Bergamo, nasce Radio GAMeC, e il museo lancia anche una raccolta fondi per l'ospedale Giovanni XXIII


A Bergamo nasce Radio GAMeC, la radio del museo con mezz’ora di diretta tutti i giorni.

La GAMeC, la Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo, fa nascere una nuova iniziativa, Radio GAMeC, piattaforma per il live streaming del museo bergamasco, da subito disponibile sui canali social del museo e presto anche on air. Le trasmissioni si terranno tutti i giorni alle 11:30: una striscia quotidiana di mezz’ora, condotta dal giornalista Leonardo Merlini (critico letterario e culturale, caposervizio milanese dell’agenzia di stampa nazionale Askanews, nonché cronista nel mondo dell’arte contemporanea), in cui diversi ospiti condivideranno con il pubblico testimonianze dalla città e storie da tutto il mondo. Per la puntata zero, che andrà in onda domenica 22 marzo, saranno ospiti Lorenzo Giusti, direttore della GAMeC, e Giorgio Gori, sindaco di Bergamo. Tutti i giorni Radio GAMeC farà dunque mezz’ora di informazione e approfondimenti tra cronaca, arte, letteratura.

Tra gli ospiti della prima settimana: Alessandro Sciarroni, danzatore e coreografo Leone d’Oro alla carriera della Biennale danza di Venezia 2019; Michela Moioli, medaglia d’oro olimpica di Snowboard cross; Leonardo Caffo, filosofo e saggista; Francesco Micheli, direttore del Teatro Donizetti; Paolo Fresu, musicista; Michela Murgia, scrittrice e drammaturga; Formafantasma, designer.

Non solo: per l’occasione viene lanciata anche una raccolta fondi a sostegno dell’ospedale Papa Giovanni XXIII, per aiutarlo a far fronte all’emergenza sanitaria in corso (si può donare con bonifico bancario, all’IBAN IT52Z0569611100000012000X95, intestato ad ASST Papa Giovanni XXIII, con causale “Donazione Covid-19”: per condividere l’iniziativa si può utilizzare sui social l’hashtag #pleasedonate). Alla campagna, che coinvolge persone di tutto il mondo vicine alla GAMeC, ha risposto anche l’artista rumeno Dan Perjovschi (Sibiu, 1961), già chiamato in passato a collaborare con la Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea. Perjovschi ha generosamente realizzato ex novo una serie di disegni che esprimono l’amore per Bergamo e il ringraziamento ai medici e agli operatori sanitari, trasformati in moderni eroi che lottano quotidianamente per la vita delle persone. L’invito che la GAMeC rivolge a tutti è quello di contribuire con una donazione al lavoro dell’Ospedale della città, impegnato strenuamente a fronteggiare l’emergenza Coronavirus.

Radio GAMeC, con il suo palinsesto, accompagnerà nelle prossime settimane la campagna di raccolta fondi a favore dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII, lanciata sul profilo Instagram della Galleria la scorsa settimana.

“In queste settimane di chiusura ci siamo interrogati molto su cosa possa e debba fare un museo in un momento così difficile per la sua comunità”, afferma il direttore della GAMeC, Lorenzo Giusti. “La prima cosa è stata lanciare una campagna di raccolta fondi a sostegno dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII, per supportare medici, infermieri e volontari che in queste ore drammatiche stanno lottando per tutti noi. Ma il ruolo di un museo a Bergamo, in questa fase, non è solo quello imprescindibile di stringersi attorno alla sua comunità: è anche quello di aiutarla ad alzare lo sguardo e a lavorare fin da subito alla sua rinascita”.

Nell’immagine: il disegno Ti Berg Amo realizzato da Dan Perjovschi

Bergamo, nasce Radio GAMeC, e il museo lancia anche una raccolta fondi per l'ospedale Giovanni XXIII
Bergamo, nasce Radio GAMeC, e il museo lancia anche una raccolta fondi per l'ospedale Giovanni XXIII


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER