Bergamo, nasce Radio GAMeC, e il museo lancia anche una raccolta fondi per l'ospedale Giovanni XXIII


A Bergamo nasce Radio GAMeC, la radio del museo con mezz’ora di diretta tutti i giorni.

La GAMeC, la Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo, fa nascere una nuova iniziativa, Radio GAMeC, piattaforma per il live streaming del museo bergamasco, da subito disponibile sui canali social del museo e presto anche on air. Le trasmissioni si terranno tutti i giorni alle 11:30: una striscia quotidiana di mezz’ora, condotta dal giornalista Leonardo Merlini (critico letterario e culturale, caposervizio milanese dell’agenzia di stampa nazionale Askanews, nonché cronista nel mondo dell’arte contemporanea), in cui diversi ospiti condivideranno con il pubblico testimonianze dalla città e storie da tutto il mondo. Per la puntata zero, che andrà in onda domenica 22 marzo, saranno ospiti Lorenzo Giusti, direttore della GAMeC, e Giorgio Gori, sindaco di Bergamo. Tutti i giorni Radio GAMeC farà dunque mezz’ora di informazione e approfondimenti tra cronaca, arte, letteratura.

Tra gli ospiti della prima settimana: Alessandro Sciarroni, danzatore e coreografo Leone d’Oro alla carriera della Biennale danza di Venezia 2019; Michela Moioli, medaglia d’oro olimpica di Snowboard cross; Leonardo Caffo, filosofo e saggista; Francesco Micheli, direttore del Teatro Donizetti; Paolo Fresu, musicista; Michela Murgia, scrittrice e drammaturga; Formafantasma, designer.

Non solo: per l’occasione viene lanciata anche una raccolta fondi a sostegno dell’ospedale Papa Giovanni XXIII, per aiutarlo a far fronte all’emergenza sanitaria in corso (si può donare con bonifico bancario, all’IBAN IT52Z0569611100000012000X95, intestato ad ASST Papa Giovanni XXIII, con causale “Donazione Covid-19”: per condividere l’iniziativa si può utilizzare sui social l’hashtag #pleasedonate). Alla campagna, che coinvolge persone di tutto il mondo vicine alla GAMeC, ha risposto anche l’artista rumeno Dan Perjovschi (Sibiu, 1961), già chiamato in passato a collaborare con la Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea. Perjovschi ha generosamente realizzato ex novo una serie di disegni che esprimono l’amore per Bergamo e il ringraziamento ai medici e agli operatori sanitari, trasformati in moderni eroi che lottano quotidianamente per la vita delle persone. L’invito che la GAMeC rivolge a tutti è quello di contribuire con una donazione al lavoro dell’Ospedale della città, impegnato strenuamente a fronteggiare l’emergenza Coronavirus.

Radio GAMeC, con il suo palinsesto, accompagnerà nelle prossime settimane la campagna di raccolta fondi a favore dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII, lanciata sul profilo Instagram della Galleria la scorsa settimana.

“In queste settimane di chiusura ci siamo interrogati molto su cosa possa e debba fare un museo in un momento così difficile per la sua comunità”, afferma il direttore della GAMeC, Lorenzo Giusti. “La prima cosa è stata lanciare una campagna di raccolta fondi a sostegno dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII, per supportare medici, infermieri e volontari che in queste ore drammatiche stanno lottando per tutti noi. Ma il ruolo di un museo a Bergamo, in questa fase, non è solo quello imprescindibile di stringersi attorno alla sua comunità: è anche quello di aiutarla ad alzare lo sguardo e a lavorare fin da subito alla sua rinascita”.

Nell’immagine: il disegno Ti Berg Amo realizzato da Dan Perjovschi

Bergamo, nasce Radio GAMeC, e il museo lancia anche una raccolta fondi per l'ospedale Giovanni XXIII
Bergamo, nasce Radio GAMeC, e il museo lancia anche una raccolta fondi per l'ospedale Giovanni XXIII


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma