A Carrara c'è un nuovo spazio per l'arte nelle splendide sale di Palazzo del Medico: Vôtre. Ecco le foto


A Carrara è in piena attività lo spazio Vôtre, nuova sede espositiva per mostre di qualità nelle splendide sale di Palazzo del Medico.

È entrato ormai in piena attività, a Carrara, lo spazio Vôtre, una nuova sede espositiva per l’arte contemporanea che prende vita nelle splendide sale settecentesche dello storico Palazzo del Medico, in piazza Alberica, la principale del centro storico della città dei marmi. Il Palazzo, progettato dall’architetto dei Malaspina che governavano all’epoca il ducato di Massa e il principato di Carrara, Alessandro Bergamini, è noto per i suoi sontuosi stucchi e per le sue decorazioni in diversi tipi di marmi che abbondano in tutte le sale del piano nobile. Da qui passarono ospiti illustri, come Antonio Canova, che fu ospite della famiglia dei conti Del Medico, proprietaria dell’edificio, nel suo soggiorno a Carrara datato 1783 (la notizia è riportata dai biografi del grande scultore), mentre più avanti, nel 1851, accolse Maria Anna di Savoia, imperatrice d’Austria a seguito del suo matrimonio con Ferdinando I.

È nelle sale percorse da questi ospiti che è stato allestito Vôtre, che ha dato il via alle proprie attività espositive in primavera con Floating, mostra antologica> di Roberto Chiabrera (Genova, 1970), apprezzato pittore genovese che propone un’arte profondamente ispirata da alcuni nomi della grande arte americana come George Condo, Raymond Pettibon, Alex Katz (qui un’intervista all’artista). Fino al 14 luglio, Vôtre ospita due mostre parallele: Tributo ad Heinz Mack, una rassegna che ripercorre alcune tappe della carriera di uno dei principali protagonisti della scena tedesca contemporanea, Heinz Mack (Lollar, 1931), e Carrara Imperial, un omaggio che lo scultore Michele Chiossi (Lucca, 1970) riserva alla città di Carrara.

Tributo a Mack, curata da Chiara Guidi, espone un significativo nucleo di opere di Mack, “scultore e pittore” per sua stessa dichiarazione, ricordato in particolare per i contributi che ha dato alla op art e all’arte cinetica (come i rilievi di luce e i dynamo, opere in metallo lucidato) e la light art di cui è uno dei precursori nonché dei massimi esponenti (si ricorda in particolare la giostra di luce per lo Stedelijk Museum di Amsterdam). La rassegna carrarese, con una selezione di opere selezionate tra le carte e i bassorilievi in ceramica, si pone l’obiettivo di offrire al pubblico una testimonianza della sua carriera pluridecennale “dove il segno, la sperimentazione, l’interazione delle riflessioni, l’energia del terzo fuoco”, dichiara la curatrice, “rappresentano quel mondo innovativo che possiamo definire Mack ZERO”.

Il progetto Carrara Imperial, a cura di Vittoria Coen, si propone invece di presentare un ciclo di sculture che trovano nel marmo bianco di Carrara, materiale tra i prediletti da Michele Chiossi, motivi che rimandano tanto alle scelte tecniche quanto a quelle concettuali. Il marmo diventa in Chiossi mezzo per riflettere su tutti gli aspetti della cultura occidentale, da quelli più spensierati a quelli più drammatici, e le sue opere si fanno allegorie dei modi e costumi del nostro tempo. “In Carrara Imperial”, sottolinea la curatrice, “l’allusione al disfacimento della nostra società è presentenelle opere che, come ‘nature morte’ contemporanee, si manifestano come temi cari all’artista”.

Vôtre, che fin dal nome palesa la sua “destinazione” come spazio destinato a tutti e con eventi espositivi di qualità ma anche di richiamo per un pubblico folto, è gestito da Nicola Ricci, gallerista di lunga esperienza ed esperto di arte contemporanea. Per scelta stessa di Ricci, i ricchissimi spazî settecenteschi di Palazzo del Medico verranno lasciati liberi oppure ospiteranno solamente interventi che si sposano perfettamente con gli ambienti antichi, mentre le mostre verranno accolte nelle sale più recenti. Il programma espositivo prevede di alternare mostre di grandi nomi internazionali dell’arte contemporanea, artisti mid career e giovani promesse, il tutto in collaborazione con musei pubblici e privati, gallerie, fondazioni.

Lo spazio Vôtre apre tutti i giorni (nei periodi in cui sono presenti mostre) dalle 10:30 alle 12:30 e dalle 17 alle 20. Per informazioni è possibile contattare il numero 338 4417145, scrivere una mail all’indirizzo associazionevotre@gmail.com oppure visitare il sito ufficiale di Vôtre. Di seguito, alcune foto del nuovo spazio.

Sala dello spazio Vôtre
Sala dello spazio Vôtre



Sala dello spazio Vôtre
Sala dello spazio Vôtre



Sala dello spazio Vôtre
Sala dello spazio Vôtre



Sala dello spazio Vôtre
Sala dello spazio Vôtre

A Carrara c'è un nuovo spazio per l'arte nelle splendide sale di Palazzo del Medico: Vôtre. Ecco le foto
A Carrara c'è un nuovo spazio per l'arte nelle splendide sale di Palazzo del Medico: Vôtre. Ecco le foto


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Riaprono la GAM e il MAO di Torino. Ecco i nuovi orari di visita e le nuove mostre
Riaprono la GAM e il MAO di Torino. Ecco i nuovi orari di visita e le nuove mostre
Aperture serali al Museo Marino Marini. Di nuovo visitabile dal 17 giugno
Aperture serali al Museo Marino Marini. Di nuovo visitabile dal 17 giugno
Alle Gallerie dell'Accademia di Venezia aprono le nuove sale del Cinquecento. Le foto
Alle Gallerie dell'Accademia di Venezia aprono le nuove sale del Cinquecento. Le foto
Il Cenacolo Vinciano potrebbe riaprire a giugno, ma non si hanno ancora direttive precise
Il Cenacolo Vinciano potrebbe riaprire a giugno, ma non si hanno ancora direttive precise
Il Mosè di Michelangelo adesso si può... toccare: inaugurato il percorso visivo-tattile
Il Mosè di Michelangelo adesso si può... toccare: inaugurato il percorso visivo-tattile
Il MAMbo di Bologna si visita da casa: con “2 minuti di MAMbo” tutti i giorni il museo arriva da voi via social
Il MAMbo di Bologna si visita da casa: con “2 minuti di MAMbo” tutti i giorni il museo arriva da voi via social