercolano durante gli scavi archeologici avviati dal principe d’Elboeuf nel Settecento e proseguiti poi con Carlo di Borbone 

Alberto Angela aveva ragione: al Mann c'è l'olio d'oliva più antico della storia
Alberto Angela aveva ragione: al Mann c'è l'olio d'oliva più antico della storia


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Napoli, Volotea sponsorizza il MANN: finanzierà il nuovo accesso e un'area per bambini
Napoli, Volotea sponsorizza il MANN: finanzierà il nuovo accesso e un'area per bambini
Terapia e benessere al museo per bambini: sarà a Verona il primo polo sperimentale
Terapia e benessere al museo per bambini: sarà a Verona il primo polo sperimentale
Realizzare opere d'arte da alberi: la Reggia di Caserta lancia concorso green
Realizzare opere d'arte da alberi: la Reggia di Caserta lancia concorso green
Pompei, per la prima volta un robot ricompone migliaia di frammenti di affreschi
Pompei, per la prima volta un robot ricompone migliaia di frammenti di affreschi
Mahmood gira il nuovo video al Museo Egizio e balla a petto nudo nella Galleria dei Re
Mahmood gira il nuovo video al Museo Egizio e balla a petto nudo nella Galleria dei Re
Uffizi, riemergono affreschi del Seicento dai lavori che rivoluzioneranno l'ingresso
Uffizi, riemergono affreschi del Seicento dai lavori che rivoluzioneranno l'ingresso