Apre a Firenze il nuovo museo del treno con uno dei plastici ferroviari più grandi d'Europa


Apre al pubblico nell’ex cinema Ariston di Firenze il nuovo museo HZERO dedicato al mondo ferroviario. Fulcro del museo è un grande plastico ferroviario, tra i più estesi d’Europa, che il suo creatore ha realizzato in quarant’anni di dedizione. 

Domenica 29 maggio 2022 apre al pubblico a Firenze il nuovo museo HZERO, l’impresa ferroviera in miniatura, all’interno dell’ex cinema Ariston nei pressi della stazione di Firenze Santa Maria Novella. Un progetto museale che nasce come progetto in divenire e che, a cominciare dal suo nome, si riferisce a un termine tecnico utilizzato nel modellismo per definire l’ordine di scala ma che richiama allo stesso tempo anche una dimensione iper-tecnologica.

Fulcro del museo è un’opera artigianale di altissimo livello: il plastico ferroviario ideato da Giuseppe Paternò Castello di San Giuliano e realizzato nel corso di quarant’anni di appassionato lavoro. È un progetto infatti che unisce creatività e dedizione.

Il percorso di visita prende il via proprio dal plastico ferroviario, con luci, suoni e proiezioni ideate appositamente per enfatizzarne la resa scenica. Il sistema di proiezioni ideato dallo studio milanese Karmachina, in collaborazione con il curatore Alberto Salvadori, riprende i dettagli del modello e li reinterpreta in chiave illustrativa, attraverso le tecniche dell’illustrazione e della motion graphic. Un sistema di illuminazione ideato dal light designer Angelo Linzalata è stato studiato per dare l’impressione dello scorrere del tempo attraverso il susseguirsi di diversi eventi atmosferici, dal temporale alla nevicata, dall’alba al crepuscolo. L’ambientazione immersiva è completata e arricchita dal paesaggio sonoro realizzato dal centro di ricerca, produzione e didattica museale Tempo Reale. Gli oltre cinquanta altoparlanti del sistema di diffusione sono pensati per creare precise sequenze di sonorizzazione ambientale, in totale sintonia con i movimenti dei treni nel modello ferroviario e con le videoproiezioni di Karmachina.

A narrare la storia del plastico è Diego di San Giuliano, figlio di Giuseppe Paternò Castello di San Giuliano; quest’ultimo era un appassionato di automobili. La sua passione poi si spostò verso i treni elettrici, che iniziò a collezionare in maniera quasi ossessiva. L’inizio di questa avventura risale al 1972, quando, recatosi in un negozio di giocattoli con l’intenzione di comprare un modellino d’auto, fu attratto da un treno Märklin. Dopo questo acquisto, iniziò nella camera del figlio Diego la costruzione di un plastico ferroviario, seguendo da subito un’idea sofisticata e complessa, ma non ancora consapevole di quanto questa impresa lo avrebbe impegnato e appassionato per oltre quarant’anni.

Il plastico ferroviario è tra i più estesi d’Europa: è 280 metri quadrati e riproduce paesaggi in miniatura attraversati a circa settanta treni delle case produttrici Marklin, Piko, Roco. Con 359 tratte possibili, quasi un chilometro di binari, oltre mille lampioni stradali, 121 semafori. E oltre cinquanta altoparlanti per la diffusione sonora. Non mancano gli abitanti o i passanti di questi paesaggi.

Dal 29 maggio 2022 all’8 gennaio 2023 è inoltre visitabile al primo piano del nuovo museo la mostra I luoghi del viaggio. Il fischio del treno, in collaborazione con Fondazione FS Italiane. L’esposizione intende approfondire l’universo del treno attraverso testimonianze e documentazioni d’epoca. Il percorso, focalizzato sugli anni Cinquanta e Sessanta del secolo scorso, si snoda attraverso una selezione di cinegiornali d’epoca provenienti dall’Archivio Storico di Fondazione FS Italiane che, tra ricordi legati al vissuto quotidiano e testimonianze dirette, vuole restituire la grande importanza che il treno riveste nel nostro immaginario. Eventi gloriosi e drammatici, storie quotidiane e binari metaforici rievocano uno spaccato della nostra storia, testimoniando come il treno possa essere allo stesso tempo portatore di memorie del passato e di speranza per il futuro.

Per maggiori info e per prenotazioni, è possibile visitare il sito https://www.hzero.com/

Orari: Tutti giorni, escluso il martedì, dalle 11 alle 19. Ultimo ingresso alle ore 18.

Immagine: HZERO Museum

Apre a Firenze il nuovo museo del treno con uno dei plastici ferroviari più grandi d'Europa
Apre a Firenze il nuovo museo del treno con uno dei plastici ferroviari più grandi d'Europa


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Divertiamoci con la Caccia all'Uovo del Castello del Buonconsiglio
Divertiamoci con la Caccia all'Uovo del Castello del Buonconsiglio
La Cappella degli Scrovegni in gigapixel per scoprirne i dettagli
La Cappella degli Scrovegni in gigapixel per scoprirne i dettagli
A Isernia esposto il reperto umano più antico d'Italia: il dentino di un bambino di 600mila anni fa
A Isernia esposto il reperto umano più antico d'Italia: il dentino di un bambino di 600mila anni fa
Urbino, sarà restaurata la lunetta di Luca della Robbia con un accordo pubblico-privato
Urbino, sarà restaurata la lunetta di Luca della Robbia con un accordo pubblico-privato
C'è un museo che per ringraziare medici e infermieri li fa entrare gratis. Succede in Toscana
C'è un museo che per ringraziare medici e infermieri li fa entrare gratis. Succede in Toscana
Tutto Van Gogh online. Musei olandesi lanciano il più grande database dell'artista
Tutto Van Gogh online. Musei olandesi lanciano il più grande database dell'artista